Italia

Il mercato del mobile in Italia: evoluzione e previsioni

Quando si parla del mercato del mobile in Italia, si fa riferimento a una delle eccellenze del Belpaese. Infatti, il design italiano rappresenta un fiore all’occhiello ed è quindi interessante capire come si stanno evolvendo i vari trend e quali sono le previsioni per il prossimo periodo.

Un settore in gran forma

Chi desidera avere un arredo sempre curato nel dettaglio, non può esimersi dall’analisi dello stato di salute del settore che continua a crescere. Infatti, il settore dell’arredamento dà grandi soddisfazioni grazie a un PIL in costante crescita. A crescere non solo l’arredo per interni, ma pure il design per esterni che presenta sempre nuove proposte per godersi l’outdoor come la collezione di amache con supporto perfetta per arredare giardini e balconi. Ad andare forte non è solo il mercato interno poiché il medesimo discorso lo si può fare per le esportazioni, in primis quelle Oltreoceano dove il Made in Italy è da sempre sinonimo di altissima qualità nella progettazione tanto quanto nella scelta di materiali e lavorazioni.

Le ragioni di tale trend al rialzo sono piuttosto semplici; dopo il periodo della quarantena, cresce la voglia di interni comodi, curati e confortevoli. L’attenzione al dettaglio si rifà alla cultura del bello che infonde serenità in chi vive quegli spazi.

I trend dell’interior design per la prossima stagione

Dopo aver capito come mai il mercato del mobile è in crescita, meglio però dare uno sguardo a quelli che saranno i nuovi trend per la prossima stagione in arrivo. Le ispirazioni sono ancora quelle che arrivano dagli anni 70 e 60 con trame geometriche optical che affiancano toni caldi dell’arancione, beige e marrone con colori freddi, uno su tutti l’azzurro ceruleo che va benissimo per living e bagno. Questo connubio è in grado di regalare calma e tranquillità e, allo stesso tempo, una sensazione più accogliente e calorosa.

Visto il grande focus sulle trame dei tessili, gli altri arredi restano semplici e, ancora una volta, il legno è il vero protagonista. Mette in mostra tutta la sua bellezza grazie all’enfasi sulla naturalezza perciò bandite madie, comò e consolle con fregi, decori e soprattutto venature artificiali in vinile e laccato, tenendo a mente che il diktat è quello del minimalismo raffinato.

Sono ben accetti invece gli inserti in vetro e trasparenze. Un esempio è la porta scorrevole che divide senza però eliminare il concetto di open space il quale assicura continuità tra living e zona cucina.

Il tutto deve sempre essere mixato in un sapiente gioco di equilibri in grado di dare spazio anche ad audaci abbinamenti per le personalità più eccentriche. Per questo, gli stili di arredo vanno superati poiché è impossibile incasellare soluzioni d’arredo ibride e che si contaminano l’un l’altra. Largo spazio quindi all’originalità che affianca complementi ed elementi in combinazioni inaspettate super interessanti. Per fare un esempio concreto, si possono citare le cucine dallo stile industrial dove tocchi metallici e trasparenti si  interfacciano a elementi naturali e minimal.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio