CassolaProvincia

Ecocentro di Cassola capoluogo: nuove regole e nuovi orari

Ecocentro di Cassola capoluogo, si potranno conferire solo i materiali non coperti dalla raccolta porta a porta.

Da gennaio gli utenti potranno accedere a tutte le stazioni ecologiche del bacino Brenta

«L’ecocentro di Cassola rimarrà attivo anche per il 2024, pur con una riduzione dei giorni d’apertura e nuove regole sui materiali conferibili».

L’assessore ai tributi Elsa Simonetto rassicura i cittadini del capoluogo sul futuro dell’area ecologica di via San Giovanni Bosco. La struttura, come ormai noto, rientra nella lista dei siti “fuori norma” stilata nei mesi scorsi dal Consiglio di Bacino Brenta ma per il momento continuerà a garantire ai residenti la possibilità di smaltire tutte le tipologie di scarto non coperte dalla raccolta porta a porta. «Da gennaio una piccola riduzione dell’operatività ci sarà – sottolinea l’amministratrice – ma il ridimensionamento non sarà così drastico e repentino come era stato inizialmente prospettato dall’ente sovracomunale al quale è stata demandata la gestione dei rifiuti nell’ambito territoriale del Bacino Brenta» «In realtà – continua Simonetto –, anche su richiesta delle amministrazioni comunali, la riorganizzazione progettata dal Consiglio di Bacino procederà in maniera graduale, così  da non creare troppo disagio ai cittadini».

Gli orari

L’area ecologica del capoluogo, già a partire da gennaio, sarà quindi aperta solo il sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 17.30 e potrà essere utilizzata esclusivamente per il conferimento dei materiali per i quali non è attiva, nel territorio comunale, la raccolta porta a porta, ossia verde e ramaglie, legno, ingombranti, olii vegetali e ferro.

L’ecocentro di San Giuseppe, che non rientra fra quelli da razionalizzare, continuerà invece ad essere operativo per quattro giorni alla settimana (il lunedì e il giovedì pomeriggio dalle 14 alle 18 e il mercoledì dalle 9 alle 12.30 e il sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 17.30) e manterrà inalterate le tipologie di rifiuto conferibili.

Accesso libero a tutti gli ecocentri del bacino

La vera novità è però rappresentata dalla possibilità, per tutti gli utenti residenti nel territorio afferente al Bacino Brenta, di utilizzare la tessera in proprio possesso per accedere non solo agli ecocentri del proprio paese ma anche a quelli degli altri Comuni inseriti nello stesso ambito territoriale. «Un’opportunità – sottolinea Simonetto – che inaugura la nuova gestione sovracomunale degli ecocentri. Gestione tesa alla razionalizzazione dei conferimenti e all’incentivazione del porta a porta ma volta anche ad offrire una maggior flessibilità nella fruizione delle stazioni ecologiche».

Cassola, 30 dicembre 2023

Fonte: Comune di Cassola (VI) – Ufficio Stampa

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio