Italia

Gli oli alimentari esausti non si gettano e diventano biocarburante

Entro fine anno circa 150 mila litri di biocarburante prodotto, grazie alla partnership tra le catene di ristorazione del Gruppo Cremonini e il Gruppo Hera. – Roadhouse di Vicenza: gli oli alimentari esausti non si gettano e diventano biocarburante

I ristoranti vicentini, inseriti in un progetto nazionale che coinvolge 194 punti ristoro lungo una filiera completamente tracciata e sostenibile: dalle cucine alla bioraffineria Eni di Porto Marghera. 

Un progetto di economia circolare che coinvolge 4 punti ristoro del vicentino

Saranno circa 150 mila i litri di biocarburante ricavati annualmente grazie agli oli alimentari esausti di Chef Express e Roadhouse, con un risparmio di 126 tonnellate equivalenti di petrolio e la mancata emissione di 413 tonnellate di CO2.

Sono questi i primi risultati della partnership fra il Gruppo Cremonini (a cui Chef Express e Roadhouse appartengono) e il Gruppo Hera per il recupero e la valorizzazione degli oli esausti delle catene di ristorazione.

Un progetto di economia circolare partito solo da alcuni mesi (marzo 2022), ma già in grado di produrre risultati tangibili per l’ambiente.

La provincia di Vicenza è protagonista di questo progetto, grazie ai Roadhouse del Capoluogo (strada Padana Superiore e presso il Centro Commerciale Palladio), Montecchio Maggiore (viale Trieste) e Torri di Quartesolo (nell’area del centro Commerciale Le Piramidi).

Oli alimentari esausti: una filiera molto promettente per l’economia circolare

La sinergia sviluppata da Hera, Chef Express e Roadhouse, nell’ambito delle politiche di sostenibilità dei rispettivi Gruppi, contribuisce alla decarbonizzazione partendo da un razionale che rappresenta bene le potenzialità di circolarità della filiera: in Italia il 38% degli oli vegetali esausti, pari a quasi 100.000 tonnellate, viene generato dai settori professionali (industria alimentare, ristorazione e artigianato).

Gli oli dalle cucine alla bioraffineria Eni di Porto Marghera

Il progetto, nel suo complesso, vede il coinvolgimento di 194 bar e ristoranti del Gruppo Cremonini in tutta Italia.

Su questi punti il Gruppo Hera cura la raccolta degli oli vegetali di scarto, per poi inviarli alla bioraffineria Eni a Porto Marghera, dove sono destinati alla produzione di biocarburante idrogenato, nell’ambito dell’accordo quadro di economia circolare siglato tra il Gruppo Hera ed Eni.

La sinergia tra Hera, Chef Express e Roadhouse contribuisce così ai processi tesi alla decarbonizzazione dei due Gruppi, dando nuova vita a un rifiuto che – trasformandosi in una risorsa – permette, almeno in parte, di evitare l’impiego di carburante di origine fossile.

Una filiera di recupero trasparente e certificata

Il coinvolgimento del Gruppo Hera consente di gestire l’ingente quantità di oli raccolti (se non ben trattati potenzialmente dannosi per l’ambiente) in maniera corretta e sostenibile.

Oltre all’expertise Hera, a garanzia di sostenibilità e trasparenza del percorso, esiste sul processo la certificazione di un ente terzo, SGS, come previsto dallo schema europeo ISCC (International Sustainability & Carbon Certification).

Tale certificazione attesta che le attività gestite da Hera, in tutte le sue fasi – dalla raccolta territoriale al pretrattamento, fino alla produzione del biocarburante – riducono le emissioni di gas serra di oltre l’80% rispetto alla produzione di gasolio da fonti fossili.

I primi risultati raggiunti

Dopo neppure 10 mesi di operatività, i primi risultati della collaborazione sono assolutamente incoraggianti. Dai punti di ristorazione del Gruppo Cremonini aderenti al progetto, da marzo ad ottobre 2022, sono stati raccolti 88 mila chili di olio vegetale esausto, poi trasformati in oltre 100 mila litri di biocarburante idrogenato.

Proiettando questi dati su base annua, è possibile stimare che l’olio raccolto dalla rete di Chef Express e Roadhouse consisterà in circa 130 mila chili, che permetteranno la produzione, appunto, di 150 mila litri di biocarburante, sufficienti ad alimentare autovetture a ciclo diesel di media cilindrata con una percorrenza complessiva di oltre 2.300.000 km.

In termini di minori emissioni, il progetto consentirà un risparmio annuale di 126 tonnellate equivalenti di petrolio e 413 tonnellate di CO2, pari all’assorbimento di anidride carbonica generato da un bosco con circa 20.600 alberi.

Il Gruppo Hera

è una delle maggiori multiutility italiane e opera nei settori ambiente, energia e idrico, con più di 9.000 dipendenti, impegnati ogni giorno nel rispondere ai molteplici bisogni di circa 5 milioni di cittadini localizzati prevalentemente in Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Toscana e Abruzzo.

Quotata dal 2003, è entrata a far parte del FTSE MIB dal 2019 e nel Dow Jones Sustainability Index, World e Europe, dal 2020.

www.gruppohera.it

Fondato nel 1963, il Gruppo Cremonini, con oltre 18.500 dipendenti e un fatturato 2021 di 4.077 milioni di euro, è attivo non solo nella produzione alimentare e nella distribuzione, ma anche nella ristorazione con le società Chef Express e Roadhouse.

Chef Express Spa 

è la società che gestisce tutte le attività di ristorazione del Gruppo Cremonini, con oltre il 54% dei ricavi derivante dalle attività in concessione (stazioni, aeroporti e autostrade in Italia, e a bordo treno all’estero).

In questo settore Chef Express è leader in Italia nel mercato dei buffet di stazione, con punti vendita in 50 scali ferroviari, è presente nel settore della ristorazione aeroportuale in 12 aeroporti italiani, e gestisce 52 aree di ristoro sulla rete autostradale italiana e sulle strade di grande comunicazione.

Nel mercato della ristorazione a bordo treno Chef Express è leader in Europa con oltre 140 treni serviti quotidianamente in 5 Paesi Europei e nel canale degli shopping mall, outlet e retail park opera con la società C&P (JV col Gruppo Percassi) che, tra gli altri, annovera in portafoglio il noto brand internazionale di asian food Wagamama.

Nell ristorazione commerciale, Roadhouse Spa è la società che gestisce brand di ristorazione casual dining distribuiti in 15 regioni italiane: il più noto è Roadhouse Restaurant che ha 170 locali in Italia, seguito da Calavera Restaurant (20 ristoranti), Billy Tacos (53 locali), Smokery (3 locali).

I ristoranti Roadhouse servono ogni anno oltre 11 milioni di clienti, gli iscritti al Club Fedeltà sono 2.000.000 e la società dà lavoro a circa 3.600 persone.

Vicenza, 15 dicembre 2022

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button