Provincia

PinkIng 2022: l’ingegneria è arte?

PinkIng 2022: l’ingegneria è arte?

Incontro pubblico e divulgativo a libera partecipazione
Palazzo delle Opere sociali, sala Lazzati (o collegamento on-line) – Piazza Duomo, 2 – Vicenza
Venerdì 25 marzo 2022 – Ore 18-20.30


Terza edizione per “PinkIng”, format dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Vicenza, declinato in forma di incontro dal taglio divulgativo e aperto al pubblico, per raccontare le straordinarie conquiste dell’ingegneria al femminile, dalla viva voce delle protagoniste
Ingegneria e arte, arte e ingegno, ingegno e ingegneria: parole e mondi interconnessi, che si annoderanno insieme grazie ad un originale filo conduttore tutto al femminile. Numerose, sorprendenti e stimolanti saranno le esperienze di donne ingegneri, che nel loro percorso hanno saputo e voluto coniugare la professione tecnica con l’espressione artistica.
A PinkIng 2022 va in scena l’arte dell’ingegneria e l’arte nell’ingegneria con:
 Maria Acrivoulis architetto e presidente nazionale AIDIA/Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti: “Ars ingeniaria”
 Valentina Berengo ingegnere geotecnico e giornalista culturale: “L’anima cólta dell’ingegnere”
 Elisa Giordano ingegnere dell’informazione e imprenditrice nel settore della moda: “Fashion engineerart – L’arte del cambiamento”
 Amalia Ercoli Finzi ingegnere aeronautico e professore onorario Politecnico di Milano: “Donne tuttofare”
 Amelia Lentini ingegnere per l’energia e curatrice della raccolta “Il mio lavoro è una favola”: “Ingegneria, l’arte di progettare il futuro”
 Provvidenza Tesauro e Marco Re docente universitario: “Le attività formative tra arte ed ingegneria: il master in Ingegneria del Suono e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata”
 Daniela Troina ingegnere civile e artista: “Creatività per l’innovazione”
«Da anni – commenta Pietro Paolo Lucente, presidente Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza – abbiamo fatto di due nostri format, GreenIng e PinkIng, altrettanti momenti di incontro aperto, con un taglio divulgativo per avvicinare e raccogliere un pubblico eterogeneo. La laurea in ingegneria non è il presupposto per partecipare: lo è, piuttosto, la curiosità intellettuale, per scoprire come studi e ricerche stanno costantemente nutrendo il progresso e il miglioramento della nostra quotidianità, dell’ambiente e della società in cui viviamo. Pink Ing è declinato al femminile, per sottolineare i contributi portati dalle nostre colleghe, e il tema di quest’anno, che mette allo specchio arte ed ingegneria, è particolarmente interessante per la sua originalità».
«PinkIng terza edizione, a circa due anni dal primo lockdown – riflette Tania Balasso, consigliere Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza e ideatrice del format – e ci ritroviamo in presenza e a distanza. Questi ultimi due anni ci lasciano molte eredità e, tra queste, anche un nuovo modo di fare comunicazione, che ci consente di raggiungere un pubblico più ampio, più diversificato e più curioso. Spero profondamente che PinkIng si ripeta nei prossimi anni, con l’obiettivo di riconoscere e valorizzare la figura dell’ingegnere donna, che poi significa riconoscere e valorizzare l’intero mondo dell’ingegneria e delle professioni, senza preclusioni di genere. Paradossalmente, l’auspicio più sincero è che, prima o poi, eventi come questo non siano più necessari e che essere ingegnere sia un obiettivo e un percorso normale per chiunque lo desideri. Credo, infatti, che ogni bambino debba essere libero di inseguire i propri sogni senza alcun pregiudizio e senza alcun condizionamento e che la qualità delle persone, costruita e vissuta con impegno, valga più di qualsiasi etichetta».
Note biografiche

Pietro Paolo Lucente, laureato in Ingegneria delle Tecnologie industriali con indirizzo elettrico, è iscritto all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Vicenza dal 1992; dal 2009 è consigliere e dal 2016 presidente.

Tania Balasso, laureata in ingegneria chimica all’Università di Padova, è consigliere dell’Ordine vicentino dal 2017 e funzionario Settore Ambiente e Sicurezza Apindustria Vicenza.
Maria Acrivoulis è architetto e presidente nazionale AIDIA/Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti.
Aidia nasce nel 1957: in quel tempo risultavano iscritte agli albi professionali 148 donne laureate in ingegneria e 147 donne laureate in architettura, una minoranza rispetto alla moltitudine di colleghi uomini. Le socie fondatrici sentirono dunque l’esigenza di dare vita ad una comunità che permettesse di allacciare relazioni tra le professioniste per coltivare le affinità e favorire la solidarietà umana e lavorativa.
L’associazione è oggi attiva a livello nazionale e si articola in diverse sezioni. Le donne di AIDIA, eterogenee per esperienze e provenienza, con impegno quotidiano e competenza ricoprono ruoli in ambiti diversificati e multidisciplinari.

Valentina Berengo è ingegnere geotecnico e giornalista culturale; veneziana, scrive per la rivista in rete “minima&moralia”, per il quotidiano “Il Foglio”, per il magazine online dell’Università di Padova “Il Bo Live”. Tra i fondatori di “Scrittori a domicilio”, portale di presentazioni di libri e autori, di “Personal Book Shopper: dimmi chi sei e ti dirò cosa leggere”, progetto editoriale di consigli di lettura, è anche ideatrice e curatrice della rassegna letteraria “L’anima cólta dell’ingegnere”.

Elisa Giordano ingegnere dell’informazione e imprenditrice nel settore della moda, torinese: il suo brand “Irreplaceable”, creato nel 2015, coniuga stile e comfort per grandi e piccoli, utilizzando fibre naturali, filati pregiati e manodopera italiana.

Amalia Ercoli Finzi ingegnere aeronautico e professore onorario Politecnico di Milano, è stata soprannominata La “signora delle comete” per la sua straordinaria esperienza professionale; è consulente scientifico della NASA, dell’ASI e dell’ESA, già Principal Investigator responsabile dello strumento SD2 sulla sonda spaziale Rosetta. Col Politecnico di Milano ha collaborato anche per studi su come fare atterrare un equipaggio umano su Marte e su come realizzare un orto botanico sulla Luna. Nel 2018 è stato dato il suo nome ad un asteroide: 24890 Amaliafinzi.

Amelia Lentini ingegnere per l’energia e curatrice della raccolta “Il mio lavoro è una favola”; alle attività professionali a livello internazionale e a quella di consigliere nazionale AIDIA, ha affiancato nel 2021 la cura – nonché la stesura di uno dei testi – della suddetta collezione: 15 favole scritte da professioniste (tra cui Finzi madre e figlia), dedicato alle bimbe che credono nei sogni, ma anche agli adulti che possono e vogliono realizzarli.

Marco Re è docente universitario (e musicista) all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, dove coordina il master in Ingegneria del Suono e dello Spettacolo, seguito dalla sound designer Provvidenza Tesauro.

Daniela Troina è ingegnere civile e artista; si è laureata a 21 anni, con abilitazione alla professione ingegneristica nel 1981 e nel 2009 ha conseguito il diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 2011 ha lanciato l’iniziativa STArt! Siamo tutti artisti; è attualmente membro della task force internazionale Arte e Cultura della BPW (Business and Professional Women) e socia della Fondazione Marisa Bellisario.

Laura Cavinato attrice, regista e formatrice teatrale, dal 2003 recita in diverse compagnie teatrali professioniste in Italia e all’estero e ha ideato, programmato e condotto progetti di formazione teatrale per enti, scuole e Comuni. Nel 2009 fonda la compagnia teatrale Terracrea.

Programma
Apertura
Pietro Paolo Lucente – Presidente Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza
Saluti
Tania Balasso – Consigliere Ordine Ingegneri della provincia di Vicenza e ideatrice del format “PinkIng”
Gianni Massa – Vicepresidente vicario CNI/Consiglio Nazionale Ingegneri
Luca Scappini – Consigliere CNI/Consiglio Nazionale Ingegneri
Prologo artistico a cura di Pandoro Teatro, con Laura Cavinato (testo e regia ing.Michele Fratucello e Cristina Iovita) “L’artista ingegnera”
Moderatore Mauro Della Valle – Giornalista CORRIERE VENETO
Media partner
Patrocini: CNI/Consiglio Nazionale Ingegneri, AIDIA/Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti, Provincia di Vicenza
Opzioni di partecipazione:
1. on-line attraverso piattaforma CNI, con iscrizione via link per ingegneri iscritti all’Ordine (su isiformazione) e per tutti gli altri interessati su https://www.eventbrite.it/e/biglietti-pink-ing-2022-lingegneria-e-arte-268797569767;
2. in presenza, fino ad esaurimento posti disponibili, con possesso green pass e prenotazione su https://www.eventbrite.it/e/biglietti-pink-ing-2022-lingegneria-e-arte-268797569767
L’adesione, aperta sia ad iscritti all’Ordine che a pubblico esterno, sarà possibile fino a pochi minuti prima dell’inizio tramite link su piattaforma CNI e, comunque, fino al raggiungimento del numero massimo previsto per i collegamenti.
2 CFP per gli iscritti all’Ordine Ingegneri

Join us on FB @OrdineIngegneriVicenza

www.ordine.ingegneri.vi.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio