Basket

Pallacanestro Vicenza mai in partita a Ravenna. Ora la salvezza passa dai playout

Basket Serie B Nazionale – I romagnoli dell’OraSi s’impongono nettamente e festeggiano la permanenza nella categoria – Pallacanestro Vicenza

OraSì Ravenna – Civitus Allianz Vicenza 80-56 (27-16, 15-17, 24-10, 14-13)

OraSì Ravenna:

Francesco Bedetti 22 (7/12, 0/3), Ivan Onojaife 13 (4/6, 0/0), Francesco Paolin 11 (3/5, 1/4), Lorenzo Panzini 9 (1/2, 2/6), Alessandro Ferrari 7 (3/4, 0/2), Mitja Nikolic 7 (2/2, 1/2), Tommaso De gregori 6 (2/6, 0/0), Gabriel Dron 5 (1/2, 1/3), Mirko Laghi 0 (0/1, 0/0), Tommaso Galletti 0 (0/0, 0/0), Mario Brunetto 0 (0/0, 0/0), Allegri Lorenzo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 21 – Rimbalzi: 42 8 + 34 (Ivan Onojaife 10) – Assist: 15 (Francesco Paolin 5)
Allenatore: Bernardi

Civitus Allianz Vicenza:Pallacanestro Vicenza

Stefano Cernivani 9 (2/6, 1/6), Fabio Bugatti 8 (2/4, 1/5), Niccolò Lurini 7 (3/3, 0/2), Luca Brambilla 7 (1/2, 1/3), Andrea Campiello 6 (2/6, 0/0), Valerio Cucchiaro 4 (1/2, 0/1), Alessandro Riva 4 (2/5, 0/1), Luca Antonietti 4 (2/9, 0/1), Sami Sanad 4 (2/4, 0/1), Andrea Pavan 2 (1/1, 0/0), Nicholas Carr 1 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 16 – Rimbalzi: 27 6 + 21 (Luca Brambilla 6) – Assist: 9 (Luca BrambillaValerio Cucchiaro 2)

Allenatore: Ghirelli.

Uscito per cinque falli Cucchiaro.

Arbitri Licari di Marsala e Curreli di Cagliari.

La Civitus Vicenza, al palaCosta, non sfrutta la chance dello scontro diretto per avvicinare in classifica Ravenna , con un colpo esterno e mantenere vive le possibilità di una salvezza diretta, in vista dell’ultima giornata di regular season.

Nulla di tutto questo.

Il quintetto berico dimostra  la sua enorme fragilità, compiendo preoccupanti passi indietro rispetto alle ultime prestazioni, in una domenica nella quale, come se non bastasse, le dirette avversarie hanno fatto tutte risultato pieno.

Questo fatto, al momento, relega il team di coach Ghirelli nella scomodissima e penalizzante ultima posizione della griglia playout, privandolo temporaneamente dell’essenziale ausilio del fattore campo, in una postseason che si prospetta davvero complicata. Per tale motivo domenica prossima Vicenza, che ha chiuso, con appena tre successi esterni, la sua tribolata stagione regolare è chiamata al palaGoldoni ad un’impresa, ossia fermare la capolista Roseto per riprendere un pò di respiro e con esso morale e consapevolezza.

Oltre a impossessarsi, naturalmente, di un piazzamento finale un pò più accattivante.

Ravenna

Ha brillantemente archiviato la pratica salvezza, ( 80 a 56 il risultato finale ) sospinta dall’incessante tifo dei propri sostenitori e non ha fallito l’obiettivo. Dominando sin dall’inizio e gettando sul parquet la necessaria ferocia agonistica. Condita dal 58 per cento nelle conclusioni da due punti.

Alla Civitus incappata in un tonfo sicuramente inatteso, dopo le recenti confortanti performances, si sono ripresentati i vecchi fantasmi. Sotto forma di una sterilità offensiva (3/20 dall’arco dei 6,75) e la miseria di 24 punti realizzati nel secondo tempo. Oltre a una difesa troppo facile da perforare. C’è da rimettere alla svelta la barra dritta. Ma è imprescindibile l’aiuto di tutti.

Riccardo Giuntini Pallacanestro Vicenza

RISULTATI

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio