Arte, Cultura & Spettacoli

Vicenza, giornata di studi: “Le imbarcazioni monossili del lago di Fimon”

Al Museo Naturalistico Archeologico sabato 20 maggio dalla 10 alle 17 si terrà la giornata di studi dal titolo “Le imbarcazioni monossili del lago di Fimon. Storia dei rinvenimenti, studi, prospettive di ricerca”. Organizzata dai Musei civici con la cooperativa sociale Scatola cultura, il sostegno della Fondazione Giuseppe Roi. Il patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Vicenza, del Comune di Arcugnano e dell’Accademia Olimpica.   

Evento finale

L’iniziativa costituisce l’evento finale della mostra “Palafitte e piroghe del Lago di Fimon. Legno, territorio, archeologia” che si concluderà il 31 maggio. Allestita con l’obiettivo di divulgare i risultati scientifici, anche inediti e legati a recenti studi, su elementi di imbarcazione e resti di pali lignei provenienti da Fimon.

La giornata di studi è dedicata alla memoria di Alberto Broglio.

Nato ad Asiago nel 1931 e scomparso a Vicenza, lo scorso febbraio, studioso sempre attivo e disponibile. Broglio ha contribuito alla realizzazione della mostra “Palafitte e piroghe del Lago di Fimon” che ha voluto fosse dedicata alla figura di Gastone Trevisiol, ricercatore la cui attività si è svolta principalmente nelle Valli di Fimon e a cui si deve il ritrovamento di molti dei reperti esposti in mostra.

Professore emerito e docente di paleontologia umana all’Università di Ferrara, è stato accademico olimpico. Membro di istituti di ricerca internazionali e autore di numerose e importanti pubblicazioni scientifiche sulla preistoria, soprattutto del pleistocene e del primo olocene. Dalla metà degli anni ‘50 fu protagonista della scoperta di siti archeologici neanderthaliani e sapiens in tutto il territorio italiano.

Nel territorio vicentino vanno ricordate in particolare le campagne di scavo e gli studi sul Paleolitico della Grotta, del Buso Doppio e del Riparo del Brojon nei Colli Berici e per il Neolitico l’indagine archeologica a Fimon Molino Casarotto, tutt’oggi archivi archeologici e punti di riferimento per la ricerca di interesse internazionale.

La giornata di studi,

a cui parteciperanno numerosi esperti del settore dell’Università degli studi di Padova, dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna e della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza, si aprirà alle 10 con i saluti istituzionali e proseguirà alle 10.20 il primo intervento, “Lo scavo della torba e le scoperte archeologiche: un contributo introduttivo di carattere storicoeconomico, antropologico, ecologico” a cura di Reginaldo Dal Lago, esperto di storia locale e Cristiano Nicosia del dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova.

Alle 11 l’approfondimento sui “Rinvenimenti di monossili nelle Valli di Fimon”

sarà a cura di Antonio Dal Lago (ex conservatore del Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza), Nicoletta Martinelli (Laboratorio Dendrodata di Verona) e Sandra Pellizzari (Università di Ferrara, dipartimento di studi umanistici, sezione scienze preistoriche e antropologiche).

11.40 l’intervento

di Sandra Pellizzari, Antonio Dal Lago e Armando Bernardelli (Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza) sarà dedicato a  “Gastone Trevisiol e il suo recupero di reperti archeologici”.

Giovanni Monegato dell’istituto di Geoscienze e Georisorse e Cristiano Nicosia descriveranno “L’evoluzione geomorfologica e sedimentaria delle Valli di Fimon”.

Il pomeriggio si aprirà alle 14

con l’approfondimento dedicato ad “Analisi di laboratorio e inquadramento archeologico dei resti lignei delle monossili: specie legnose, datazioni assolute e contestualizzazione in rapporto ai siti preistorici del lago di Fimo” a cura di Nicoletta Martinelli, Paola Salzani della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza ed Elodia Bianchin Citton, già funzionaria archeologa del Ministero della cultura.

Alle 14.40 Stefano Medas

del dipartimento di beni culturali dell’Università di Bologna e Antonio Dal Lago parleranno di “Imbarcazioni monossili delle Valli di Fimon”.

Infine ore 15.20, a chiusura del convegno,

è previsto l’intervento “Il Museo e le monossili oggi: attività di conservazione e valorizzazione, prospettive e progetti” di Elisa Dalla Longa e Cinzia Rossato di Scatola Cultura, Viviana Frisone conservatrice del Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza, Sandra Pellizzari e Paola Salzani.

I partecipanti avranno la possibilità di visitare il museo e la mostra.

La giornata di studi è a ingresso libero e gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.  

Informazioni: 0444222815, museonatarcheo@comune.vicenza.it

giornata di studi

Fonte: Comune di Vicenza – Ufficio Stampa

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio