Economia

Nasce Banca di Verona e Vicenza: BCC di riferimento in Veneto

Coniugherà capacità e modelli di business complementari. – Nasce Banca di Verona e Vicenza

Alla prima seduta del nuovo Consiglio di amministrazione la nomina a Presidente di Flavio Piva.

Vice Paolo Michelon (Vicario) e Giovanni Tessarollo.

Alla Direzione Leopoldo Pilati, Valentino Trainotti e Mauro Meneguzzo.

Giunge al termine il percorso di aggregazione

tra Banca di Verona e Banca San Giorgio Quinto Valle Agno, che i soci di entrambe le BCC hanno votato nel corso dell’assemblea del 24 febbraio scorso.

Il 30 marzo è stato stipulato l’atto di fusione e il 1 aprile è stata fissata la decorrenza contabile e fiscale della fusione.

Ma è con la decorrenza civilistica del 12 aprile che la nuova realtà è stata formalmente costituita. La prossima tappa sarà l’assemblea dei soci per l’approvazione dei due bilanci 2020 delle Banche, che si svolgerà il 7 maggio prossimo.

Intanto il consiglio di amministrazione neo-eletto si è formalmente insediato per la prima volta e ha proceduto alle nomine e ai primi atti di delibera.

Presidente è stato nominato Flavio Piva.

Vice Presidente Vicario è Paolo Michelon mentre Giovanni Tessarollo è stato nominato Vice Presidente.

La presidenza del comitato esecutivo è stata assegnata a Giovanni Bertagnoli, mentre la Vicepresidenza è andata a Paolo Cappellotto.

Gli altri consiglieri eletti sono Sergio Bassan, Maria Maddalena Buoninconti, Romano Mion, Remo Pedon e Giorgio Sandini.

Il collegio sindacale è composto da Giancarlo Bagnara (Presidente), Anna Celebron, Marco Ceola, Edda Delon e Zeno Bedoni.

Alla Direzione generale Leopoldo Pilati, Valentino Trainotti e Mauro Meneguzzo, che coordinano una squadra operativa di 330 dipendenti.

Banca di Verona e Vicenza ha stabilito la sede amministrativa a Verona, mentre la sede legale è stata fissata a Fara Vicentino.

“Gli obiettivi del nuovo istituto saranno coerenti con le storie di Banca San Giorgio Quinto Valle Agno e Banca di Verona.

Entrambi i crediti cooperativi hanno sempre avuto il territorio e la mutualità come principali punti di riferimento a servizio della base sociale e della clientela locale” spiega il Presidente Flavio Piva.

La realtà che andiamo a realizzare con questa fusione sarà una nuova grande BCC veneta all’interno del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, forte della fiducia di oltre 16.600 soci e oltre 72.000 clienti.”

La nuova BCC

svolge un lavoro di consulenza, servizio e relazione sul territorio con 48 filiali per 138 Comuni serviti.

I dati aggregati relativi ai bilanci 2020 masse amministrate (raccolta complessiva + impieghi) per 4,35 miliardi di euro, una raccolta complessiva di quasi 3 miliardi di euro, impieghi per 1,4 miliardi e un patrimonio post riparto utile di 236,13 milioni di euro.

Il Total Capital Ratio, che misura la solidità della banca, raggiunge il 25,1% in forma aggregata e al netto degli utili del 2020, mentre il Texas Ratio è al 14,45%.

L’utile in forma aggregata è determinato dalla somma dei due risultati di esercizio 2020 di Banca San Giorgio Quinto Valle Agno e di Banca di Verona.

“Si tratta di un risultato molto importante-

rimarca Piva- che sfiora i 15 milioni di euro. Ma ciò che reputiamo come un valore aggiunto importante in questo progetto è stata l’opportunità di integrare due modelli di business complementari – rilancia Piva.

Metteremo quindi a fattor comune la vocazione corporate e la capacità di competere sui servizi bancari per le imprese di medie e piccole dimensioni.

Bilanciando con una grande capacità di dialogo con le famiglie, le imprese artigiane e in generale il mercato retail.

In questo percorso innovativo di integrazione all’interno delle esperienze del Credito Cooperativo trarranno vantaggio realtà socio-economiche che operano nelle province di Verona, di Vicenza e limitrofe”.

 

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio