Montebello VicentinoProvincia

Montebello Vicentino: via libera all’Associazione IPA Ovest Vicentino

Associazione IPA Ovest Vicentino, il Consiglio comunale di Montebello Vicentino dà il via libera all’adesione e allo statuto.

Il Consiglio comunale di Montebello Vicentino dice sì

alla costituzione dell’Associazione IPA Ovest Vicentino.

L’assemblea ha approvato la delibera che sancisce l’adesione del Comune con una quota associativa pari a 1050 euro e approva lo statuto dell’IPA (Intesa Programmatica d’Area), composta dai Comuni di:

Altissimo, Arzignano, Brogliano, Castelgomberto, Chiampo, Cornedo Vicentino, Crespadoro, Gambellara, Montebello Vicentino, Montecchio Maggiore, Montorso Vicentino, Nogarole Vicentino, S. Pietro Mussolino, Trissino, Zermeghedo.

Oltre a Confcommercio Vicenza, Confartigianato Vicenza, Apindustria Confimi Vicenza, Confindustria Vicenza, Confagricoltura Vicenza, Confesercenti Vicenza, Coldiretti Vicenza, CIA Vicenza, CNA Veneto Ovest, CGIL-CISL-UIL Vicenza, la Provincia di Vicenza e il Distretto veneto della pelle.

Le finalità dell’associazione, che è apartitica e senza scopo di lucro, sono quelle previste dalla Regione del Veneto per le Intese Programmatiche di area, disciplinate dalla L.R. n. 35/2001.

“In sintesi – spiega il vicesindaco e assessore al bilancio Anna Cracco

l’IPA ha il compito di redigere il Documento Programmatico d’Area, che individua le misure da proporre alla Regione per la redazione del PAS.

Ossia lo strumento della programmazione regionale triennale che determina le priorità di intervento in tema di infrastrutture, opere, interventi, azioni di sostegno e regimi di aiuto alle imprese.

E poi, tanto per fare altri esempi, avrà in capo la progettazione coordinata di interventi che possano attingere da risorse nazionali ed europee, l’ideazione di attività di promozione turistica, economica e sociale del territorio.

O ancora, attività di supporto e di formazione agli amministratori degli Enti e Associazioni soci e al loro personale”.

“Sarà un salto di qualità in tema di programmazione territoriale – commenta il sindaco Dino Magnabosco –. Spesso i Comuni di una medesima area hanno gli stessi problemi ed esigenze. Se ognuno andasse per conto suo, non si otterrebbero risultati.

Una voce unica, composta anche dalle associazioni di categoria, permetterà invece di ottenere in modo più agevole le risorse.

Risorse che servono per il miglioramento delle infrastrutture, dei servizi e dell’appeal economico e turistico dell’Ovest Vicentino”.

Fonte Guido Gasparin Marchio e Divisione di: Berica Editrice Srl

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio