Sanità

Screening per il tumore del colon-retto

Confermate le farmacie come punto di ritiro e riconsegna dei campioni – Screening per il tumore del colon-retto

Federfarma Vicenza ha firmato con l’ULSS 7 Pedemontana la convenzione che conferma il coinvolgimento delle farmacie in questa fondamentale attività di prevenzione, sulla base dei positivi risultati della sperimentazione condotta negli ultimi due anni

D’ora in avanti, per i cittadini che riceveranno a casa l’invito a partecipare gratuitamente allo screening per il tumore del colon-retto, il punto di riferimento sarà sempre la farmacia vicino a casa: Federfarma Vicenza ha sottoscritto infatti con l’ULSS 7 Pedemontana la convenzione che – recependo il documento di indirizzo approvato recentemente dalla Giunta della Regione del Veneto – istituzionalizza il coinvolgimento delle farmacie in questa fondamentale attività di prevenzione.

Viene così confermato anche per il futuro

un modello organizzativo che era stato avviato a inizio 2021 sotto forma di sperimentazione e che negli ultimi due anni ha evidenziato risultati positivi.

Più in dettaglio, il cittadino riceve per posta – dalla Centrale Screening dell’ULSS – l’invito ad effettuare l’esame gratuito per lo screening del colon-retto, insieme all’elenco delle farmacie aderenti presso le quali troverà il kit necessario; alla stessa farmacia potrà poi riconsegnare il campione da analizzare, che sarà trasportato all’ULSS per l’esame.

In precedenza, invece, poteva capitare che per recuperare il kit e riconsegnare il campione i cittadini dovessero recarsi due volte presso le sedi delle Aziende socio-sanitarie, generalmente uniche per ciascuna città e non presenti nei piccoli centri, oltre che accessibili con un orario di apertura ben diverso rispetto alle farmacie.

Il nuovo modello organizzativo introduce dunque un notevole beneficio per il cittadino in termini di facilità di accesso, che con ogni probabilità si tradurrà in una maggiore percentuale di adesioni alla campagna di screening.

«Negli ultimi due anni –

sottolinea il dott. Giovanni Battista Scaroni, presidente di Federfarma Vicenza – questa nuova organizzazione ha consentito di ottenere importanti risultati sia per il numero di utenti che hanno ritirato il  kit sia per quanti poi hanno effettivamente riconsegnato il campione, a conferma dell’importanza non solo della facilità di accesso garantita dalle farmacie, ma anche del ruolo e dell’impegno dei farmacisti per spiegare al cittadino l’importanza dello screening e tutte le fasi della procedura.

In generale, una volta di più le farmacie si confermano un fondamentale presidio di quartiere del sistema sanitario pubblico e una risorsa preziosa per campagne di sensibilizzazione e prevenzione rivolte alla popolazione».

«Sicuramente ogni iniziativa utile a favorire l’adesione alle campagne di screening è positiva – commenta il Direttore Generale dell’ULSS 7 Pedemontana Carlo Bramezza -, a maggior ragione se nel contempo semplifica i percorsi per gli utenti.

Con questa organizzazione i cittadini che ricevono l’invito per il test, che voglio ricordarlo è gratuito, non hanno davvero scuse per non aderire e questo è il risultato più importante, perché la diagnosi precoce è fondamentale».

Va ricordato che in Veneto lo screening per il tumore del colon-retto è offerto gratuitamente a tutti i cittadini tra i 50 e i 69 anni, uomini e donne, con cadenza biennale.

Comunicato stampa n.1 – 24 gennaio 2023

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button