Arte, Cultura & SpettacoliMontorso

Montorso Vicentino: visitabile in anteprima mondiale il “Nuovo Giudizio Universale”

“Gli invisibili” al cospetto del loro Nuovo Giudizio Universale a Montorso Vicentino.

Si chiamano Adem, Ray e Mirka.

Sono le persone che, con l’aiuto della Caritas, dell’Agenzia USL e del Comune di Reggio Emilia, sono state contattate dall’artista spagnolo Jorge R. Pombo per realizzare, assieme a lui, l’immenso Nuovo Giudizio Universale, visitabile in anteprima mondiale fino al 31 marzo in Villa Da Porto Barbaran a Montorso Vicentino.

Lunedì 18 marzo alle 16.30

Accompagnati da Pombo, vedranno per la prima volta la loro opera installata e, quindi, completa. Sì, perché il loro lavoro si era concentrato sulle 13 grandi tele realizzate nello studio dell’artista a Reggio Emilia. Tele che sono poi state assemblate in Villa Da Porto, andando così a creare la rivisitazione del Giudizio Universale di Michelangelo in scala 1:1: un dipinto di 15 x 12 metri, alto come un palazzo di 5 piani, uno dei quadri a olio più grandi della storia.

Jorge R. PomboMontorso Vicentino: visitabile in anteprima mondiale il "Nuovo Giudizio Universale"

Pombo spiega così la scelta di avvalersi dell’aiuto di alcune persone esposte all’intensità di una vita irregolare, e di conseguenza a rischio di esclusione sociale, le quali per il loro apporto sono state regolarmente stipendiate: “Queste persone hanno visto più di me, perché conoscono meglio della maggior parte di noi le meraviglie e le miserie di cui sono capaci gli esseri umani.

Dal primo momento in cui ho immaginato il Giudizio Universale, ho sentito che se fosse stato dipinto dalle mani di questi esperti della condizione umana, con tanta esperienza alle spalle, che hanno sentito sulla propria pelle la solitudine, la mancanza di solidarietà e anche la generosità di chi volontariamente offre aiuto, questo gesto simbolico avrebbe dato un significato molto più ampio al messaggio del dipinto”.Montorso Vicentino: visitabile in anteprima mondiale il "Nuovo Giudizio Universale"

Curata da Sandro Orlandi Stagl e inserita nel contesto del Movimento Arte Etica, promosso dal 2016 dalla veronese ARTantide Gallery di Paolo Mozzo, l’opera è già stata visitata da oltre 500 persone.

Come detto, sarà possibile ammirarla fino al 31 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il costo del biglietto di ingresso è di 5 euro. I biglietti sono acquistabili tramite il sito Verona Box Office, all’indirizzo https://www.boxofficelive.it/index.cfm/it/eventi/altro/IL-NUOVO-GIUDIZIO-UNIVERSALE/.

Montorso Vicentino 15 marzo 2024

Biografia di Jorge R. Pombo

Jorge R. Pombo è un pittore autodidatta nato a Barcellona (Spagna) nel 1973. All’età di 24 anni, nel 1998, si trasferisce a Parigi attratto istintivamente dall’arte e dalla storia di questa città. Nel 1999, tornato nuovamente a Barcellona, ​​inizia una serie di soggiorni in diversi luoghi di contrasto culturale a partire dall’Artico, in particolare Groenlandia e Siberia, inizialmente attratto dai paesaggi ghiacciati e dalle condizioni climatiche estreme. Successivamente farà lo stesso in altri paesaggi come il Tibet o l’India.

Sempre mosso da una naturale curiosità antropologica, nel 2010 si trasferisce a New York, sedotto dalla sua energia caotica. Risiederà qui per quasi cinque anni e approfondirà lo studio dei pittori espressionisti astratti e, soprattutto, le esposizioni del Black Mountain College. Nel 2015 cambia nuovamente residenza a Reggio Emilia, dove attualmente lavora.

La chiave per comprendere la sua proposta artistica è il concetto di «lotta degli opposti». Figurazione contro astrazione, immagine narrativa contro processo di natura astratta, immagine contro parola, l’eccellenza delle icone della storia della pittura europea contro l’immagine priva di messaggio.

Espone regolarmente in gallerie in Spagna, Italia, Cina, Francia, Germania e Stati Uniti.

Ha inoltre esposto le sue opere in istituzioni come

  • il Museo Wallraf-Richartz (Colonia),
  • il Grande Museo del Duomo (Milano),
  • La Scuola Grande di San Rocco (Venezia),
  • Can Framis (Barcellona)
  • la 59a Biennale di Venezia.

Qui tutte le info sull’opera: https://bit.ly/49K17LX

Guido Gasparin Marchio e Divisione di Berica Editrice Srl

gasparin@hassel.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio