Vicenza

Per Vicenza, città universitaria e degli studenti

Comunicato post evento

Aula piena ieri pomeriggio in Università a Vicenza e “studenti” originali, convocati da Urbana per proseguire il lavoro di impostazione del master plan per Vicenza, città universitaria e degli studenti.

Si è tenuto ieri – mercoledì 26 giugno, alle 18, presso presso le aule universitarie di Vicenza l’evento conclusivo del percorso di co-progettazione “Open Call per un Fair Living Integrato” che, tra ottobre 2023 e maggio 2024, ha visto la partecipazione di una cinquantina di cittadini, rappresentanti di numerose di istituzioni formative e associazioni del mondo giovanile e studentesco vicentino.

Il percorso è stato promosso da Urbana scs impegnata nell’attuazione di City Campus, realizzato da Sherpa Srl – Spin-off dell’Università degli Studi di Padova e dal Centro interdipartimentale di Studi Regionali “Giorgio Lago”, all’interno del progetto “Fair Living Integrato”, bando per il sostegno a progetti di ricerca e sviluppo nelle tematiche della salute e del benessere della Regione Veneto.

Patrizia Messina

Dopo i saluti istituzionali, il microfono è passato a Patrizia Messina, dottore di ricerca in Scienza politica presso l’Università di Padova, coordinatrice del Laboratorio UNICITY e membro dell’Accademia Olimpica di Vicenza, che ha introdotto e moderato l’incontro.

Lorenzo Liguoro

La presentazione del percorso realizzato e delle proposte di intervento è stata l’oggetto dell’intervento di Lorenzo Liguoro, di Sherpa srl ed esperto in progettazione complessa nell’ambito di iniziative di sviluppo locale.

Attraverso l’utilizzo del software “MOSAIC – Design Your Decision” e tecniche partecipative come brainstorming, focus group, European Awareness Scenario Workshop (EASW) e World Cafe, i partecipanti al percorso hanno analizzato il contesto di riferimento, lo sviluppo di scenari strategici e la definizione degli interventi di sviluppo.

“Vicenza possiede le condizioni per generare innovazione e collaborazione grazie all’economia della conoscenza, al capitale umano e alla disponibilità all’investimento. Trasformare Vicenza in una “città dell’innovazione inclusiva” significa sviluppare tecnologie in modo responsabile per il progresso sociale e la sostenibilità, favorendo la partecipazione di tutti”, dalla presentazione di Lorenzo Liguoro.

Michelangelo Savino e Giancarlo Corò

In risposta, sono intervenuti Michelangelo Savino, professore ordinario di Tecnica e Pianificazione Urbanistica presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale dell’Università degli studi di Padova, e Giancarlo Corò, Professore Ordinario di Economia Applicata presso il Dipartimento di Economia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e gli interventi dal pubblico.

“La programmazione è strategica per gestire i nodi critici”, Patrizia Messina

“Il Comune di Vicenza deve obbligare gli enti di formazione e le università a collaborare per costruire un percorso di Vicenza città dell’innovazione inclusiva”, Michelangelo Savino

Giancarlo Coró: “Vediamo se Vicenza avrà coraggio o se ci vorranno 800 anni per fare tre cose:

  1. Coordinamento frequente e costante
  2. ⁠Dare potere economico agli Enti di Formazione
  3. ⁠Coinvolgere gli enti di formazione nei processi istituzionali e decisionali”.

Tommaso Carrieri

Di Urbana: “Programma a lungo termine per superare l’attuale impasse sullo sviluppo delle città: la dinamica Stato e Mercato è insufficiente, servono prassi innovative e a Vicenza ci sono molte condizioni favorevoli per riuscirci. Anche a partire dal primo 1,1 milione di euro che in Urbana hanno già versato 187 persone, associazioni, cooperative e alcune aziende private”.

Presenti all’incontro anche Cecilia Bassanello per il Comune di Vicenza, referenti della Pastorale Universitaria della Diocesi di Vicenza, di Scienze Economiche dell’Università di Verona e Confcooperative.

L’invito è a seguire l’evoluzione del progetto: il prossimo appuntamento sarà dedicato alla presentazione della pubblicazione curata dalla d.ssa Messina, per il Centro interdipartimentale di Studi Regionali “Giorgio Lago” e alle proposte operative da coordinare.

Fonte Lucia Barbiero Citycampus

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Verified by MonsterInsights