Sanità

ULSS 8 Berica: servizi socio-sanitari sempre più uniformi

E’ questo uno dei risultati più significativi raggiunti attraverso l’approvazione nei giorni scorsi dei nuovi Piani di Zona per il Distretto Est e il Distretto Ovest dell’ULSS 8 Berica

Garantire ai cittadini risposte assistenziali efficaci e appropriate, ma anche uniformi, affinché tutti i residenti nel territorio dell’ULSS 8 Berica possano beneficiare dei medesimi standard di servizio e dei medesimi percorsi di accesso e modelli organizzativi, a prescindere dal Comune di appartenenza.

Gli obiettivi

È questo uno degli obiettivi più importanti raggiunti con l’approvazione, ieri, da parte della Conferenza dei Sindaci dei nuovi Piani di Zona 2023-2025 per il Distretto Est e il Distretto Ovest, dopo che nei giorni scorsi erano stati votati anche dai rispettivi Comitati dei Sindaci.

«L’unificazione delle aziende sanitarie a seguito della razionalizzazione introdotta a partire dal 2017 – sottolinea la dott.ssa Maria Giuseppina Bonavina, Direttore Generale dell’ULSS 8 Berica – rappresenta un percorso complesso, nel quale certamente la nostra ULSS ha raggiunto uno stadio molto avanzato. In questo impegno di revisione organizzativa, la maggiore complessità vi è proprio nei servizi socio-sanitari, dove il tema dell’armonizzazione deve essere bilanciato con il riconoscimento delle specificità dei diversi territori, che devono essere rispettate. Allo stesso tempo, si tratta anche di valorizzare le diverse esperienze maturate nel corso degli anni, al fine di condividere e diffondere le best practice individuate sulla base di un contesto di obiettivi e valori e di una metodologia che oggi sono assolutamente condivisi».

Come noto, il Piano di Zona

è il documento di sintesi della programmazione delle politiche sociali e sociosanitarie rivolte alla popolazione ed è il risultato del confronto costruttivo tra l’Azienda socio-sanitaria, le Amministrazioni Comunali e gli altri soggetti coinvolti a vario titolo nell’erogazione di servizi socio-sanitari.

«I piani di zona sono formalmente due

– sottolinea il dott. Achille Di Falco, Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’ULSS 8 Berica -, ma abbiamo fatto un gran lavoro di omogeneizzazione, mettendo al centro delle progettualità concetti come l’integrazione, l’armonizzazione, il welfare di comunità e la generatività, che rappresentano le peculiarità comuni ai due Piani di Zona.

La decisione di preservare il percorso di unificazione avviato a decorrere dal 2017 e che ha iniziato a concretizzarsi, ha fatto sì che anche per i nuovi Piani di Zona si aprissero dei cantieri, partecipati da rappresentanti delle Amministrazioni Locali e da tecnici, aventi gli stessi obiettivi per uniformare le risposte ai cittadini, pur riconoscendo le diverse identità locali e le radici del proprio valore territoriale.

La scelta dei Comitati di adottare per la prima volta la strategia della co-programmazione del Piano di Zona, in questo contesto, si è rivelata vincente perché ha stimolato la collaborazione dei diversi attori “significativi” del territorio, favorendo un dialogo interattivo tra esperienze e saperi. Il territorio si è rivelato maturo e ricettivo ad accogliere una sfida impegnativa, ma arricchente poiché ha rigenerato i processi partecipativi».

Un impegno condiviso per uniformare le offerte dei servizi e i principi guida sottostanti che è stato sancito anche formalmente, con una dichiarazione di armonizzazione sottoscritta dal Direttore Generale dell’ULSS 8 Berica e dal Presidente della Conferenza dei Sindaci Dino Magnabosco.

«Ringrazio l’azienda sanitaria e tutti i colleghi amministratori comunali che hanno partecipato ai vari tavoli – afferma Dino Magnabosco –. Aver raggiunto questo risultato è una grande soddisfazione, che condivido con chi amministra il territorio e ha quindi il compito di intercettare i bisogni dei cittadini e di tramutarli in proposte concrete per far sì che vi sia un sistema socio-sanitario pubblico sempre più efficace. In tutto ciò, la piena collaborazione tra azienda sanitaria e Comuni, come avvenuto per i Piani di Zona, è fondamentale».

Sanità km zero: la salute a portata di mano.

Il portale regionale Sanità km zero Fascicolo permette di visualizzare e scaricare in maniera comoda e sicura, senza alcun limite di tempo e da qualsiasi dispositivo, referti e altri documenti sanitari prodotti da Ulss 8 Berica, e di prenotare visite ed esami in uno dei CUP della Regione del Veneto. L’app Sanità km zero Ricette permette di gestire le prescrizioni farmaceutiche, le ricette specialistiche, le prenotazioni di visite ed esami in uno dei CUP della Regione, e di visualizzarli direttamente  dallo smartphone. Info.

Fonte: Ufficio Stampa ULSS 8 Berica

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio