Economia

Made in Vicenza: il sud-est degli Stati Uniti

IL SUD-EST DEGLI STATI UNITI: grande opportunità per PMI

Mercoledì 11 maggio Made in Vicenza, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Vicenza, organizza un incontro in presenza dedicato alle opportunità, gli strumenti e le strategie per l’internazionalizzazione delle PMI in quest’area degli Stati Uniti.
La partecipazione è gratuita, previa iscrizione entro il 10 maggio

Si terrà mercoledì 11 maggio presso il Golf Hotel Vicenza la terza tappa del Road Show nazionale organizzato dalla Camera di Commercio Italiana a Miami in collaborazione con Unioncamere per presentare alle PMI le opportunità di mercato in una delle aree più dinamiche degli Stati Uniti: quella del Southeast, che comprende stati come Florida, Georgia e South Carolina.

L’incontro, promosso per la provincia berica da Made in Vicenza, Azienda Speciale dell’Ente Camerale berico, vedrà la partecipazione di esperti nell’internazionalizzazione ed imprenditori con una conoscenza approfondita del mercato statunitense, che dialogheranno e si confronteranno sui più importanti aspetti strategici e operativi relativi all’espansione negli USA. Diverse le tematiche trattate: le implicazioni legali riguardanti l’apertura di una società negli USA; i contratti di distribuzione; la procedura per ottenere un visto come investitore, la fiscalità delle imprese italiane negli Stati Uniti, gli strumenti di finanziamento agevolato per le imprese e le procedure doganali per l’export di prodotti. A conclusione dell’evento è previsto inoltre un “networking cocktail” per consentire alle imprese partecipanti di prendere contatto diretto con i relatori.

A sottolineare l’importanza dell’iniziativa sono i numeri: dopo Germania e Francia, gli Stati Uniti rappresentano il terzo mercato di destinazione per l’export italiano, per un valore di 61 miliardi di dollari nel 2021, dato che segna una crescita significativa non solo rispetto al 2020 (+23,4%) ma anche rispetto ai livelli pre-pandemici (+6,5% sul 2019). Non solo: la performance dell’export italiano è stata superiore rispetto alla media mondiale ed europea ed ha permesso all’Italia di guadagnare una posizione nella classifica dei paesi fornitori degli Stati Uniti. L’Italia si è attestata, infatti, come il 12° paese fornitore degli Stati Uniti, e ha guadagnato leggermente anche in quota di mercato (2,2%), rispetto al 2,1% del 2020.  I settori trainanti del nostro export sono stati: Meccanica (+27,2%), Moda e accessori (+58%) e Agroalimentari e bevande (+18,2%). In generale tutti i settori del Made in Italy hanno registrato forti riprese rispetto all’anno precedente, come Semilavorati e componenti (+43,9%) e Arredamento e edilizia (+32%).

Sempre nel 2021 l’Italia ha registrato verso gli Stati Uniti un attivo di bilancia commerciale di ben $39,3 miliardi.

Per quanto riguarda più in particolare il Southeast degli Stati Uniti, comprende sei stati (Florida, Georgia, North Carolina, South Carolina, Alabama e Mississippi) per un bacino complessivo di 58 milioni di consumatori e un PIL annuo di 2.700 miliardi di dollari: se fosse un Paese indipendente, quest’area degli USA da sola rappresenterebbe l’ottava economia del mondo. Nella regione, che ha come centri principali e motori della sua economia le città di Miami, Tampa e Orlando in Florida e Atlanta in Georgia, sono già presenti circa 330 filiali di aziende italiane.

La partecipazione all’incontro è gratuita, previa iscrizione entro le ore 12 del 10 maggio.
Per informazioni e iscrizioni: Made in Vicenza, tel. 0444 994758 oppure info@madeinvicenza.it

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio