Montagna vicentina

Unione Montana Pasubio Piccole Dolomiti: Sentieri Culturali in Rete

Sbarca nel web pronto per essere navigato, il portale SCR, Sentieri Culturali in Rete.  Grazie al lavoro di digitalizzazione del progetto editoriale Sentieri Culturali pubblicato dal 2001 al 2016 in versione stampata: Che ora per volontà dell’Unione Montana Pasubio Piccole Dolomiti, con la collaborazione degli studenti dell’Istituto di Formazione Superiore cittadino Tron Zanella è stato tradotto in versione digitale.

UN PROGETTO EDITORIALE, DIVENTA RISORSA DIGITALE

ECCO SENTIERI CULTURALI IN RETE NATO DALLA COLLABORAZIONE DELL’UNIONE MONTANA PASUBIO PICCOLE DOLOMITI E GLI STUDENTI DEL TRON ZANELLA DI SCHIO

Sentieri Culturali

Unione Montana Pasubio Piccole Dolomiti: Sentieri Culturali in Rete
studenti Tron Zanella

Sedici raccolte annuali di saggi, 154 articoli con il contributo di 180 diversi autori. Sono questi i numeri che Sentieri Culturali progetto editoriale che l’allora Comunità Montagna Leogra Timonchio, su un’idea di Renato Grotto ha prodotto dal 2001 al 2016. Pubblicando in forma cartacea contenuti divulgativi, rivolti a ricercatori e lettori attenti alle vicende di una comunità, la Val Leogra, ricca di valori e di storia.

Un patrimonio prezioso che meritava di essere valorizzato anche con i nuovi canali di comunicazione. Il che rendono possibile non solo un doppio archivio ma anche una modalità di consultazione agile dei contenuti.

Da questo presupposto è nata la collaborazione tra l’Unione Montana e un gruppo di tre classi dell’IFS Tron Zanella di Schio.  37 studenti di una terza e quarta classe che nel 2023 ha iniziato un accurato lavoro di digitalizzazione dei volumi fin qui realizzati.

Tutto il materiale è stato ordinato e inserito nel sito web dedicato, sentiericulturali.eu, oggi a disposizione di tutti, facilmente accessibile e scaricabile gratuitamente per studiosi e appassionati del territorio montano e pedemontano dell’Alto Vicentino.

Una prima presentazione c’era stata all’interno della manifestazione La Montagna in Città, a Schio, nell’ottobre del 2022 precedendo il concreto avvio del progetto avvenuto nei mesi successivi.

Quanto fin qui realizzato, è stato presentato martedì 30 gennaio all’IFS Tron Zanella di Schio, da docenti studenti e tecnici che si sono presi a cuore questo percorso.

Carlo Bettanin

Renato Grotto_Cristina Marigo_Silvio Grotto_Carlo_Bettanin

Hanno illustrato il lavoro svolto il dirigente scolastico Silvio Grotto, la docente Donatella Dall’Alba, il presidente dell’Unione Carlo Bettanin, e Renato Grotto e Silvia Pianalto dell’Unione Montana che hanno coordinato le varie fasi del progetto. “È con orgoglio che vado a inaugurare questo sito web così ben organizzato e di facile accesso” ha dichiarato Carlo Bettanin presidente dell’Unione – e mi procura una certa emozione vedere come un gruppo di giovani abbia accolto con grande passione questa proposta che lega le nuove generazioni alla tradizione dei nostri luoghi”.

“Ai ragazzi viene chiesto di sviluppare competenze – ha aggiunto Silvio Grotto – e di calarle nella vita reale. Il progetto risponde a questa esigenza, ben si inserisce tra le altre esperienze di stage e alternanza scuola lavoro e ne ha mostrato il valore.

Traduzioni, produzione di contenuti, analisi e sintesi di testi di autori su storia cultura e tradizione del nostro territorio. Sono stati perciò ambiti in cui gli studenti si sono cimentati.

Inoltre

Contribuire con altri enti (Università, Musei, Comuni, Reti di Biblioteche) a favorire la presenza attiva del territorio fa sentire la scuola a pieno titolo tra le agenzie importanti che segnano i percorsi di una comunità. Contribuisce al senso civico e alla presenza viva nella crescita di cittadini seri e responsabili. Conoscitori del proprio passato e autori di piste per il futuro”.

Tutti hanno sottolineato gli aspetti di valore aggiunto che questa esperienza ha avuto come ricaduta positiva sugli studenti.  In termini di lavoro di squadra, acquisizioni di abilità multidisciplinari, conoscenza e maggiore attenzione al proprio territorio e alla sua storia. Un vero percorso formativo che mette insieme tradizione e modernità, unendo diversi linguaggi.

Anche gli studenti, che hanno dato conto del lavoro svolto e presentato il portale e le sue modalità di consultazione, si sono detti entusiasti dell’esperienza. Impegnativa e a tratti con ostacoli da superare, ma molto coinvolgente tanto da renderli fieri di avervi partecipato.

Dal 2023

Sentieri Culturali in Rete ha ripreso le pubblicazioni in modalità prevalentemente digitale. Si è arricchito anche di contenuti multimediali, mantenendo lo scopo originale di coniugare qualità e carattere divulgativo. Gli ambiti di indagine interessano l’area geografica dei comuni montani e pedemontani dell’Alto Vicentino. Abbracciano temi di carattere multidisciplinare. In un contesto territoriale caratterizzato dalla coesistenza di aree a forte valenza naturalistica con altre estesamente antropizzate. Testimonianze storiche, archeologiche, ambientali, paesaggistiche e artistiche.

Con l’approvazione preliminare di fine anno della destinazione dei fondi FOSMIT per il biennio 2025 e 2026, il progetto Sentieri Culturali in Rete entra a pieno titolo nella programmazione dell’Unione Montana Pasubio Piccole Dolomiti che ha previsto un sostegno ulteriore al progetto, coinvolgendo tre nuove classi di studenti, pronti a dare continuità a quanto fin qui realizzato.

Maria Grazia Dal Pra’ Ufficio Stampa

ufficiostampa@umpasubioaltovicentino.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio