Economia

Acqua ed economia circolare: alle Risorgive si sfidano i migliori progetti innovativi

Il 9 e 10 giugno Viacqua sarà industrial partner di Hacking the City – Design a Circular Future 

Si chiudono oggi, 31 maggio,

le domande di partecipazione alla seconda edizione di Hacking the City – Design a Circular Future, promosso da Tondo, in collaborazione con Nodes e con il patrocinio di Fondazione Cariplo.

Tra le sedi fisiche in cui si disputerà la sfida ci saranno le Risorgive del Bacchiglione di Dueville, grazie al supporto offerto da Viacqua nel ruolo di industrial partner del progetto.

L’iniziativa propone un hackathon a studenti universitari, dottorandi e neo-laureati di tutta Italia, forte delle partnership con alcuni dei principali atenei nazionali ed il supporto di importanti brand italiani come Lavazza, Humana, A2A e NTT Data Italia.

All’interno del contest i concorrenti dovranno sviluppare progetti innovativi nell’ottica della circolarità su cinque macro-temi: Acqua, Rifiuti, Cibo, Beni di consumo e Digitale.

L’evento è stato pensato per far nascere e concretizzare progetti che favoriscano l’implementazione dell’economia circolare nelle città in un processo di ridisegno e riprogettazione di queste.

Proprio il tema dell’acqua sembra essere tra i più gettonati dai team che si sono candidati alla sfida finale e che dovranno elaborare un progetto rivolto all’ottimizzazione dei consumi idrici, alla riduzione degli sprechi e delle perdite oltre che al recupero delle acque piovane in ambito urbano.

«La strada dell’innovazione –

spiega il Presidente di Viacqua, Giuseppe Castaman – rappresenta un asset strategico su cui anche Viacqua sta investendo.

L’adesione al progetto è maturata nell’ambito della collaborazione avviata da qualche tempo con la Fondazione Studi Universitari di Vicenza e con Iuav e siamo convinti rappresenti un’occasione preziosa per individuare nuove proposte progettuali, visioni alternative, nuove tecnologie per efficientare, nel nostro caso, la gestione della risorsa idrica in epoca di cambiamenti climatici che ne stanno riducendo la disponibilità futura.» 

La sfida è stata lanciata nei mesi scorsi in modo da offrire il tempo necessario a singoli studenti o team di dare forma alle proposte candidate. Tondo vaglierà ora i possibili concorrenti per selezionare chi passerà alla fase successiva.

Nella due giorni del 9 e 10 giugno, quindi, i partecipanti potranno affinare le proposte, seguiti da tutor e mentor che potranno offrire consigli utili, arrivando a presentarle davanti ad una giuria che premierà poi i vincitori per ciascuno dei cinque ambiti di sfida.

Questa fase finale di lavoro di squadra

si svolgerà nelle location individuate tra Milano, Torino e Vicenza e sarà accompagnata dagli interventi di alcuni speaker che approfondiranno diversi temi collegati al progetto, dal Green Deal alle declinazioni dell’economia circolare nel settore del food, nei modelli di business, ma anche nel design e nella progettazione urbanistica.

La presentazione della sfida rivolta al tema dell’acqua sarà affidata a Paolo Ronco, responsabile del settore ricerca, innovazione e sostenibilità di Viacqua e componente anche della giuria che andrà a scegliere i finalisti.

La partecipazione come spettatori è possibile solo online prenotando il proprio posto gratuito al link https://bit.ly/3qd4r05.

Viacqua mette infine in palio voucher del valore di 250 euro per acquisti online per ciascuno dei membri del team che si aggiudicherà la competizione sul tema dell’acqua, oltre alla possibilità di visitare l’azienda e approfondire così le progettualità già in essere legate allo sviluppo di sistemi circolari nella gestione del servizio idrico integrato.

Per maggiori informazioni https://www.hackingthecity.today/.

Giulio Centomo Ufficio Stampa  Mail ufficiostampa@viacqua.it

VIACQUA SpA | Viale dell’Industria 23 | 36100 Vicenza | www.viacqua.it

Comunicato Stampa Tondo

Hacking The City | Design a Circular Future

Studenti universitari, neo-laureati e dottorandi si sfideranno nella progettazione della città circolare del futuro durante il secondo hackathon italiano sull’Economia Circolare

9-10 giugno 2023

Evento in presenza e online  –  Per ulteriori dettagli: www.hackingthecity.today

Tondo, in collaborazione con Nodes

e col patrocinio di Fondazione Cariplo, organizza la seconda edizione di Hacking the City – Design a Circular Future. Si tratta di un Hackathon nazionale rivolto a studenti universitari di laurea triennale e magistrale, dottorandi e neo-laureati di tutte le Università Italiane.

L’evento è stato pensato per far nascere e concretizzare progetti che favoriscano l’implementazione dell’Economia Circolare nelle città in un processo di ridisegno e riprogettazione di queste.

L’Hackathon sarà ibrido con sede fisica a Milano, presso NTT DATA, a Torino, presso il Palazzo del Rettorato dell’Università di Torino e, a Vicenza, presso le Risorgive del Bacchiglione di Viacqua.

L’evento a Torino è organizzato in collaborazione con l’Università di Torino, e l’evento a Vicenza è organizzato in collaborazione con Università Iuav di Venezia e Fondazione Studi Universitari di Vicenza.

L’evento vuole guidare il cambiamento

all’interno delle città, favorendo la nascita di attività innovative ed imprenditoriali in diverse macro-aree tematiche selezionate. Per poterlo fare, in ciascuna di queste aree sono state definite delle challenge grazie al coinvolgimento attivo di partner industriali esperti del settore.

“Siamo particolarmente soddisfatti nel sostenere Hacking the City.

NODES, Nord Ovest Digitale E Sostenibile – è uno tra gli 11 Ecosistemi dell’innovazione individuato dal MUR ed è chiamato a creare sinergie tra i diversi attori dell’innovazione sul territorio: università, poli di innovazione, centri di ricerca, centri di competenza, incubatori e acceleratori.

Le tematiche green e dell’economia circolare sono al centro dei nostri obiettivi di innovazione grazie a Spoke 2. E’ fondamentale sensibilizzare anche gli studenti su tali argomenti perché rappresentano il nostro futuro e quello del pianeta”. Afferma Chiara Ferroni, Direttore Generale dell’Ecosistema NODES.

Cinque sono i settori strategici individuati,

all’interno dei quali i partner industriali hanno definito delle challenge.

Nello specifico: A2A per l’area Rifiuti, Humana People to people Italia per l’area Beni di consumo, Lavazza per l’area Cibo, NTT DATA per l’area Digitale, e Viacqua per l’area Acqua.

Durante le due giornate, parallelamente alle sessioni di lavoro dei ragazzi, si susseguiranno una decina di interventi da parte di professori universitari, ed esperti del settore.

Assistere a questi interventi sarà possibile anche per chi non partecipa all’hackathon, esclusivamente online, previa prenotazione. I temi trattati saranno diversi: Green Deal, Circular food system, Circular business models, Circular design thinking, Città circolari e New European Bauhaus.

“Fondazione Cariplo sostiene da anni la ricerca per il benessere delle persone e lo sviluppo socio-economico delle comunità, in questi ambiti una sempre maggiore attenzione viene dedicata agli aspetti di sostenibilità ambientale e di riutilizzo delle risorse.

Con l’evento di oggi le nuove generazioni,

ricche di idee e progettualità potranno cimentarsi su temi importanti e attuali come il rispetto delle risorse naturali e lo sviluppo sostenibile, sperimentando approcci di economia circolare, con l’obiettivo ambizioso di partecipare attivamente al ridisegno del nostro futuro e quello delle nostre città”.

Commenta Carlo Mango, Direttore Area Scientifica e Tecnologica Fondazione Cariplo.

Coloro che vogliono provare a competere possono candidarsi, compilando il form all’interno del sito web, con il proprio team o individualmente dal 2 al 31 maggio 2023.

Per informazioni riguardanti le modalità di partecipazione e i premi, si consiglia di consultare il regolamento sul sito web.

I partecipanti avranno l’opportunità di affinare la propria soluzione insieme a dei tutor, e presentarla ad una giuria di esperti creata specificatamente per la challenge selezionata.

I vincitori saranno poi premiati dalle aziende promotrici della sfida, che vanno da ipotesi di stage, a sconti e voucher.

L’hackathon ha ottenuto il patrocinio della Commissione europea, del Comune di Milano, e di ASviS, oltre a quello di diverse università, tra cui l’Università LIUC – Carlo Cattaneo, l’Università degli studi di Messina, l’Università degli studi di Bologna, l’Università degli studi di Insubria, l’Università degli Studi di Ferrara, l’Università di Pavia, l’Università degli studi di Padova, la Sapienza Università di Roma, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Università degli studi di Firenze, l’Università IUAV di Venezia, la Fondazione Studi Universitari di Vicenza, l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e l’Università degli Studi di Genova.

Circa Tondo

Tondo è un’organizzazione dedicata all’Economia Circolare, che vuole creare un ampio ecosistema internazionale sull’Economia Circolare, favorendo la collaborazione tra diversi attori.

Tondo lavora per accelerare la transizione ad un sistema circolare, rigenerativo e ristorativo.

Sito web: https://www.tondo.tech/

Per ulteriori informazioni, contattare: Francesco Castellano     francesco@tondo.tech

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio