BassanoCronaca

Bassano: perseguita ancora l’ex moglie, nuova misura cautelare

Perseguita ancora l’ex moglie: eseguita una nuova misura cautelare – Bassano.

Nel corso del pomeriggio del 6 marzo 2024, i Carabinieri della Stazione di Bassano del Grappa hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare del “divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa”.

Con contestuale applicazione del “braccialetto elettronico”. Misura  emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Vicenza, su richiesta della locale Procura, a carico di un 43enne residente a Bassano del Grappa (VI), ritenuto responsabile di reiterati atti persecutori nei confronti della sua ex moglie.

Già nel mese di dicembre del 2022

I militari della Stazione Carabinieri di Rosà avevano dato esecuzione ad un primo divieto di avvicinamento nei confronti dell’uomo, sempre per atti persecutori, e tuttora in esecuzione; in quella occasione, il G.I.P. di Vicenza, nell’ambito della misura cautelare irrogata, lo aveva autorizzato ad avvicinarsi alla persona offesa solo ed esclusivamente per finalità legate all’esercizio della potestà genitoriale.

Il nuovo provvedimento restrittivo, invece, che non contempla più il suddetto beneficio e che prevede un maggiore “controllo” in virtù del supporto elettronico, deriva dalle nuove denunce- querele di recente presentate dalla donna. La vittima, nel corso della sua narrazione dei fatti, ha raccontato che l’uomo le aveva persistentemente inviato messaggi e proferito minacce. Perseverando nella sua condotta, nonostante la misura in atto.

Pertanto, acquisiti tutti gli elementi probatori a sostegno del comportamento persecutorio in danno della donna, il 6 marzo 2024 è stata data esecuzione alla nuova ordinanza applicativa di misura cautelare, nei confronti dell’uomo. Uomo il quale dovrà anche mantenere una distanza minima di 500 metri, in caso di incontro occasionale con l’ex moglie.

Si ricorda che sul sito www.carabinieri.it,

è stata dedicata un’intera area tematica sul “codice rosso”. Area dove è possibile trovare tante informazioni utili su atti persecutori, bullismo, cyberbullismo, maltrattamenti, revenge porn, violenza sessuale ecc.

Nell’area tematica è presente il “Violenzametro”, un test di autovalutazione, elaborato dal Reparto Analisi Criminologiche del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche. Test per rilevare i segnali del livello di violenza di genere subita in un rapporto di coppia. Contiene consigli utili per chiedere supporto e aiuto in base al livello di violenza riscontrata. Ecco il   link   dell’area tematica “codice rosso”: http://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/consigli/codice-rosso/codice-rosso.

* “Si rappresenta che la misura è stata eseguita nella fase dell’indagine preliminare e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagine in relazione alla vicenda per la quale si procede sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna”.

Bassano del Grappa (VI), 8 marzo 2024

L E G I O N E   C A R A B I N I E R I “V E N E T O”

Comando Provinciale di Vicenza

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio