Arte, Cultura & SpettacoliSchio

Schio Grande Teatro 2022-2023, doppio appuntamento a febbraio

Doppio appuntamento al Teatro Civico sabato 4 febbraio ore 21 e domenica 5 febbraio ore 17 con la compagnia vicentina Stivalaccio Teatro – Schio Grande teatro 2022-2023

LA COMMEDIA DELL’ARTE IN SCENA CON GIOCHI, LAZZI, CANTI E DUELLI – Nove interpreti in scena propongono la riscrittura di un canovaccio esilarante del Settecento

Al Teatro Civico di Schio (VI) un grande omaggio alla Commedia dell’Arte e all’abilità tutta italiana del fare di necessità virtù.

Schio Grande Teatro,Schio Grande Teatro

il cartellone della Fondazione Teatro Civico e del Comune di Schio in collaborazione con Arteven Circuito Teatrale Regionale, prosegue con un doppio appuntamento.

Dopo una settimana di residenza per riallestire lo spettacolo prima dell’avvio della tournée sabato 4 febbraio ore 21 e domenica 5 febbraio ore 17 la compagnia Stivalaccio Teatro porta in scena “Arlecchino muto per spavento”, realizzato con il sostegno della Fondazione Teatro Civico.

Si tratta del primo spettacolo che andrà in scena al Teatro Civico dopo la cerimonia di inaugurazione delle nuove aree restaurate: il loggione e il secondo ordine di palchi potranno ospitare il pubblico dopo oltre 60 anni di chiusura.

Con lo stile esilarante che li contraddistingue, le attrici e gli attori della compagnia ripropongono uno dei canovacci più rappresentati nella Parigi del Settecento, poggiandosi sull’arte attorale e quindi sugli strumenti propri del commediante dell’arte: la recitazione, il canto, la danza, il combattimento scenico, i lazzi e l’improvvisazione.

Dopo l’esilio forzato

i Comici Italiani tornano finalmente ad essere protagonisti del teatro parigino e lo fanno con una compagnia di tutto rispetto. Il capocomico Luigi Riccoboni in arte Lelio, si circonda dei migliori interpreti dello stivale tra cui, per la prima volta in Francia, l’Arlecchino vicentino Tommaso Visentini.

Ma il Visentini non parlava la lingua francese, deficit imperdonabile per il pubblico della capitale. Ed è qui che emerge il genio di Riccoboni nell’inventare un originale canovaccio dove il servo bergamasco diviene muto per spavento. Gioco, invenzione, amore, paura e dramma si mescolano così tra le smorfie inamovibili delle maschere.

Prima dello spettacolo alle ore 19 di venerdì 4 febbraio in Sala Calendoli (ridotto Teatro Civico) la compagnia incontrerà Andrea Pocosgnich di “Teatro e Critica” e il pubblico per il progetto Campus Tè, il percorso di accompagnamento alla visione degli spettacoli della stagione. L’incontro è gratuito e aperto a tutti, senza prenotazione.

Stivalaccio Teatro

è una compagnia teatrale vicentina che si occupa di teatro popolare, Commedia dell’Arte e teatro ragazzi. Si dedica alla diffusione del teatro attraverso la produzione di spettacoli, la formazione e l’organizzazione di festival e rassegne.

La cifra stilistica della compagnia si colora di stupore, artigianato, oggetti che si trasformano, parola che diventa corpo e corpo che parla. Un teatro popolare e popolato di persone, di idee, di luci, di sguardi e di storie da raccontare.

Tra gli spettacoli: “Don Chisciotte”, “Romeo e Giulietta” e “Il malato immaginario”.

Informazioni: Platea e I ordine di palchi: intero € 18.00, ridotto over 65 e under 35 € 16.00. Galleria, II ordine di palchi e loggione: intero € 15.00, ridotto over 65 e under 35 € 13.00.

Biglietti acquistabili presso la biglietteria del Teatro Civico di Schio in via Pietro Maraschin, 19 e online su www.vivaticket.com, tel. 0445 525577, info@teatrocivicoschio.it, www.teatrocivicoschio.it.

(Schio – VI – 30.01.2023) –

Informazioni per la stampa e accrediti:
FONDAZIONE TEATRO CIVICO SCHIO
comunicazione@teatrocivicoschio.it

Ufficio stampa e social media Fondazione Teatro Civico
site www.teatrocivicoschio.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio