CronacaPiovene RocchetteSantorsoSchio

Schio: due persone arrestate e sei denunciate in stato di libertà

I Carabinieri della Compagnia di Schio nell’ambito del potenziamento dei servizi di controllo del territorio, hanno arrestato due persone e deferito in stato di libertà ulteriori sei.

In particolare:

Santorso (VI)

I militari della Stazione di Piovene Rocchette (VI) hanno arrestato un 45enne del luogo. In esecuzione di un ordine di espiazione pena emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza. Per intervenuta condanna definitiva a 10 mesi di reclusione per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Reato commesso a Vicenza nell’anno 2023. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato ristretto presso il proprio domicilio in regime di detenzione domiciliare;

Schio

I carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 49enne del luogo poiché, già sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare, a seguito di violazioni della misura in atto. Il Magistrato di Sorveglianza di Verona ne disponeva l’arresto ed accompagnamento in carcere;

Schio

I militari delle Stazioni di Malo ed Arsiero hanno deferito in stato di libertà per porto di oggetti atti ad offendere e sanzionato in via amministrativa per ubriachezza manifesta un 53enne dimorante a Schio, con precedenti di polizia, poiché sottoposto a controllo presso un esercizio pubblico del territorio, in evidente stato di alterazione da alcool, senza giustificato motivo occultava sulla persona un cacciavite, che veniva sequestrato;

Sempre a Schio

I militari della Stazione di Arsiero procedevano in zona centro al controllo di un diciottenne del luogo. Lo stesso veniva trovato in possesso di una modica quantità di hashish, che veniva sequestrata. Al termine degli accertamenti, il giovane segnalato in via amministrativa alla Prefettura di Vicenza quale assuntore di stupefacenti;

Un 62enne dimorante a Schio invece è stato deferito in stato di libertà per il reato di evasione. Poiché, a seguito di un controllo da parte dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, non veniva rintracciato presso la propria abitazione, in violazione della misura restrittiva degli arresti domiciliari.

Nei giorni scorsi inoltre,

i carabinieri della Stazione di Piovene Rocchette, unitamente ai colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Vicenza, nell’ambito di un servizio straordinario disposto dal Comando Compagnia Carabinieri di Schio teso alla verifica del rispetto della normativa sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, hanno effettuato un accesso ispettivo presso un cantiere edile residenziale allestito nell’abitato del comune di Piovene Rocchette.

L’attività di controllo portava al deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Vicenza di due persone – rispettivamente il legale rappresentante di una impresa operante nel cantiere e del coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, per delle accertate violazioni in materia di sicurezza di cui al Testo Unico sulla Sicurezza (D.lgs 9 aprile 2008 n. 81).

All’esito della verifica, venivano elevate complessivamente ammende pari ad € 18.225.

Si rappresenta che le misure venivano adottate d’iniziativa da parte del citato Reparto procedente. Che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagini in relazione alle vicende sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

LEGIONE CARABINIERI “VENETO”

Comando Provinciale di Vicenza

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio