Basket

Troppa Gemini Mestre per la pallacanestro Vicenza

Serie B Nazionale  – Gemini Mestre VS Civitus Allianz Pallacanestro Vicenza

Gemini Mestre – Civitus Allianz Vicenza 94-66 (27-19, 24-10, 19-19, 24-18)

Gemini Mestre:

Andrea Mazzuchelli 19 (4/7, 3/5), Fabio Bugatti 16 (5/7, 1/1), Edoardo Caversazio 15 (3/4, 2/2), Nicolo’ Pellicano 12 (4/6, 0/0), Ivan Morgillo 11 (4/5, 1/2), Giovanni Lenti 9 (2/3, 0/0), Marco Perin 8 (4/6, 0/2), Pietro Bocconcelli 4 (2/4, 0/2), Fabio Sebastianelli 0 (0/2, 0/2), Emanuele Zampieri 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 22 – Rimbalzi: 40 10 + 30 (Nicolo’ PellicanoIvan Morgillo 7) – Assist: 20 (Nicolo’ PellicanoMarco Perin 5)
Allenatore Ciocca

Civitus Allianz Vicenza:

Valerio Cucchiaro 13 (3/5, 1/3), Andrea Ambrosetti 11 (2/4, 1/3), Andrea Campiello 9 (2/3, 0/1), Diego Terenzi (foto in copertina) 8 (1/4, 2/3), Giovanni Brescianini 7 (0/1, 2/2), Luca Brambilla 7 (3/5, 0/2), Luca Antonietti 4 (2/2, 0/2), Stefano Cernivani 4 (2/6, 0/2), Andrea Pavan 3 (0/0, 1/3), Alessandro Riva 0 (0/4, 0/2), Drjibril mattia Fall 0 (0/0, 0/0), Alberto Pendin 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 20 – Rimbalzi: 19 6 + 13 (Alessandro Riva 5) – Assist: 9 (Valerio Cucchiaro 3)
Allenatore Cilio
Nessuno uscito per cinque falli. Arbitri Spinelli di Cantu’ e Castellano di Legnano

Un brusco risveglio

Si rivela alquanto brusco il risveglio per la Civitus Vicenza, che lascia via libera a Mestre, incappando nel primo stop dopo l’ottimo debutto casalingo offerto in campionato domenica scorsa con Chieti.   Che il viaggio in terra veneziana fosse ai limiti del proibitivo lo si sapeva, inutile girarci intorno, ma il 94 a 66 finale, da consegnare  agli archivi, dà fastidio e non poco.   Non certo la maniera migliore per dare il via al trittico di gare in sette giorni, che continuerà mercoledi a Vicenza con Ruvo e terminerà domenica 15 a Faenza, tutte avversarie che puntano scopertamente alla conquista del primo posto al termine della regular season del girone.

Pallacanestro Vicenza – Resettare subito

La tanta imprecisione al tiro, non solo da fuori ma anche sotto al tabellone avversario ed un’arrendevolezza eccessiva a livello difensivo che immancabilmente si  paga a caro prezzo, hanno tolto i biancorossi vicentini dal match già a metà del secondo periodo.   La parola d’ordine è resettare subito in vista di mercoledì. Il team mestrino, galvanizzato dal blitz in rimonta sul parquet di Faenza e che può sempre contare sul carisma la bravura e l’esperienza di coach Cesare Ciocca ha difeso con impressionante energia, ma non solo, perchè ha sfornato anche percentuali di tiro  importanti (58,3 per cento da due e 43,8 da tre punti ) ha dominato a rimbalzo ed ha avuto in capitan Andrea Mazzucchelli il proprio trascinatore e match winner.

L’ex play di Vicenza nel secondo periodo è salito in cattedra ed ha trovato il fondo della retina da tutte le posizioni, contribuendo a mettere la firma sulla decisiva accelerata per i propri colori.  Sicuramente per i veneziani poter disputare le gare interne nella gloriosa arena del Taliercio  è motivo di orgoglio dà la misura della consistenza di un progetto  e la spinta che arriva dagli spalti si fa sentire eccome.

PRIMO QUARTO

L’unico nel quale Vicenza offre qualcosa di buono anche se i ventisette punti al passivo sono troppi.

SECONDO QUARTO

L’attacco di Vicenza s’inceppa, quello di Mestre va a mille e matura il parziale di 24 a 10 per i padroni di casa, che toccano il più 22 (51 a 29) al momento di tornare negli spogliatoi per l’intervallo lungo.

TERZO  QUARTO

Ci si attende una reazione vicentina che non c’è.   Le distanze rimangono invariate.

ULTIMO QUARTO

Ci si avvia verso la sirena finale con Mestre che non solo è in totale fiducia e controllo, ma come se non bastasse riesce anche ad ampliare il proprio vantaggio.  Vicenza concede giustamente spazio anche ai suoi giovani Pavan e Fall

Riccardo Giuntini Pallacanestro Vicenza

pallacanestro Vicenza
Luca Antonietti

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Verified by MonsterInsights