Provincia

Scuola per Genitori di Confartigianato Imprese Vicenza

La Scuola per Genitori riparte. Tre appuntamenti ad ottobre per affrontare i temi legati alla genitorialità e al futuro (anche lavorativo) dei figli. Preiscrizioni agevolate e con vantaggi fino al 31 maggio. – Scuola per Genitori di Confartigianato Imprese Vicenza

Il ruolo dei genitori è ancora determinante sulle scelte dei più giovani, in particolare su decisioni chiave quali scuola e lavoro. Lo afferma il 70% degli stessi ragazzi (seguono gli insegnanti con il 68%) secondo quanto emerso da una indagine di Confartigianato Vicenza (del 2022) condotta dall’Istituto Universitario Salesiano di Venezia che ha coinvolto anche 917 giovani vicentini tra i 14 e 19 anni (sui 1.661 rispondenti).

Nel frattempo gli effetti della pandemia si sono fatti sentire tanto tra i ragazzi che in famiglia, scombinando gli equilibri, mentre i dati demografici raccontano di un futuro in cui i senior aumenteranno progressivamente. In tutto questo anche il mondo dell’impresa è cambiato dovendo far fronte a nuovi assetti economici e geo politici, a seguito soprattutto della guerra in Ucraina, e alle tematiche legate alla sostenibilità che hanno prodotto un cambio di passo e modi nuovi di interpretare il fare impresa.

Cambiamenti che di riflesso investono gli educatori, in primis i genitori e gli insegnanti, ovvero chi deve accompagnare i ragazzi verso un futuro che permetta loro di unire aspirazioni personali e professionali, due tra le voci più rappresentative della ricerca (con l’88% l’una e il 73% l’altra), alle mutate esigenze della società e del mondo imprenditoriale.

Ruoli, relazioni e modelli di appena qualche anno fa

infatti paiono non funzionare più, rendendo necessaria di una riflessione che permetta di ridefinirli. Da qui la rinnovata proposta della Scuola per Genitori di Confartigianato Imprese Vicenza, quale strumento di confronto, riflessione e comunicazione, per cercare di costruire nuove strade educative, nel tentativo di dare alla famiglia una rinnovata centralità, come ha anticipato dal prof. Paolo Crepet nel corso della presentazione dell’iniziativa.

La ricerca di Confartigianato racconta di giovani che preferiscono un lavoro vicino a casa, soprattutto i ragazzi (91%) e chi ha in tasca un diploma di istituto tecnico, mentre le loro coetanee e chi esce da un liceo sono disposti anche a spostarsi in altra regione o altro paese Europeo per trovare il lavoro ritenuto adatto.

Questo conferma quanto le figure tecniche nel territorio vicentino possano trovare un’occupazione in linea con le loro aspirazioni.

Non a caso i dati dell’Ufficio Studi hanno rilevato che il tasso di occupazione under 35 nel vicentino nel 2022 si è assestato al 52%, poco sotto alla media regionale (53,5%) ma ben al disopra di quella nazionale (43,7%). I Neet, ovvero quei giovani dai 15 ai 29 anni che non studiano né lavorano, fenomeno preoccupante e accelerato dalla pandemia, in Veneto nel 2021 si assestavano al 13,9% contro una media Italia del 23,1%.

A questo, si è aggiunto il fenomeno delle ‘grandi dimissioni’ che nel 2022 a Vicenza ha pesato per il 34,4% sul totale delle cessazioni.

Si arriva così ad avere sempre più aziende in difficoltà nel trovare nuove risorse umane. Nel 2023, ad esempio, si fatica a trovare il 61,5% degli operai specializzati e conduttori d’impianti (dato di aprile) di cui le imprese hanno bisogno (erano 39,9% nel 2019).

“Siamo partiti da qui per stilare un calendario di tre appuntamenti

con ospiti che permettano ai genitori di avere una chiave di lettura del mondo dei giovani, così diverso da appena qualche anno fa, delle loro aspirazioni, delle loro aspettative, ma anche delle loro fragilità e delle loro potenzialità – commenta Riccardo Barbato, componente della Giunta di Confartigianato Vicenza con delega all’Orientamento e ai rapporti con la scuola-.

Il compito di noi adulti, infatti, è quello di fornire alle giovani generazioni nuove opportunità da innestare sul presente per uno sviluppo, culturale, economico e sociale, futuro. I ragazzi sono il vero ‘capitale umano’ su cui investire anche fornendo loro una maggiore consapevolezza.

Come raccontano i dati si è arrivati al paradosso di una generazione, i cosiddetti Neet, immobile e di aziende che cercano nuove risorse umane e nuove competenze da inserire nell’impresa. Nella mancanza d’incontro tra queste due realtà spesso c’è un disorientamento in famiglia nella valutazione della scelta della scuola superiore e del futuro occupazionale del figlio”.

“Certo – continua Barbato-

pesa anche il clima di incertezza che si ‘respira’ e che rischia di influenzare negativamente lo sguardo verso il futuro dei più giovani. Come Confartigianato invece pensiamo che proprio dai nostri ragazzi possano venire quelle idee, quell’entusiasmo, quella creatività di cui non solo l’impresa ha bisogno.

Materie quali l’innovazione tecnologica, l’apertura verso il mondo, la sostenibilità intesa nelle sue varie accezioni, sono le sfide del futuro, temi che per molti ragazzi sono parte del loro quotidiano.

Allora diamo loro una possibilità, anche attraverso un’educazione che ritrovi l’importanza del fare. Come, ce lo spiegheranno i qualificati relatori della Scuola per Genitori”

Rispetto alle edizioni precedenti la formula prevede alcune novità.

Gli incontri saranno tre, tutti ad ottobre,

e si svolgeranno al Teatro Comunale di Vicenza. Il primo appuntamento vede ospite uno dei relatori che hanno seguito sin dalla sua nascita la Scuola per Genitori: Paolo Crepet (psichiatra, sociologo e scrittore) che in “Lezioni di sogni” affronterà il tema “Un metodo educativo ritrovato”.

Seguirà l’incontro, il 17 ottobre, con un altro apprezzato relatore della Scuola: Osvaldo Poli (psicoterapeuta e scrittore) che invece spiegherà cosa fare “Per essere buoni genitori. Gli errori educativi. Il carattere dei figli. I sensi di colpa”.

Ultimo appuntamento il 24 ottobre con Lucio Zanca (manager, consulente, docente e autore) che racconterà ai genitori “Il nuovo senso del lavoro. I nostri figli cercano orizzonti e segnali di speranza”.

Quanto alle modalità di iscrizione è previsto il pagamento di un biglietto per tutti e tre gli incontri ma per chi si iscrive entro il 31 maggio sono previsti degli sconti, con tariffe soci e non soci, e la possibilità del posto riservato.

Il biglietto, che prevede agevolazioni anche per gli accompagnatori, è ‘al portatore’ quindi se non si può essere presenti a uno degli incontri lo si può cedere a un amico o collega. Tutti i dettagli e le informazioni si trovano sul sito di Confartigianato Vicenza (www.confartigianatovicenza.it)

Comunicato 50  –  18 aprile 2023

Nella foto in copertina: (da sinistra) Sandra Fontana, responsabile Area Capitale Umano di Confartigianato Vicenza; Riccardo Barbato, componente della Giunta di Confartigianato Vicenza con delega all’Orientamento e ai rapporti con la scuola; Carlotta Andracco dell’Ufficio Studi di Confartigianato Vicenza.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio