Veneto

Disabilità: ok in Veneto a progetto per realizzare servizi per l’inclusione

Disabilità: inclusione delle persone sorde o con ipoacusia. disponibili 684 mila euro dopo l’ok della presidenza consiglio ministri

“Le persone sorde, sordocieche, o con disabilità uditiva o deficit di comunicazione e di linguaggio, sono persone che, devono avere le stesse possibilità in termini di accesso alla comunicazione. I loro problemi non li devono escludere in nessun modo dalla vita sociale, lavorativa e dalla possibilità di accedere ai servizi pubblici. Non possono essere lasciate sole e vanno aiutate ad eliminare o diminuire il loro gap nelle relazioni sociali. La Regione Veneto, storicamente attenta all’area del bisogno, non lo ha fatto, né lo farà in futuro, al punto che abbiamo varato la prosecuzione di un progetto specifico a loro dedicato (Prosecuzione, valorizzazione e rafforzamento del Progetto E-Inclusion: Vedo, Sento Ascolto, Capisco) per il quale utilizzeremo i fondi messi a disposizione dal Fondo Nazionale per l’Inclusione delle Persone Sorde e con Ipoacusie”.

L’assessore Manuela Lanzarin

Lo annuncia l’Assessore al Sociale della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, dopo che la Giunta, su sua proposta, ha approvato il Progetto. Approvato disponendone l’invio alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio per le Politiche a Favore delle persone con disabilità, con la richiesta di usufruire della possibilità di proseguire nei progetti previsti da un decreto nazionale del 6 marzo 2020.

Si tratta delle annualità nazionali 2021-2022, nell’ambito delle quali alla Regione Veneto sono stati recentemente assegnati 684.337 euro, comprensivi della quota premio per la continuità del Progetto. Con successivo provvedimento, previa la verifica da parte dell’Organismo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, saranno definiti il riparto delle risorse, che verranno assegnate alle Ullss, alle Aziende Ospedaliere e allo Iov.

Continua Lanzarin

“Ci muoviamo – dice la Lanzarin – nel solco del Piano Triennale 2021-2023. Piano che rafforza gli interventi di promozione dell’inclusione e dell’integrazione sociale di persone sorde, sordocieche, con disabilità uditiva. O con deficit di comunicazione e di linguaggio. Lavorando sull’abbattimento delle barriere della comunicazione, il riconoscimento della lingua dei segni italiana (LIS) e di quella tattile (LIST) e la diffusione di ogni altra tecnologia (video interpretariato, sottotitolazione) che favorisca un ambiente accessibile in famiglia, nella scuola, nella comunità e nella rete dei servizi”.

“Come Regione – riferisce l’Assessore – abbiamo anche implementato con nostre risorse un progetto specifico in collaborazione con le Scuole Pol. Scuole per l’Inclusione individuate dal MIUR, con il quale abbiamo favorito il miglioramento delle competenze relazionali e di comunicazione del personale docente e non, promuovendo la qualità e la quantità degli scambi comunicativi. Scambi comunicativi per favorire l’aumento dell’interazione con gli alunni con disabilità sensoriale, rafforzando così i processi di apprendimento”.

Progetto approvato e inviato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Il Progetto approvato e inviato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, prevede una serie di azioni. Azioni tra le quali la definizione da parte del Tavolo di Coordinamento di un nuovo Piano d’Azione e di un nuovo Piano di informazione e disseminazione dei risultati del progetto. La presentazione del Piano alle Associazioni di Categoria e agli Enti che operano a livello regionale nella tutela delle categorie beneficiarie del progetto stesso.

L’elaborazione di video guide disponibili su tablet e smartphone che contengano informazioni nella lingua dei segni e sottotitolazioni. Video attivabili con supporti tecnologici, come ad esempio il QR Code. Saranno rese anche possibili le traduzioni dei documenti secondo criteri di elevata comprensibilità e leggibilità. Verranno di conseguenza rafforzate e consolidate le piattaforme informatiche che implementino attività di video interpretariato a distanza con interpreti LIS. Interpreti con sottotitolazione e trascrizione automatica del parlato in tempo reale. Previsto anche il potenziamento degli interventi di accessibilità dei siti web aziendali.

Fonte: AGENZIA VENETO NOTIZIE
UFFICIO STAMPA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO
(AVN) – Venezia, 8 agosto 2023

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio