Provincia

Festa dei nonni. I nonni fondamentali per il bilancio familiare

Coldiretti Vicenza: “I nonni preziosi per l’equilibrio economico delle famiglie, ma anche per la coesione tra impegni di vita e di lavoro dei figli”

In una famiglia vicentina su tre sono i nonni a salvare il bilancio domestico messo a rischio dall’inflazione che colpisce il carrello della spesa, direttamente con un aiuto economico, badando ai figli al posto delle babysitter o nel doposcuola o dando una mano all’attività lavorativa. È quanto emerge da una rilevazione online condotta da Coldiretti e resa nota in occasione della Festa dei Nonni.

I nonni, una presenza indispensabile

“Tra i vicentini che beneficiano della presenza di un pensionato in casa, oltre la metà (57%) – rileva Coldiretti Vicenza – guarda a loro come un valido aiuto per accudire i propri figli, magari per portarli a scuola e seguirli anche una vola tornati a casa, mentre un 35% dichiara che i nonni sono un fattore determinante per contribuire proprio al reddito familiare. Ma esiste anche una ridotta percentuale dell’8% che trova dai nonni un aiuto a livello lavorativo, soprattutto per chi ha un’attività, dall’agricoltura all’artigianato, fino al commercio, e può così beneficiare dell’esperienza accumulata da chi è ora in pensione”.

Come nella migliore tradizione agricola, la presenza degli anziani fra le mura di casa è quasi sempre considerata un valor aggiunto all’interno di un welfare familiare che deve fare i conti sia con la gestione delle risorse economiche disponibili, sia con quella del tempo e dei figli in situazioni dove molto spesso entrambi i genitori lavorano e sono fuori casa la maggior parte della giornata.

L’analisi di Codiretti su dati Istat

“Uno stile nutrizionale – ricorda Coldiretti Vicenza – basato sui prodotti della dieta mediterranea come pane, pasta, frutta, verdura, carne, olio extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari che ha consentito una speranza di vita tra le più alte a livello mondiale pari a 77,9 anni per gli uomini e 83,6 per le donne, anche se con la pandemia si è verificata una brusca inversione di tendenza. Ma la presenza in famiglia rappresenta un vantaggio anche per gli anziani, in una situazione in cui ben 4,9 milioni di over 65 anni vivono da soli, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat”.

Vicenza, 2 ottobre 2023

Fonte: Coldiretti Vicenza – Ufficio Stampa – Matteo Crestani giornalista

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio