Arte, Cultura & Spettacoli

Al Cinema Odeon di Vicenza il Premio «Carlo Lizzani» dell’ANAC

Mostra del Cinema di Venezia: un riconoscimento per la storica sala vicentina, la più longeva d’Italia, attiva fin dal 1907 

Cinema Odeon di Vicenza

Dall’8 settembre quattro serate speciali di “Cinema sotto le stelle” con il film “Il Signore delle formiche” in concorso a Venezia.

Il Cinema Odeon di Vicenza, sala più longeva d’Italia,

in attività dal 1907, ha vinto il Premio «Carlo Lizzani» come “Esercente più coraggioso dell’anno” per il 2022, ex aequo con il Multisala Paolillo di Barletta (Bari); come associazione culturale, il Premio è andato al Cinema Ettore Scola di Pescasseroli (L’Aquila).

Il riconoscimento, istituito nel 2015 dall’ANAC – Associazione Nazionale Autori Cinematografici insieme ai figli del regista, Flaminia e Francesco Lizzani, è stato consegnato ai rappresentanti della sala venerdì 2 settembre all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia, quale premio collaterale della 79ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Ricevendo il trofeo, disegnato da Ettore Scola, l’Odeon entra così a far parte della giuria di selezione del Premio al miglior film italiano in concorso quest’anno al Lido.

“È una grande soddisfazione per la nostra squadra

e ancora di più per il nostro pubblico – commenta Enrico Ladisa, responsabile della programmazione dell’Odeon – soprattutto considerando le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare in questi ultimi anni a causa della pandemia.

Lo accogliamo con entusiasmo e gratitudine, come riconoscimento al lavoro che, con un supporto eccezionale degli spettatori, abbiamo portato avanti anche nei momenti peggiori, e come incentivo a migliorare sempre l’offerta culturale in città”.

E davvero le occasioni non mancheranno, visto che proprio in questi giorni prende il via la nuova stagione dell’Odeon, all’insegna delle grandi prime visioni e del cinema di qualità.

Avviata da due fuori rassegna d’eccezione come

“Crimes of the future” di David Cronenberg e “200 metri” di Ameen Nayfeh, la stagione entrerà nel vivo giovedì 8 settembre con la prima visione de “Il signore delle formiche” di Gianni Amelio, con Luigi Lo Cascio ed Elio Germano, in concorso per il Leone d’Oro a Venezia.

La pellicola sarà protagonista di quattro appuntamenti speciali, ospitati ai Chiostri di Santa Corona quale appendice della rassegna “Cinema sotto le stelle”, proposta con vivo successo anche quest’estate in collaborazione e con il contributo del Comune di Vicenza.

Ma prossimo è anche l’avvio del primo ciclo del sempre atteso Cineforum dell’Odeon, fissato per martedì 13 settembre con il film “I giovani amanti” di Carine Tadieu, con Fanny Ardant e Melvil Poupaud, primo di 16 titoli in programma fino a metà gennaio 2023.

Quest’anno la stagione della sala vicentina

riserverà una particolare attenzione al cinema italiano, grazie all’arrivo sul grande schermo, già da settembre, di titoli come “Dante” di Pupi Avati con Sergio Castellitto,  “L’immensità” di Emanuele Crialese con Penelope Cruz, “Diabolik 2 – Ginko all’attacco!” dei Manetti Bros e “L’ombra di Caravaggio” di Michele Placido; o, ancora, come “Il Colibrì” di Francesca Archibugi con Pierfrancesco Favino, film tratto dall’omonimo romanzo vincitore del Priemio Strega di Sandro Veronese e unica opera italiana in concorso al Toronto Film Festival.

Verso la fine dell’anno, comunque, non mancheranno i titoli internazionali più attesi, come “Amsterdam” di David O. Russell, “The Fabelmans” di Steven Spielberg e “The palace” di Roman Polanski, oltre al meglio delle opere d’essai e senza dimenticare le produzioni indipendenti più interessanti.

Per restare sempre aggiornati sulla programmazione basta un clic su www.odeonline.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio