Economia

Nasce la sinergia tra i distretti orafi di Vicenza e Arezzo

I due principali distretti orafi italiani, Vicenza e Arezzo, si parlano, si relazionano e preparano sinergie per dare vita ad un unico grande distretto italiano orafo argentiero, e rafforzare così la presenza internazionale di questo nostro importante comparto economico. Tutto questo è stato anche al centro di un incontro che si è tenuto nei giorni scorss nella sede provinciale di Cna Vicenza. In realtà si trattava della riunione del del nuovo Tavolo intercategoriale orafo, e per essere più precisi è avvenuta lo scorso 26 novembre, con la partecipazione dei presidenti delle categorie orafe, di Apindustria, Cna, Confartigianato e Confindustria, sia della provincia di Vicenza che di quella di Arezzo.

L’incontro ha comunque rappresentato il consolidamento di un dialogo tra i rappresentanti dei due distretti orafi argentieri italiani che, assieme, rappresentano 2.312 imprese con 14.594 addetti, e contribuiscono alla bilancia commerciale del nostro paese con un fatturato estero di 3.511 milioni di euro.

La riunione tra le due Consulte orafe va inoltre letta “alla luce – spiega una nota di Cna Vicenza in proposito – della sempre maggiore interrelazione tra i distretti di Arezzo e Vicenza. Proprio la moltiplicazione ed il rafforzamento della collaborazione tra le aziende manifatturiere dei due poli orafi, nelle lavorazioni di fase e nei rapporti di fornitura e commercializzazione del prodotto, sta ponendo le basi per la costituzione di un unico grande distretto orafo argentiero”.

“Le rappresentanze orafe di Vicenza ed Arezzo, – continua Cna Vicenza – portatrici di una storia di eccellenza e di un saper fare che sono presenti oggi solo ed esclusivamente in Italia, hanno deciso di affrontare insieme la sfida della valorizzazione del Made in Italy orafo argentiero, partendo dal tema prioritario della promozione internazionale del settore, ed in particolare dalle strategie messe in atto dai rispettivi poli fieristici”.

Su questi temi è stato riscontrato il totale accordo tra tutti i componenti del nuovo Tavolo intercategoriale Orafo di Vicenza e Arezzo. Questa la sua composizione: Arduino Zappaterra, presidente orafi di Cna Vicenza e coordinatore del Tavolo intercategoriale di Vicenza, Andrea Boldi, presidente orafi di Confartigianato Arezzo e presidente della Consulta orafa di Arezzo, nonché presidente di Arezzo fiere e congressi, Walter Bondi, presidente nazionale degli orafi di Cna, Franco Pozzebon, presidente nazionale degli orafi di Confartigianato, Claudia Piaserico, presidente della sezione orafa e argentiera di Confindustria Vicenza, Ivana Ciabatti, presidente degli orafi di Confindustria Arezzo, Gino Zoccai presidente della categoria orafa ed argentiera di Apindustria Confimi Vicenza, Alessia Gualdani, presidente dell’Unione orafi di Confapi Arezzo, Nicola Tacchini, presidente degli di Cna Arezzo.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio