BassanoProvincia

Bassano in visita in Brasile, a… Nova Bassano

Bassano del Grappa – Missione in Brasile, in questi giorni, per il sindaco di bassano Riccardo Poletto e l’assessore Angelo Vernillo, nella città di Nova Bassano, nello stato di Rio Grande do Sul. Al loro arrivo all’aeroporto di Porto Alegre, i delegati veneti sono stati ricevuti dal vice sindaco di Nova Bassano, Joao Paolo Maroso. Giunti a destinazione poi hanno incontrato con il sindaco, Ivaldo Dalla Costa, con la giunta comunale la completo, il parroco ed alcuni cittadini in momento conviviale che si è tenuto in una struttura comunitaria. Quindi, la visita della città.

Bassano in visita in Brasile, a... Nova BassanoIl momento più importante della prima giornata di questa trasferta brasiliana è stata l’ufficializzazione della nascita della Associacao veneta de Nova Bassano “Avenoba” che intende far rivivere, specialmente per le nuove generazioni, il legame con il passato, la terra veneta, la lingua e le tradizioni di Bassano del Grappa, da dove, a fine ‘800, partirono i fondatori di Nova Bassano. In serata poi è giunto a Nova Bassano il gruppo delle “Arti per Via”.

“E’ affascinante notare – ha commentato Poletto – come le distanze geografiche tendano a scomparire quando ci si volta indietro e si riscopre una storia comune. Basta andare a due generazioni precedenti e si scopre che le nostre origini sono identiche e i nostri antenati erano parenti o quanto meno cittadini degli stessi paesi. E’ anche un motivo di orgoglio osservare lo sviluppo attuale di Nova Bassano che, raffrontato alla foresta che si trovarono di fronte gli emigranti di fine ottocento, dà la misura del coraggio, dell’intraprendenza e della fede incrollabile di chi ha saputo trasformare una terra selvaggia in una delle aree più sviluppate del Brasile”.

“Abbiamo ricevuto una accoglienza calda – ha aggiunto Vernillo – amichevole, ed è bello percepire un forte senso di comunità. Comunità che si sente essere brasiliana ma nel cuore, nel sangue e nella storia anche molto italiana, molto veneta, molto bassanese. Le radici forti non hanno paura di perdere la loro identità, anche quando si mescolano nell’incontro con altre culture”.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio