Provincia

Prefettura di Vicenza: interdittiva antimafia

Prefetto di Vicenza Salvatore CACCAMO

Si rende noto che, ieri 17 maggio 2024, il Prefetto di Vicenza Salvatore CACCAMO ha firmato un’interdittiva antimafia nei confronti di una società, con sede legale nel capoluogo, operante nel settore della raccolta e smaltimento di rifiuti. Prefettura di Vicenza

Il provvedimento.

Adottato all’esito di una puntuale istruttoria svolta dal Gruppo Interforze Antimafia (GIA), coordinato dalla Prefettura e del quale fanno parte componenti della Questura, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Direzione Investigativa Antimafia – Centro Operativi di Padova e dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro.

Il GIA ha accertato l’esistenza di un effettivo rischio di contaminazione mafiosa attraverso la contiguità con elementi appartenenti a sodalizi criminali della Campania.

Com’è noto, l’informazione interdittiva antimafia costituisce uno dei principali strumenti di prevenzione amministrativa nel contrasto alla criminalità organizzata. Una “frontiera avanzata” della lotta alla mafia, con lo scopo di scongiurare una minaccia per la sicurezza pubblica. L’infiltrazione mafiosa nell’attività imprenditoriale.

La sussistenza del rischio di infiltrazione e/o condizionamento nell’esercizio dell’attività dell’impresa interdetta è stata rinvenuta in un ampio quadro di insieme che ha tenuto conto di più fattori. Quali ad esempio il territorio di riferimento, nello specifico quello campano e segnatamente quello della provincia di Caserta. Territorio notoriamente condizionato dalle organizzazioni criminali camorristiche. Oltre al settore economico della raccolta e smaltimento di rifiuti, individuato come ad alto rischio di infiltrazione.

Il Prefetto

Ha rimarcato come l’importante azione istruttoria sviluppata nei mesi scorsi dai componenti del Gruppo Interforze Antimafia abbia consentito di pervenire all’adozione del predetto provvedimento inibitorio e ha rinnovato l’invito a tutti gli attori del sistema sicurezza a massimizzare i risultati dell’azione di prevenzione e di contrasto alla criminalità a tutela delle condizioni di impermeabilità dell’economia vicentina, in particolare in questo delicato momento in cui si registra una vitalità delle progettualità ricadenti nel PNRR che condurranno alla realizzazione di importanti opere pubbliche ed infrastrutturali soprattutto della mobilità e della comunicazione.

Vicenza, 18 maggio 2024

Prefettura di Vicenza

Il Capo di Gabinetto Cassaro

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio