Provincia

La formazione in primo piano con il decollo dell’iniziativa FidasViLAB (video)

FidasViLAB, la presidente di Fidas Vicenza, Chiara Peron: “Donare sangue è donare vite. E vogliamo continuare a lanciare messaggi di attenzione per la vita”

Ha preso il via nei giorni scorsi FidasViLAB, il progetto formativo di Fidas Vicenza fatto di incontri e momenti formativi che si snoderanno nell’arco del 2023. Grazie al supporto di Alchimia degli Eventi di Paola De Rosso, e riguarderanno temi di ampio respiro rivolti ai volontari del dono del sangue che operano nell’Associazione.

“Con FidasViLAB intendiamo approfondire, ottimizzare e mettere a fattor comune, anche con l’intervento di professionisti sui temi da trattare – spiega la presidente di Fidas Vicenza, Chiara Peron – comportamenti e buone prassi per un volontariato consapevole, di elevata qualità e rispondente alle esigenze della comunità, così da poter migliorare il risultato del 2022, chiuso con 28131 donazioni”.

Il primo incontro, svoltosi nelle mattinate dell’11 e 18 febbraio scorsi nella sala dei fondatori di Confartigianato Vicenza, ha riguardato “Il trattamento di dati personali ai sensi della normativa “privacy” (Regolamento UE 2016/679, noto anche come GDPR)” ed ha visto protagonisti tutti i volontari che gestiscono i dati sensibili dei donatori.

Oltre duecento i volontari,

tra responsabili associativi di Gruppi e Zone ed i volontari impegnati nei Centri trasfusionali che hanno preso parte alle due giornate, nel corso delle quali sono intervenuti il dott. Riccardo Larese Gortigo dello Studio Larese & Associati di Bolzano Vicentino e l’ing. Andrea Negrin, che, con un’esposizione efficace e coinvolgente, hanno trasferito ai presenti concetti e convinzioni in ambito privacy, prima fra tutte quella di voler concepire la “protezione dei dati personali” ”nella sua accezione più alta, quale “diritto” dell’Interessato alla stregua di tutti gli altri diritti e libertà fondamentali delle persone fisiche (art. 1 del GDPR), ma anche la convinzione che l’efficacia delle misure poste in essere sia legata anche al buon senso delle misure stesse e, ovviamente, all’attenzione delle persone che vi operano.

Si è, quindi, passati ad esaminare l’inquadramento normativo, la terminologia, i soggetti coinvolti, le responsabilità e gli obblighi di legge, anche con l’intervento del vicepresidente di Fidas Vicenza Odv Luca Passuello, ed i contenuti della modulistica privacy in essere, i regolamenti interni e le procedure da seguire da parte degli incaricati dell’Associazione.

I prossimi incontri FidasViLAB

vedranno l’approfondimento delle attività e buone prassi per un’efficace e professionale chiamata associativa, ma anche per la promozione del dono del sangue e degli emocomponenti nelle scuole, nei gazebo ed in occasione degli eventi locali, oltre a momenti per consentire l’approfondimento delle regole di gestione della contabilità, laddove il bilancio di Fidas Vicenza Odv è sintesi della gestione di 76 Gruppi presenti sul territorio vicentino e facenti capo a nove Zone, per un totale ad oggi di oltre 18 mila soci, ai quali si chiede di “donare, donare, donare, possibilmente anche una volta in più dell’anno precedente, ricordando in ogni istante che donare sangue è salvare vite” conclude la presidente Chiara Peron.

Per entrare a far parte della grande famiglia dei volontari di Fidas Vicenza Odv e diventare donatori è possibile prendere contatto con l’Associazione allo 0444.965636 o scrivendo a info@fidasvicenza.com o consultando il sito www.fidasvicenza.com

Fonte: Matteo Crestani

 

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio