Cronaca

Vicenza ospedale “San Bortolo”: controlli nei parcheggi, fermato ed espulso straniero irregolare

Nelle ultime settimane la Polizia di Stato ha intensificato i controlli nei parcheggi adiacenti all’Ospedale “San Bortolo”.

Le attività operative

Tale attività operative sono state disposte dal Questore allo scopo di contrastare la presenza di “parcheggiatori abusivi” che gravitano nella zona. Creando fastidi e disagi ai cittadini che devono accedere al Nosocomio.

Nel corso della sola giornata di ieri i controlli effettuati dalle Pattuglie della Squadra “Volanti”, supportate dagli Agenti in servizio presso l’Ufficio della Polizia dell’Ospedale “San Bortolo”, hanno di individuare e, di conseguenza, allontanare dalla zona 7 di costoro, che insistentemente chiedevano denaro a chi era intento a parcheggiare.

Alla vista degli Agenti in divisa si sono dati tutti a precipitosa fuga, per poi essere fermati ed identificati poco dopo.

Uno di essi – tale S.S., 40enne cittadino indiano irregolare in Italia – essendo sprovvisto di documenti di identità e privo del Permesso di Soggiorno, veniva accompagnato in Questura e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione.

Al termine degli atti amministrativi il Questore della Provincia di Vicenza paolo Sartori ha emesso a suo carico un Ordine di Allontanamento dal Territorio Nazionale.

Fonte: Questura di Vicenza – Ufficio Stampa

Comunicato del 25 Maggio 2023

La storia fra tradizione e innovazione della Polizia di Stato

Se dovessimo immaginare di dare forma materiale alla storia della Polizia, forse potremmo figurarci un grande mosaico nel quale le singole tessere, i singoli motivi, i singoli temi, indipendentemente dalle vicende che narrano, compongono una articolata raffigurazione.

Questa complessità è frutto della sua profonda relazione con l’evoluzione sociale e istituzionale dello Stato italiano. E dei compiti e funzioni che da sempre le vengono assegnati, agendo sempre in nome della legge e a tutela della pubblica sicurezza.

Quindi si possono scoprire storie di donne e di uomini, di tensioni e passioni, di abnegazione e creatività. Storie più o meno quotidiane, più o meno semplici, tasselli di una storia più grande.

Oppure indirizzare lo sguardo alla sua evoluzione storica dal punto di vista regolamentare. E alle sue diverse denominazioni, legate alla vita politica del paese; alle sue uniformi, alle sue macchine…

Quante volte abbiamo sognato con i nostri occhi di bambini vedendo sfrecciare la mitica pantera negli anni ’60!
Ma non solo. Si può seguire la nascita della Polizia Scientifica, l’attività degli uomini che l’hanno plasmata nei contenuti e nei metodi applicativi. Curiosare tra le prime forme di segnalamento ed identificazione ed il progressivo affinamento della strumentazione tecnologica.

A proposito di documentazione, si può dare un’occhiata ai primi passaporti per l’estero, ai lasciapassare interni e via dicendo. E non da ultimo dare una divertente sbirciata alle vignette dei giornali satirici che, dalla metà dell’800 hanno raccontato, con le sfumature più varie, la vita e le vicende del ‘birro’ del ‘pitalettaro’, del poliziotto.

Uno spazio informativo composto da testi ed immagini diretto a quanti abbiano la curiosità di avvicinarsi ad un mondo vario e affascinante; una finestra costantemente aperta ed in continuo aggiornamento.

Fonte: a cura dell’Ufficio storico della Polizia di Stato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio
Verified by MonsterInsights