Arte, Cultura & SpettacoliPiovene Rocchette

Piovene Rocchette: Valeria Cusinato in Finale al Premio Chiara Giovani 2023

Premio Chiara Giovani 2023 – Valeria Cusinato in Finale al Premio Chiara Giovani 2023

Valeria Cusinato, anno 2005,

studentessa all’IIS Tron Zanella di Schio è in Finale al Premio Chiara Giovani, concorso di scrittura creativa per giovanissimi legato al Premio letterario “Piero Chiara”.

30 sono i finalisti scelti dalla Giuria Tecnica

Il Premio Chiara Giovani 2023, promosso dall’Associazione Amici di Piero Chiara con il contributo di Regione Lombardia e con il patrocinio e il sostegno di diversi enti pubblici e privati tra cui Repubblica e Cantone Ticino, Fondazione AEM gruppo a2a, Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, Comunità di Lavoro Regio Insubrica, con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese e della Lombardia, era riservato a giovani da 15 a 20 anni, italiani e dalla Svizzera italiana, invitati a produrre un racconto inedito sulla traccia

“Eccomi”

La segreteria ha ricevuto 150 racconti da tutte le regioni italiane e dal Canton Ticino. 150 racconti a conferma dell’interesse ampio che il Premio sa suscitare anche al di fuori del proprio territorio d’appartenenza.

il Presidente di Giuria Antonio Pascale

“Leggere racconti scritti da ragazze e ragazzi giovanissime – dice il Presidente di Giuria Antonio Pascalesignifica fare una immersione diretta e senza filtri in un mondo poco conosciuto. Ciò significa osservare una parte del mondo ancora al buio. Significa anche immaginare il futuro, ossia vista la base di partenza queste ragazze e ragazzi fin dove potranno spingersi. Cosa succederà domani, che sentimenti avranno la meglio?”.

La Giuria Tecnica, presieduta da Antonio Pascale scrittore, vincitore Premio Chiara 2022, e composta da Michele Airoldi docente Lic. Cavalieri Verbania, Andrea Bianchetti docente CPC Lugano e CPT Bellinzona, Cristina Boracchi dirigente Lic. Crespi Busto Arsizio, Davide Circello docente Lic. Lugano 1, Salvatore Consolo dirigente Lic. Classico Cairoli Varese, Alessandro Guglielmi giornalista Varesenews, ha selezionato i 30 finalisti, che sono pubblicati in un volume.

La Giuria dei Lettori, composta da 150 giurati italiani e ticinesi, riceverà il volume e con i suoi voti decreterà il Vincitore e la classifica dei premiati.

Premi in palio:

– 500 euro offerto da Reale Mutua Varese
– Orologio Locman offerto da Gioielleria Dino Ceccuzzi, Busto Arsizio VA
– Tablet con custodia offerto da Iper la grande i, Varese
– Cena per 4 persone offerta da Ristorante Bologna, Varese
– Beauty da viaggio offerto da Apex, Barasso VA
Ebook reader offerto da Unieuro Varese
– Parure Faber-Castell offerta da Villa, Varese

Premio Regio Insubrica200 euro – a un racconto di un autore proveniente dal territorio insubre giudicato
meritevole dalla commissione della Comunità di Lavoro Regio Insubrica.

Nasce quest’anno il Premio “un racconto per un viaggio”.

Gli Amici di Piero Chiara hanno formato una Giuria composta da 21 giovani, vincitori o premiati nelle passate edizioni, che riceveranno il volume con i racconti finalisti 2023 e voteranno il loro racconto preferito. Questo per dare un punto di vista diverso, “giovani che votano i giovani”. Il vincitore di questa sezione, sostenuta da Agenzia Viaggi Giuliani Laudi, si aggiudicherà un pacchetto viaggio per 2 persone, della durata di un weekend, da effettuare nel 2024.

Appuntamenti con i Finalisti del Premio Chiara Giovani 2023

  • Domenica 24 settembre ore 16.00

Sala Montanari Varese

I finalisti del Premio Chiara Giovani 2023

intervistati da Salvatore Consolo

Cristina Boracchi e Alessandro Guglielmi

  • Domenica 15 ottobre ore 17.00

Sala Napoleonica Ville Ponti Varese

Premiazione Vincitori Chiara Giovani 2023

con Premio Regio Insubrica

e Premio “un racconto per un viaggio”

Elenco dei 30 finalisti

al Premio Chiara Giovani 2023 “Eccomi” e riassunti dei loro racconti

Per far sorridere il cielo – Greta Arosio Leggiuno (VA) 2005

Il racconto è ispirato alla figura di Marco Rodari, in arte “il Pimpa”, un pagliaccio da anni impegnato nella notevole impresa di portare sorrisi ai meno fortunati. 

Il paese delle meraviglie – Giulia Barausse Varese 2003

Alice è una ragazza fuori sede in Francia che ha lasciato tutto nella sua città natale per partire da sola. Qui Alice si racconta e racconta la verità su quanto sia difficile ricostruirsi una vita da zero in un altro paese quando si perde tutto anche a casa.

Eccomi! – Tommaso Barenco Bellinzona CH 2004

Storia di un uomo senza nome, da tempo innamorato di una ragazza conosciuta al liceo. Cresciuto, si sposa con un’altra donna, con la quale avrà una figlia, che però morirà ancora neonata, causando la profonda depressione della madre. Ormai invecchiato, l’uomo entra in una chiesa e assiste al proprio funerale.

Lì dove cadono le lanterne – Sara Bianchetti Lograto (BS) 2003

È la notte di Capodanno. Un’alunna siede accanto a un’insegnante stesa in un letto d’ospedale, ripensando ai momenti trascorsi insieme che l’hanno iniziata “all’arte dell’eccomi’’. Fuori si librano lanterne destinate a cadere in un campo fiorito, seminato negli anni dalla sua maestra.

La radura – Maria Boracchi Cremeno (LC) 2006

Il cane Kai, unico silenzioso confidente dell’adolescente Margareth, scopre durante una passeggiata il significato della bellezza, rivedendola poi dentro Meggy ma in modo diverso: corrotta dal dolore. Da quel giorno, Kai cercherà di proteggere l’amata Meggy da quella tormenta che sembra non lasciarla mai.

Olly – Olivia Cappelletti Castelletto Ticino (NO) 2008

Quando mi chiedono di presentarmi, non so come iniziare. / Vorrei dire troppo, ma poi non dico nulla. / Vorrei dire questo, ma poi dico altro.

Monomania di orgoglio – Vera Carucci Brugherio (MB) 2006

Da una fotografia datata 1879 e proveniente dagli archivi di un manicomio inglese una giovane donna ci lancia uno sguardo enigmatico, al di là del tempo e dello spazio, come sfidandoci a strapparle i suoi segreti. Il suo passato è completamente sconosciuto, così come la sua identità: tutto quello che resta di lei è il nome della sua patologia, “monomania of pride”. Monomania di orgoglio.

La “tana” in un telefono cellulare – Giovanni Castellotti Roma 2003

Un ragazzo nella stanza di fronte. Con un cellulare h24. Un dubbio da coetaneo: metterlo in guardia dicendo “Eccomi”?

La parte migliore del viaggio

Valeria Cusinato Piovene Rocchette (VI) 2005

Un ragazzo torna nel suo paese natio.

Torna per rivedere quei posti che conosce meglio di ogni altro luogo sulla terra, così banali ma così speciali allo stesso tempo, anche se, dopo tutti gli anni passati lontano, qualcosa potrebbe essere cambiato.

Un eco con la doppia c – Aurora Dal Tin Arsago Seprio (VA) 2003

Elia e Sam sono da sempre migliori amici. Vivono insieme ogni momento e sono uniti da una grande passione, grazie alla quale creeranno un nuovo mondo in cui vivere per sempre.

Roba da rammendare – Onofrio De Michele Alberobello (BA) 2003

Ginia, divisa tra il fratello malato, il lavoro estenuante e le tacite insicurezze, si concede un momento per sé stessa. Passeggiando per una Torino autunnale, rattoppa la tela di un passato aggrovigliato e trapunta nuove immagini tropicali.

Eccomi – Eleonora Deriu Bregano (VA) 2008

Un racconto fantastico che narra la visione di un fenomeno, purtroppo ormai comune, da una piccola e inaspettata prospettiva. Una storia insolita che fa riflettere sul comportamento dell’uomo, inconsapevole del fatto che distruggendo gli altri distrugge anche sé stesso.

Eccomi! – Anna D’Ettorre Lugano CH 2007

Sto fuggendo, con addosso una felpa e uno skateboard sotto braccio. M’inoltro prima lungo la strada grigia, poi dentro il bosco che, a differenza, di tanti anni fa, ora è ostile e mi ha voltato le spalle. I ricordi mi squarciano la mente: due ragazzine che si inseguono ridendo… una corre avanti, in fretta, si arrampica fra le rocce, in alto, troppo in alto. Troppo tardi. Ora sono qui, davanti al mare profondo come una fossa.

Eccomi – Francesca Farina Montalbano Jonico (MT) 2007

Una ragazza si perde in un bosco ed è costretta ad attraversare un groviglio di rovi e di ferro. Si limita a seguire la voce della sua guida: l’eco, ma una nuova figura le mostrerà un’altra via, sarà quella giusta?

Ogni anno è sempre la prima volta – Dora Gay Lugano CH 2003

Ammantata da un sonno profondo, pian piano la dea Venere si risveglia. Nelle campagne la vita è dura e particolarmente faticosa dopo i lunghi mesi invernali. Il risveglio della dea è accompagnato da universali segnali di nuova vita e letizia: con lei sta tornando la primavera.

Eccomi – Noemi Guga Legnano (MI) 2003

Anna ha un diario che non fa leggere a nessuno. Scrive al marito perché a lui che è una persona spregevole non riesce a parlare di persona.  Lei prima lo ama e poi lo odia e di una relazione tossica come la loro non sa più che farne. È arrivato il momento di dare una svolta alla sua vita e finalmente Anna l’ha capito.

Camminare – Edith Loprieno Samarate (VA) 2004

Ispirato alle terzine dedicate al personaggio nel Canto VI del Paradiso. Romeo, nato a Villanova, trascorre la propria vita in pellegrinaggio per adempiere il voto pronunciato dalla madre prima della sua nascita. Decide di fermarsi solo alla corte di Raimondo di Tolosa, dalla quale viene cacciato dopo anni di fedele servizio.

Eccomi! 2000 anni dopo – Irene Mastrobattista Genestrerio CH 2004

Duemila anni dopo la sua prima apparizione come portatore del messaggio di Dio, Cristo torna sulla Terra, con un rinnovato “Eccomi!”, parola chiave nella fede cristiana. Tutto è cambiato, anche il suo messaggio per l’umanità?

Eccomi. Un’altra storia… – Ludovica Maurizi Castel di Lama (AP) 2007

È possibile incontrare un’anima piena d’amore, e diventare l’unico oggetto di questo dono. Essere il centro della sua vita, la sua casa, tutti i suoi desideri. È possibile, se quell’anima appartiene a un cane. E questa è un’altra storia di un’umana e un cane.

Il risorto – Chiara Miscali Ardauli (OR) 2003

Quello che oggi è il Risorto si interroga per una vita su che cosa significhi lo stare al mondo: un essere gettato o la risposta di assenso a una chiamata trascendentale? Come superare il terrore di non essere nessuno e, dunque, come essere sé stessi? 

La bambina che inseguiva le stelle – Lucrezia Pozzi Viggiù (VA) 2007

Circondata da un mare di ombre spaventose, Margherita riesce a trovare conforto tra le stelle che spendevano in cielo. Lì, per la prima volta rivede sua mamma che l’aveva lasciata qualche tempo prima. Spinta da un irrefrenabile desiderio di ritrovarla è disposta a fare qualsiasi cosa per raggiungerla.

L’alba conquistata – Erika Prelashi Varese 2008

Il racconto della vita di una donna, tratto da una storia vera, che nonostante la mancata istruzione scolastica, ha appreso dalla scuola della vita, la quale le ha insegnato che con il duro lavoro si può arrivare ovunque.

Così taceva quel mare agitato – Francesca Quaglia Olgiate Olona (VA) 2007

È il 26 febbraio del 2023 e il sole sta per sorgere sulla città di Crotone. Come ogni mattina Claudio si sta preparando per andare a pesca, ma ancora non sa che diventerà il primo spettatore del tragico naufragio di un barcone di migranti.

Ecco l’agnello di Dio – Noemi Rabozzi Sesto Calende (VA) 2004

Un giovane novizio attende con impazienza la cerimonia di consacrazione agli dei. Durante l’ultimo giorno prima del periodo di purificazione, le conversazioni con suo fratello, un vecchio mendicante e un altro consacrato esplorano le sfaccettature della devozione del protagonista.

Non lasciarmi andare – Chiara Regruto Milano 2005

Una ragazza cerca di elaborare il lutto di un caro amico e compagno di studi, e di perdonare se stessa per non aver compreso la sua profonda sofferenza e il suo gesto estremo. Con il tempo tenta di colmare il vuoto, accorgendosi che lo sguardo di lui non l’ha mai veramente abbandonata.

Il perdono dell’aurora – Carolina Reguzzoni Busto Arsizio (VA) 2006

Due soldati, Ivan e Victor, si ritrovano a vagare nel campo di battaglia abbandonato. Non sanno però che un trascorso tragico li accomuna; un ritrovamento inquietante glielo ricorderà ed al sorgere del sole si riconosceranno e ritroveranno la pace perduta.

Tutto d’un fiato – Clara Sogno Borgosesia (VC) 2005

La distanza che separa Adele dalla sua vecchia vita è troppa. Basta però una chiamata per farle rivivere emozioni, sensazioni lontane, dimenticate per sempre.

Il ballo del tempo – Beatrice Tampieri Lugano CH 2007

C’è un luogo misterioso, oltre il tempo e lo spazio, in cui gli esseri umani attendono di venire al mondo. Alcuni aspettano molto a lungo, ed è importante farsi trovare pronti al momento buono. Dopo la nascita, tutti dimenticano questo tempo prima del tempo… o meglio, quasi tutti. Qualcuno invece è visitato da strani, surreali ricordi.

La bambina che non sei – Aurora Vannucci Parma 2005

“Eccomi, Gaia!” esclamò Humpert appena lei lo chiamò. Come sempre era il primo ad accorrere quando le cose non andavano come dovevano. Ma quel giorno non sarebbero andate come dovevano proprio a lui...

Un’amicizia… al cubo! – Andrea Vedovelli Tirano (SO) 2008

Marco e Alberto sono due studenti del Liceo Scientifico di Tirano. Marco è un ragazzo autistico e Alberto cerca di immaginare il suo mondo provando ad aprirgli il suo, trovando in lui riscontro in una sua passione: il cubo di Rubik.

Fonte Associazione Amici di Piero Chiara

www.premiochiara.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio