Altri BassanoProvincia

Cartigliano: premiati i vincitori del Concorso Cappeller

E la storia dell’azienda diventa un libro – Cartigliano: premiati i vincitori del Concorso Cappeller

Un momento di festa per raccontare una storia d’impresa e premiare tanti giovani studenti.

A Villa Morosini Cappello di Cartigliano si è tenuta sabato 27 maggio la cerimonia di premiazione del primo Concorso Cappeller, promosso dall’azienda che da oltre cinquant’anni produce molle, particolari stampati, sagomati, minuteria di precisione, stampi e attrezzature.

Oltre a consegnare il riconoscimento ai giovani vincitori,

durante la mattinata è stato anche presentato il libro “Come fili d’acciaio” (Maggioli Editore) dedicato alla storia dell’azienda, al suo impegno per il territorio e, come suggerisce la metafora del titolo, alla sua capacità di affrontare questo tempo di crisi ricorrenti.

Insieme ai titolari di Cappeller SPA SB Alessandro e Ilenia Cappeller, all’appuntamento sono intervenuti l’assessore regionale Elena Donazzan, il sindaco di Cartigliano Germano Racchella, Claudio Ruggiero, membro del comitato tecnico del Concorso, e Vladimiro Fiorese, autore del libro e responsabile esecutivo del concorso.

Letta all’inizio della cerimonia anche una lettera di saluto del Presidente della Regione Luca Zaia.

Nato con l’obiettivo di stimolare l’apprendimento delle discipline meccaniche, il concorso chiedeva agli studenti di mettersi in gioco in una duplice attività: realizzare un elaborato inerente alla meccanica, alla meccatronica e all’automazione e raccontare la storia di un’impresa del territorio.

A questa prima edizione hanno partecipato

12 gruppi di studenti per un totale di 46 giovani provenienti da 7 istituti tecnici superiori distribuiti tra Bassano, Breganze, Padova, Castelfranco Veneto, Schio e Camposampiero.

I lavori sono stati valutati da un comitato tecnico composto da Vladimiro Fiorese, dal fondatore e curatore della collana Storie d’Impresa (Maggioli Editore) Claudio Ruggiero, da Alessandro e Ilenia Cappeller.

Ad aggiudicarsi i premi (100 euro a ogni studente e 8.500 euro divisi tra le tre scuole) sono stati:

  • Simone Parolin, Christian Montecchio Cappelletto, Matteo Michieletto ed Eddy Rampado dell’IPSIA Galileo Galilei di Castelfranco Veneto;
  • Davide Cerantola, Matteo Scalco, Leonardo Gobbo e Marco Frigo dell’I.I.S Scotton di Bassano;
  • Riccardo Zorzi, Nicolò Ronzani, Marco Tosin, Jacopo Grassani e Manuel Dalla Valle dell’I.I.S Scotton di Breganze.

“Con questo progetto – hanno sottolineato Alessandro e Ilenia Cappeller – rafforziamo l’impegno che da sempre Cappeller dedica al campo della formazione.

L’obiettivo è di avvicinare i giovani al mondo del lavoro e offrire loro nuove e concrete opportunità di crescita personale e professionale.

Anche in questo modo vogliamo assumerci la responsabilità di partecipare e promuovere lo sviluppo del territorio e della comunità di cui siamo parte e che tanto ha dato alla nostra azienda nel corso degli anni. Siamo convinti che il capitale umano sia un valore aggiunto e, per questo, abbiamo voluto invitare gli studenti a conoscere le persone che fanno impresa”.

Durante la mattina è stato poi presentato il libro

“Come fili d’acciaio. La seconda generazione dei Cappeller e il sogno dell’Impresa Etica” che racconta la storia dell’azienda, con uno sguardo particolare alla sua capacità di affrontare e superare le crisi ricorrenti degli ultimi decenni, e l’impegno per la responsabilità sociale che la caratterizza.

Diventata due anni fa Società Benefit, Cappeller è infatti anche tra le realtà protagoniste dell’iniziativa “Adotta uno studente” sul fronte del rapporto scuola-lavoro e del “Progetto Giano – Fabbrichiamo il futuro” attraverso la quale imprese, attività commerciali e artigianali, ma anche privati cittadini del territorio di Cartigliano sostengono le famiglie e le scuole del paese.

Qui il comunicato stampa della Regione Veneto: https://www.regione.veneto.it/article-detail?articleId=13816288

Fonte Cappeller SPA SB Ufficio stampa

vg@reginarossa.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio