Arte, Cultura & Spettacoli

Anna Zago debutta con ” La voce umana + Il bell’indifferente”

Theama Teatro e Gruppo 4:48

Gio 27, ven 28, sab 29 giugno ore 21 – Anna Zago debutta con ” La voce umana + Il bell’indifferente” di Jean Cotecau

Testo Jean Cocteau con Anna Zago e la partecipazione di Mattia Venuto
scena e regia Giorgio Fabbris
aiuto regia Lanfranco Santacaterina e Katy Knoll
tecnica Ezio Zonta
video Gabriele Grotto
musiche Miles Davis, Carlo Venturi, Pallesi – Malgoni
produzione Theama Teatro e Gruppo 4:48

NOTE DI REGIA

Jean Cocteau è stato per molti uno squisito “ribelle conservatore”, ecclettico con la sua “grecomania”, ma anche “scrittore frivolo” e un po’ saltimbanco, modaiolo e ambizioso …
Non mancavano però gli estimatori: Pablo Picasso, Giorgio de Chirico, Igor Stravinskij, Guillaume Apollinaire, Édith Piaf, Ezra Pound, T.S. Eliot, Sergej Djagilev, Erik Satie, Man Ray …
Lo apprezzavano per la sua smisurata duttilità creativa e per la sua eccentricità, sia nell’ambito artistico che biografico (ne è esempio il suo rapporto sentimentale con l’attore Jean Marais), la quale racchiudeva compiutamente lo spirito culturale della Parigi Geniale.

Due sono le opere teatrali che mi hanno attratto, stimolato soprattutto per la loro apparente ovvietà del soggetto: l’amore travolgente, passionale con al fine l’inevitabile svelamento patetico dell’enigma sentimentale.
Si tratta di La voce umana e Il bell’indifferente, due brevi pièce di un atto che con un po’ d’azzardo farò rappresentare entrambe nella stessa serata … costringendo la straordinaria Anna Zago, Valchiria del teatro, ad un ipotetico confronto impossibile con Anna Magnani e Édith Piaf.

La voce umana è un capolavoro di semplicità, un atto unico in cui la sofferenza dell’amore finito e dell’abbandono viene scoperchiato come un bidone delle immondizie. Ciò che nella tragedia viene lasciato fuori scena … qui è rappresentato in tutta la sua nudità”.

Il bell’indifferente è [stato] un clamoroso successo esploso ai piedi delle bandiere nere delle SS che esibiscono la supremazia del Terzo Reich sulla città più bella del mondo, il Casino a cielo aperto, il Lunapark d’Europa, il Teatro dei teatri, il Café Chantant in concorrenza con le contraeree nel riempire di suoni e luci il cielo sulla Senna.” (Pascal Schembri, Jean Cocteau, Odoya ed. 2018)

Rombano i bombardieri, la terra vibra, Parigi è occupata e, nonostante ciò, al Théâtre des Bouffes-Parisiens pieno di spettatori Cocteau fa recitare Édith Piaf perdutamente innamorata, in angosciante attesa, che spasima per rivedere il suo bell’ indifferente.
L’amore è sempre nei pressi della morte e nel conflitto si anima, resiste fino alla straziante ripetizione di cinque “ti amo” che finiscono per rotolare fuori dalla scena.

BIGLIETTI

in AB23 a partire da mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo

BIGLIETTO UNICO 15 €

Posti non numerati

La prenotazione è consigliata e valida fino a 10 minuti prima dell’inizio dello spettacolo

INFO E PRENOTAZIONI

0444.322525 – info@theama.it dal lun al ven, ore 10-13 e 14-18

392.1670914 sab e dom, ore 10-18 solo nei giorni di spettacolo


ORGANIZZATORE

THEAMA TEATRO

0444 322525

Visualizza il sito dell’Organizzatore

TEATRO SCIENTIFICO – TEATRO LABORATORIO

Visualizza il sito dell’Organizzatore

TEATRO BARTENDER Faccia a faccia rassegna 23 24

con il contributo del Comune di Vicenza

a cura di Teatro Scientifico e Theama Teatro

in collaborazione con Teatro Spazio Bixio e FOR.THE centro di formazione teatrale

l’intera stagione > stagione-in-corso-ab23

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio