Amici animali

Animali di montagna: spaesati, sfrattati da tane e boschi

Il presidente dell’Unione Coltivatori Italiani critica la gestione del territorio da parte dell’uomo: “Abbiamo invaso lo spazio vitale degli animali di montagna, sono spaesati e senza casa”

Mario Serpillo

Gli animali di montagna sono ormai spaesati e senza casa perché l’asfalto e il cemento li hanno sfrattati da tane e boschi. Negli ultimi trent’anni, Comuni e Regioni hanno abbandonato la gestione del territorio di montagna affidandola, di fatto, all’intervento antropico che, come sappiamo, è sempre portatore di interessi privati e non sistemici”.

Sono le dure parole di Mario Serpillo, presidente nazionale dell’Unione Coltivatori Italiani, commentando i dati sugli incidenti stradali in montagna, nello specifico nelle regioni del nord est nazionale.

ANIMALI SELVATICI

“È STATO TOLTO CIBO, TERRITORIO, RIFUGIO”

“Chi è in grado di affermare che 100 orsi siano troppi per il Trentino? Il troppo è un giudizio umano sulla base della percezione di un danno immaginato in proiezione futura. In realtà, la macchina perfetta della Natura regola da sé il rapporto di sopravvivenza della specie, che si riproduce in base alle risorse naturali a sua disposizione (cibo, acqua, rifugi, spazi…), in un equilibrio sostenibile. Potremmo dire che l’uomo ha, sistematicamente, depredato soprattutto gli ungulati.  Mettendo in pratica una sorta di land grabbing verso gli animali selvatici, togliendo loro campo, territorio, rifugio, cibo. In una parola, l’habitat naturale. Siamo altresì consapevoli dei danni che alcune specie arrecano alle coltivazioni.  Ma questo è altro argomento che abbiamo più volte affrontato nelle sedi opportune, proponendo soluzioni e progetti nel rispetto della bio-diversità”, ha insistito Serpillo.

LE ‘MORTI BIANCHE’ DEGLI ANIMALI SELVATICI

“È vero che abbiamo assistito a tassi di riproduzione della fauna selvatica elevati- ha sottolineato ancora la nota- ma la conta degli incidenti ha altrettanto subito una decisa impennata negli ultimi anni! Il fenomeno distorce anche le statistiche degli Istituti zooprofilattici regionali (sono davvero 7 i plantigradi trovati morti nella Provincia Autonoma di Trento nel 2023?) poiché un orso o un cervo uccisi in un incidente stradale spesso saltano la procedura istituzionale e sfuggono, per talune logiche, ai numeri ufficiali, andando a configurare lo spiacevole fenomeno delle ‘morti bianche’ degli animali selvatici, morti che vengono taciute alle Comunità locali ed alle statistiche veterinarie.

Non vogliamo dimenticare la tragica fine dell’orsa Daniza, morta nel 2014 perché non sopravvissuta ad un sedativo somministratole durante la sua cattura”. L’ennesima vittima dell’uomo stesso.   Uno splendido esemplare che non c’è più perché si è drammaticamente perso il legame sano tra uomo e territorio.  E con esso anche ideali e vedute di coesistenza integrata.

SERVE UNA “GESTIONE VERA” DEL TERRITORIO

“I colpevoli non possono certamente essere gli animali, che da sempre nel bosco vivono e si riproducono. Abbiamo invaso il loro spazio vitale, ci siamo spinti troppo in avanti, rendendo abitabili aree che non lo erano e interrompendo così gli equilibri della catena alimentare montana. L’uomo è il responsabile di tutto, della scomparsa dei pascoli e del cibo per la fauna locale, che si vede costretta ad avvicinarsi ai villaggi per reperire sostentamento. È il momento di passare ad una gestione vera del territorio, integrata con le attività umane.   Ma comunque attenta alla bio-diversità ed all’inclusione dei vari mondi naturali in un nuovo ordine, che potremmo quasi definire in co-gestione tra uomo e fauna. Abbiamo abbandonato il territorio per troppo tempo, demandandone la gestione al falso mito dello sviluppo. Adesso è il momento di recuperare” ha concluso il presidente Serpillo.

Fonte Agenzia DIRE – www.dire.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio