Cronaca

Questura di Vicenza: nigeriano pregiudicato trovato con cocaina ed eroina

Fine settimana  del  1° MAGGIO – Ispezionati edifici abbandonati: ex Consorzio agrario – ex Istituto Scolastico Baronio – Questura di Vicenza: nigeriano pregiudicato trovato con cocaina ed eroina

SERVIZI  STRAORDINARI di  PREVENZIONE e SICUREZZA

DISPOSTI dal QUESTORE – FOGLI di VIA e MISURE  di  PREVENZIONE

Questura di Vicenza – In occasione del ponte del 1° Maggio,

ed in considerazione del previsto incremento dell’afflusso turistico previsto in Città – e, più in generale, in tutta la nostra Provincia – a partire da venerdì scorso e sino a questa mattina è stata effettuata una serie di attività di prevenzione e repressione dei fenomeni di illegalità diffusa disposte con Ordinanza dal Questore della Provincia di Vicenza Paolo SARTORI in sintonia con quanto indicato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e con quanto concordato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, anche – e soprattutto – nell’ottica di prevenire eventuali iniziative destabilizzanti per l’ordine pubblico e la sicurezza della cittadinanza.

I servizi effettuati in questi ultimi giorni rientrano nel più ampio programma operativo di controllo del territorio e di presenza delle Forze dell’Ordine nelle aree più sensibili del Capoluogo e della Provincia, ed hanno avuto lo scopo, oltre che di vigilare gli obiettivi sensibili e le infrastrutture maggiormente complesse presenti sul nostro territorio – quali ferrovie, strade, autostrade, stazioni ferroviarie e degli autobus, Istituzioni pubbliche, beni storici, artistici ed architettonici, edifici di culto e luoghi di aggregazione – anche quello di garantire la sicurezza dei trasporti e l’incolumità delle persone che hanno approfittato delle festività per trascorrere le vacanze visitando musei, ristoranti, teatri, locali pubblici e quant’altro.

Le attività sul territorio del Capoluogo –

le quali, oltre che nel Centro storico, si sono concentrate prevalentemente nelle zone di Campo Marzo, del Quadrilatero, San Pio X°, Giardini Salvi ed altre aree della periferia urbana – hanno visto l’impiego giornaliero di circa 40 donne ed uomini appartenenti alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza ed alla Polizia Locale di Vicenza, con il supporto del Reparto Prevenzione del Crimine della Polizia di Stato.

Analoghe attività sono state effettuate nei restanti Comuni della Provincia, con la collaborazione delle Polizie Locali competenti per territorio.

Un controllo minuzioso è stato effettuato all’interno di alcuni edifici abbandonati che si trovano nel Capoluogo cittadinoin particolare l’area dismessa del Consorzio Agrario, in Viale Trento, e l’ex Istituto Scolastico Baronio – segnalati dalla cittadinanza quale luoghi di ritrovo di soggetti senza fissa dimora, talvolta presenti illegalmente sul nostro territorio nazionale, nonché utilizzati quali punto di riferimento per il compimento di attività illecite.

Questo genere di controlli ha lo scopo di tenere monitorate queste aree, al fine di evitare che si consolidino situazioni di criticità per l’Ordine e la Sicurezza pubblica.

Nell’occasione, si è potuto riscontrare come tali edifici siano utilizzati quali rifugi occasionali.

Questura di Vicenza – Controlli specifici sono stati inoltre effettuati

presso Esercizi Pubblici oggetto di segnalazioni e lamentele da parte di cittadini per problematiche di Ordine e Sicurezza pubblica, con identificazione delle persone presenti, al fine di prevenire e reprimere fenomeni delinquenziali e di garantire la tranquillità e la sicurezza delle persone.

Nel corso di un controllo in Viale Risorgimento un cittadino nigeriano di 40 anni residente a Trapani veniva sorpreso in possesso di alcuni grammi di cocaina ed eroina e, pertanto, segnalato per detenzione di sostanze stupefacenti.

Nei suoi confronti il Questore ha altresì disposto il Foglio di Via con il divieto di far ritorno a Vicenza per i prossimi 3 anni.

A conclusione di questa operazione

si possono riassumere i seguenti dati, che si riferiscono nello specifico alle attività svolte nel Capoluogo cittadino:

  • 3 Autobus di linea controllati
  • Controllati 9 Esercizi Pubblici
  • Ispezionati tutti i principali treni in partenza ed in arrivo presso la Stazione di Vicenza;
  • Effettuati 7 Posti di Controllo stradali
  • Identificati 83 Veicoli
  • 171 Persone controllate

A seguito di tutte queste verifiche

e degli accertamenti investigativi effettuati nei confronti dei 59 soggetti con precedenti penali e/o di Polizia individuati nel corso dei controlli, il Questore ha adottato i seguenti Provvedimenti:

  • 6 Fogli di Via Obbligatori a carico di altrettanti soggetti gravati da precedenti di vario genere, che si trovavano senza motivo ed in circostanze non giustificate nel territorio comunale del Capoluogo. A costoro è stato fatto DIVIETO di tornare nel Comune di Vicenza per un periodo di 3 anni;
  • 5 Misure di Prevenzione Personale previste dal Codice delle Leggi Antimafia (Avvisi Orali) nei confronti di pregiudicati sorpresi in atteggiamenti e luoghi sospetti;
  • 4 Decreti di Allontanamento dal Territorio Nazionale nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari presenti illegalmente in Italia, con contestuale ORDINE di  lasciare il nostro Territorio Nazionale entro 7 giorni;
  • 5 Revoche del Permesso di Soggiorno nei confronti di persone che non avevano più i requisiti per rimanere sul nostro territorio nazionale, a causa della commissione di reati di vario genere, con intimazione ad uscire dal nostro Paese entro 15 giorni.

Tradizionalmente, nei periodi festivi assistiamo a notevoli afflussi di turisti che raggiungono la nostra Città e la nostra Provincia per visitare mostre, Palazzi storici ed iniziative culturali di vario genere.

Con il moltiplicarsi delle iniziative commerciali e turistiche, i fenomeni di microcriminalità tendono anch’essi a diffondersi in maniera fisiologica – ha precisato il Questore Sartori.

Ed è proprio in questo contesto

che le attività di prevenzione poste in atto dalle Forze di Polizia, oltre a  rendere concreta la percezione di sicurezza da parte di cittadini e visitatori, ci consente di far fronte e di tenere sotto controllo le diverse espressioni di illegalità, evitando che possano qui radicarsi fenomeni delinquenziali e soggetti dediti ad attività criminali che non hanno titolo per permanervi, spesso commettendo reati che infondono particolare allarme sociale e compromettono la civile convivenza”.

Questura  di Vicenza

COMUNICATO STAMPA del 2 Maggio 2023

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio