Veneto

Papa Pio X – 60 Comuni a Riese, anche da Vicenza, Belluno e Padova

La visita degli amministratori pubblici a Papa Pio X – Venerdì 13 ottobre, ore 10.30, con partenza dal Municipio alle 10.30, ci sarà la visita degli amministratori locali all’urna del corpo di Papa Pio X.

Oltre 60 i comuni che hanno confermato la loro presenza ad ora, i cui rappresentanti sfileranno lungo il percorso della Peregrinatio per giungere al Santuario delle Cendrole alle ore 11.00.

Sarà presente in rappresentanza della Regione Veneto, il Presidente del consiglio regionale Roberto Ciambetti.

Questo elenco degli amministratori confermati:

Vicenza

  • Mussolente
  • Chiampo
  • Rossano Veneto
  • Romano d’Ezzelino
  • Marostica
  • Cartigliano
  • Pove del Grappa

Belluno

  • Borgo Valbelluna
  • Sovramonte

Padova

  • Cittadella
  • Camposampiero
  • Piombino Dese
  • San Martino di Lupari
  • Villa del Conte
  • Loreggia
  • Trebaseleghe
  • San Giorgio delle Pertiche
  • Gazzo Padovano
  • Galliera Veneta
  • Villanova di Camposampiero

Treviso

  • Montebelluna
  • Treviso
  • Castelfranco Veneto
  • Castello di Godego
  • Pieve del Grappa
  • Asolo
  • Borso del Grappa
  • San Zenone degli Ezzelini
  • Loria
  • Resana
  • Vedelago
  • Monastier
  • Trevignano
  • Cavaso del Tomba
  • Preganziol
  • Giavera del Montello
  • Caerano di San Marco
  • Maser
  • Altivole
  • Istrana
  • Morgano
  • Villorba
  • Spresiano
  • Cornuda
  • Fonte
  • Crocetta del Montello
  • Zero Branco
  • Roncade
  • Farra di Soligo
  • Villorba
  • Possagno
  • Pederobba
  • Mareno di Piave
  • San Biagio Callalta
  • Silea
  • Breda di Piave
  • Carbonera

Venezia

  • Noale
  • Salzano
  • Santa Maria di Sala

PAPA PIO X

Giornate indimenticabili per Riese Pio X, migliaia in processione da mattina a sera: sono curiosi e fedeli per l’urna del Pontefice custodita alle Cendrole. Per la prima volta un Papa è protagonista di una “peregrinatio corporis” a tappe. Una attesa lunga decenni, tutti gli eventi su www.papapiox.it

Pio X ha mantenuto la sua promessa. “O vivo o morto tornerò”. E fino al 15 ottobre le reliquie del Santo riesino potranno essere oggetto della devozione dei pellegrini e dei curiosi che non vogliono perdere la storica opportunità di partecipare alla sua “peregrinatio corporis”. È la prima volta nella millenaria storia della Chiesa che accade una “peregrinatio” a tappe di questo genere, negli unici due precedenti ci fu un solo luogo di sosta. Pio X invece resterà a Cendrole di Riese Pio X (nel Trevigiano) fino al 15 ottobre per poi proseguire nel Padovano e nel Veneziano.

Il sindao di Riese

Matteo Guidolin, sindaco di Riese e presidente della Fondazione Giuseppe Sarto

“Sono giorni che rimarranno a lungo impressi nella memoria di tutti noi”, dichiara Matteo Guidolin, sindaco di Riese e presidente della Fondazione Giuseppe Sarto che sta coordinando l’evento. “Vedo ovunque sorrisi e voglia di partecipare a questo momento storico. Ringrazio i volontari e tutti gli enti coinvolti in questa impegnativa settimana di fede e turismo per il nostro Comune. Stiamo accogliendo in poche ore un numero di fedeli e pellegrini che di solito impiega anni per visitarci. Una sfida emozionante e bellissima”.

Fino a domenica 15 sarà possibile visitare l’urna di Pio X presso il Santuario della Madonna delle Cendrole, prenotando o recandosi direttamente al punto di accoglienza. Riese Pio X attendeva l’evento da decenni e si è preparata a lungo per dare il “bentornato” al proprio compaesano attraverso una fitta rete di opere pubbliche, culminate con il restauro conservativo della casa museo di Bepi Sarto.

Il programma della settimana è fitto.

Molta attesa per le processioni, ne sono programmate tre, partenza alle 20.45 (anticipate dalla messa alle ore 20), saranno presiedute dal vescovo Michele Tomasi e animate dai diversi vicariati della Diocesi. Saranno eventi molto partecipati e resi unici dalle candele e dai canti. La loro scia di luce dal centro storico, attraverso il sentiero del Curiotto, sarà davvero emozionante. Per la programmazione completa: www.papapiox.it.

Chi vorrà, potrà visitare Riese anche in solitaria, creandosi un proprio percorso (non è necessario prenotare). Una volta giunti alle Cendrole, dopo aver pregato all’urna del Santo, è interessante osservare nel dettaglio l’altare ellittico pensato per la teca, un basamento di 530×405 centimetri e per un’altezza di 85 centimetri collocato al centro della chiesa. Sul perimetro si sviluppa una raggiera di 188 listelli lignei a scandire, come una linea del tempo, gli anni trascorsi dalla nascita di Pio X (1835) fino ad oggi. L’intero allestimento sarà di color bianco; solo 19 listelli avranno una finitura in rovere naturale, ad indicare 19 momenti salienti della vita di san Pio X.

I turisti religiosi

Da evidenziare la presenza di molti turisti religiosi, per trovare da dormire serve cercare alberghi e hotel nelle città limitrofe come Castelfranco Veneto, Possagno, Bassano del Grappa e Cittadella, luoghi peraltro perfetti per passare qualche giorno di vacanza dopo aver visitato Riese. Per gli amanti dell’enogastronomia, a pochi chilometri ecco le colline di Asolo e della Docg del Prosecco.

Riese (undicimila abitanti comprese le frazioni), oltre ad aver supportato il restauro e la riqualificazione del complesso della Casa Natale (incluso un innovativo approccio al museo: è possibile di visitarlo con la realtà aumentata su www.papapiox.it), negli ultimi mesi ha anche riqualificato il Curiotto, sentiero che Sarto percorreva da giovinetto per andare a pregare; realizzato la pista ciclabile da Cendrole a Spineda, che unirà definitivamente il centro di Riese al Sentiero degli Ezzelini; e progettato il nuovo arredo urbano. Il pellegrino potrà inoltre visitare il presepio artistico pluripremiato (presso l’asilo parrocchiale) e una mostra sullo scultore Francesco Sartor (in Barchessa Zorzi).

VADEMECUM PER IL PELLEGRINO

Ricordiamo che per accedere al Santuario delle Cendrole è necessario accreditarsi presso il punto accoglienza sito davanti alla Scuola primaria di Riese (Via Merry del Val) a ridosso del parcheggio principale dell’Oratorio: al punto accoglienza viene consegnato il kit del pellegrino e il pass per entrare (gratuitamente). Prima di iniziare il pellegrinaggio (dal centro di Riese alle Cendrole sono circa 1.700 metri; ci sono punti di sosta e ristoro nel tragitto) è prevista una introduzione spirituale alla fonte battesimale in cui lo stesso Pio X ricevette il sacramento. Un servizio navetta è disponibile per chi abbia difficoltà a camminare. Per chi arriva in auto a Riese, è consigliato l’utilizzo dei parcheggi di Via Bembo, di Via Monte Tomba e via Castellana.

CONTATTI: PKCommunication     press@pkcommunication.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio