Arte, Cultura & Spettacoli

Torna in maggio Vicenza Jazz, 20ª edizione con molte novità

Anche quest’anno a Vicenza sarà tempo di Jazz. Torna infatti Il festival New Conversations – Vicenza Jazz, dall’8 al 16 maggio. Si tratta della ventesima edizione, ormai, di questo appuntamento amato e molto atteso in città. Quest’anno per altro non mancheranno i motivi di interesse e le novità, come è stato sottolineato un po’ da tutti questa mattina durante la presentazione alla stampa dell’evento. A fare gli onori di casa, tra gli altri, assieme al direttore artistico del festival, Riccardo Brazzale, c’era il vicesindaco di Vicenza, Jacopo Bulgarini d’Elci, che ha tenuto a ribadire l’importanza dell’appuntamento e le sue interconnessioni con le molte altre iniziative culturali della città.

Jacopo Bulgarini d'Elci
Jacopo Bulgarini d’Elci

L’accento è stato posto anche sui “Vent’anni di suoni, ritmi, visioni”, che del festival fanno la storia, e per ricordali, parteciperanno all’edizione 2015 molti grandi artisti che già in passato sono stati ospiti di Vicenza Jazz, e che in questa occasione si ricombineranno tra loro. È il caso di Jan Garbarek con Trilok Gurtu, Paolo Fresu con Richard Galliano, Anthony Braxton con Mary Halvorson, Maria Schneider con Fabrizio Bosso, Arturo Sandoval. Tra i nomi nuovi che verranno proposti vanno segnalati Gregory Porter e soprattutto i Soft Machine Legacy.

Come dicevamo, il festival quest’anno stringe interconnessioni con altre iniziative culturali, e aumenta anche la sua diffusione in varie zone della città, sia all’aperto che in spazi chiusi, uscendo uscendo comunque dai teatri. Vi sarà, naturalmente, il grande appuntamento in Piazza dei Signori, ma non mancheranno le esibizioni in vari luoghi di altro tipo, a cominciare dai locali fino ad arrivare a sale cinematografiche e librerie. Tra le più significative novità anche numerose produzioni originali, che coinvolgeranno musicisti in inediti e abbinamenti, con poeti ed artisti visivi.

Riccardo Brazzale
Riccardo Brazzale

Alcune di queste creazioni del festival esploreranno il tema della notte, in un ideale rimando alla mostra “Tutankhamon Caravaggio Van Gogh. Del restro, lo ha sottolineato anche il vicesiondaco, è dichiarato l’intento di avvicinare Vicenza Jazz alla mostra in Basilica, quantomeno per ampliare l’offerta culturale rivolta in quei giorni a chi visita la città . Proprio accanto della Basilica, in Piazza dei Signori, si terrà come dicevamo, il grande concerto gratuito “It’s Always Night” con Tony Allen, Daddy G. (dei Massive Attack) & Co: trip hop ed elettronica lungo i meandri della notte (ripercorrendo pure un celebre quanto enigmatico aforisma di Thelonious Monk: “It’s always night, or we wouldn’t need light”, “È sempre notte, o non avremmo così bisogno della luce”).

“Il programma di Vicenza Jazz 2015 – è stato detto in presentazione – viene annunciato quasi al completo con i concerti principali di prima serata (al Teatro Comunale, in Piazza dei Signori e nella maestosa scenografia del Teatro Olimpico) e qualche significativo indizio di quella che sarà la programmazione nei jazz club, i palazzi storici, le chiese. Quest’anno il festival promette addirittura di ampliare ulteriormente la sua programmazione rispetto ai cartelloni delle recenti edizioni, che concentravano oltre 100 concerti nell’arco di 9 giorni. Prima sensibile novità, che darà un nuovo impulso alle notti festivaliere, sarà la moltiplicazione dei jazz club: da quello ufficiale del festival, il Jazz Cafè Trivellato che tornerà negli spazi del Teatro Astra, a una miriade di locali, a iniziare dal Bar Borsa sotto la Basilica Palladiana. La full immersion festivaliera offrirà inoltre innumerevoli occasioni di approfondimento e coinvolgimento: incontri con poeti, seminari e masterclass con musicisti, mostre, happening artistici, convegni, proiezioni, presentazioni di libri e tante altre manifestazioni di cultura, musica e spettacolo”.

Infine, abbiamo scambiato, a margine dell’incontro di questa mattina, alcune battute con il vicensindaco sulla valenza di questo festival jazz per la nostra città. Registrate in audio, le proponiamo nell’audiolettore in alto nella pagina (sul margine inferiore della foto grande).

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio