Provincia

Acli di Vicenza: Ko per le famiglie senza la presenza degli anziani

Risorsa sociale ed educativa

Ko per le famiglie senza la presenza degli anziani, risorsa sociale ed educativa – Il segretario della Fap Acli di Vicenza, Andrea Luzi: “Gli anziani una risorsa irrinunciabile per la società e le famiglie. Sfatiamo la fake che li relega a costo per la collettività”

Avere un anziano in casa, il più delle volte, è una risorsa. E quando si affacciano problemi importanti, come la non autosufficienza, occorre essere pronti ad affrontarli, conoscendo le opportunità offerte dal sistema sociosanitario e non solo. Questo, in estrema sintesi, il contenuto della serata “Per una comunità a misura di anziani”, promossa dai CIRCOLI ACLI aps di Mussolente e di Casoni, in collaborazione con le ACLI di Vicenza aps e l’Associazione Fap Acli della provincia di Vicenza, svoltasi ieri sera nella Sala polifunzionale “Paolo Biagioni” dell’Oratorio San Michele Arcangelo a Mussolente (Vi).

Attorno al tavolo, ad affrontare il tema, sempre di grande attualità, il segretario provinciale dell’Associazione Fap Acli della provincia di Vicenza, Andrea Luzi, ed il consigliere provinciale delle ACLI di Vicenza aps, Massimo Zilio.

Massimo Zilio

Estremamente nitido il quadro generale tratteggiato dal consigliere Zilio: “Il nostro Paese sta attraversando una grande transizione demografica, con l’aumento dell’aspettativa di vita ed il calo dei tassi di natalità, che porta ad un invecchiamento della popolazione. Basti pensare che entro il 2050, oltre il 35% degli italiani avrà più di 65 anni. Ed una popolazione che invecchia richiede assistenza sanitaria preventiva, soluzioni di assistenza a lungo termine, prodotti finanziari/assicurativi adeguati, abitazioni adatte all’età, una revisione delle strutture di assistenza per anziani ed una riorganizzazione delle pratiche lavorative per consentire l’invecchiamento attivo”.

Andrea Luzi

Acli di Vicenza
Andrea Luzi

Complici anche questi dati, il mondo dell’informazione da anni cavalca il messaggio di una popolazione anziana che è un peso che ricade sulla società, ma non osserva il rovescio della medaglia, come ha evidenziato il segretario Luzi: “Si dice che gli anziani sono un costo insostenibile per la società, ma non si considera cosa farebbero migliaia di famiglie vicentine, milioni in tutta Italia, senza il loro prezioso supporto nei confronti dell’assistenza ai nipoti.

Un dato per tutti: gli over 65 in Italia hanno un reddito disponibile annuo stimato di 283 miliardi di euro ed un patrimonio combinato di circa 4,17 trilioni di euro in attività finanziarie ed immobiliari, rappresentando quasi la metà della ricchezza complessiva delle famiglie italiane. Numeri che smentiscono molte delle più comuni bufale in circolazione”.

Tutto ciò senza considerare l’aspetto educativo, che vede i nonni, senza alcun dubbio, tra i principali formatori della maturità degli adulti del futuro.

La Fap Acli di Vicenza

si inserisce a pieno titolo in questo contesto, contribuendo a valorizzare gli adulti attivi ed a stimolare l’incontro tra le generazioni. “Il confronto costante e reciproco tra giovani ed over 65 – conclude il segretario Luzi – rappresenta una risorsa straordinaria. E, proprio per questo, la nostra Associazione è in prima linea in molte attività di coinvolgimento. Tra le quali il turismo sociale, la formazione, la tutela rispetto alla fragilità delle persone. Ed una rete di offerte e promozioni commerciali a vantaggio degli associati, che devono sentirsi parte di una grande famiglia, come lo spirito aclista vuole”.

Vicenza, 19 giugno 2024

Matteo Crestani Giornalista

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio