Monticello Conte OttoProvincia

Cavazzale di Monticello Conte Otto: la Marcia del donatore spegne 50 candeline

Il presidente del Gruppo di Monticello Conte Otto, Flavio Corà: “50 marce sono il risultato di un costante impegno e lavoro di squadra dei volontari” – Cavazzale di Monticello Conte Otto: la Marcia del donatore spegne 50 candeline

La prima Marcia del donatore di sangue di Cavazzale di Monticello Conte Otto

si è svolta nel lontano 9 febbraio 1974 e domenica 5 marzo il vincitore taglierà il traguardo della solidarietà della 50a Marcia del donatore di Cavazzale.

“Sono orgoglioso di poter presentare ed organizzare questo straordinario evento, che ha preso il via nel 1974. Infatti, 50 marce – commenta il presidente del Gruppo Fidas di Monticello Conte Otto, Flavio Corà – sono il risultato di un costante impegno e lavoro di squadra che tutti i direttivi ed i volontari si sono tramandati negli anni.

Non ci siamo fermati neppure con la pandemia, anche se la Marcia è stata necessariamente più contenuta nella partecipazione, ma non certo nel valore. E, per ricordare, abbiamo allestito una mostra nell’atrio del Teatro Roi a Cavazzale, visitabile sabato 4 e domenica 5 marzo, dove saranno esposti cimeli, fotografie, documenti ed altro materiale per raccontare la storia di questo grande evento”.

Locandina 1974

Una gioia condivisa anche dal sindaco di Monticello Conte Otto,

Damiano Ceron, che osserva come “la partecipazione alla Marcia sia stata in costante crescita, non solo dalla provincia di Vicenza, ma anche dal resto del Veneto e da fuori regione.

Si tratta di un appuntamento tra i più apprezzati dagli appassionati delle camminate in compagnia. E di questo dobbiamo ringraziare chi l’ha ideata e a tutti coloro che, negli anni, hanno lavorato per la sua riuscita, anche perché la marcia è un importante veicolo per diffondere il messaggio dell’importanza del dono del sangue”.

La marcia del 1974

La marcia del donatore è un’ottima proposta per stare all’aria aperta, socializzare e fare sana attività fisica, come ha ricordato la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron, che ha anche aggiunto: “migliaia di persone partecipano a questo evento sportivo, che rappresenta l’occasione per fare una bella camminata in compagnia e ricordare quanto sia importante il dono del sangue.

Essere donatori di sangue è un impegno di vita,

un atto di grande generosità, che dev’essere rivolto alla comunità con amore. Donare il sangue vuol dire donare la vita, ma soprattutto credere nella vita, nei giovani, nel futuro ed avere a cuore la propria salute.

Il gruppo marciatori dei primi anni dell’evento

Significa crescere nel segno dei nostri valori, far maturare i giovani trasferendo nei loro cuori passione e speranza. Sentimenti che accendono la voglia di mettersi in gioco, di essere protagonisti della propria vita e della società di cui si è parte”.

Per partecipare alla manifestazione podistico ludico-motoria di 4, 7 o 15 km, patrocinata dal Comune di Monticello Conte Otto, è possibile consultare il sito: www.fidasmonticelloconteotto.it, scrivere a: monticelloc.otto@fidasvicenza.com o contattare il 345.0942835.

Vicenza, 2 marzo 2023

Fonte Matteo Crestani Giornalista

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio