Economia

Analisi Coldiretti Vicenza: consumatori sempre più attenti alla spesa low cost

Coldiretti Vicenza spesa low cost: “Alcolici e dolci in testa nella classifica delle rinunce. Spaventano gli acquisti orientati principalmente al minor prezzo”

“Gli acquisti oculati sono senza dubbio un obbligo in questo particolare momento, ma non si può guardare unicamente al risparmio quando si acquistano i prodotti alimentari, specie se questo pregiudica la qualità di ciò che si porta in tavola”.

Con queste parole Coldiretti Vicenza esprime grande preoccupazione per la situazione che si è venuta a creare negli ultimi mesi in particolare e che denota come il caro prezzi tagli del 3,8% le quantità di prodotti alimentari acquistate dai consumatori nel 2022, costretti a spendere comunque il 4,3% in più a causa dei rincari determinati dalla crisi energetica.

È quanto emerge dall’analisi Coldiretti nei primi dieci mesi del 2022 su dati Istat relativi al commercio al dettaglio ad ottobre, che rispetto al mese precedente fanno registrare una diminuzione delle vendite sia in valore che in volume, con la flessione che riguarda tanto i beni alimentari quanto i non alimentari.

“La situazione di difficoltà è resa evidente dal fatto che

– sottolinea Coldiretti Vicenza – volano gli acquisti di cibo low cost con i discount alimentari che fanno segnare nei primi dieci mesi un balzo del + 10,1% nelle vendite in valore, il più elevato nel dettaglio.

Un risultato inequivocabile, che evidenzia la difficoltà in cui si trovano le famiglie che, spinte dai rincari, orientano le proprie spese su canali a basso prezzo, rinunciando anche alla qualità.

I consumatori vanno a caccia dei prezzi più bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount, alla ricerca di promozioni per i diversi prodotti.

Accanto alla formula tradizionale del 3×2 ed ai punti a premio si sono moltiplicate e differenziate le proposte delle diverse catene per renderle meno confrontabili tra loro e più appetibili ai clienti: dalle vendite sottocosto che devono seguire regole precise ai buoni spesa”.

L’81% dei cittadini

ha preso l’abitudine di fare una lista ponderata degli acquisti da effettuare, per mettere sotto controllo le spese d’impulso, evitando di farsi guidare troppo dalla molteplicità di stimoli che sono attivati nei punti vendita.

Nella classifica dei prodotti più colpiti dalla scure dei consumatori, secondo l’analisi Coldiretti/Censis, ci sono al primo posto gli alcolici ai quali sono stati costretti a dire addio, del tutto o anche solo parzialmente, il 44% degli italiani.

Al secondo posto i dolci che vengono tagliati in quantità dal 44%, mentre al terzo ci sono i salumi ai quali ha rinunciato il 38,7% dei cittadini, subito davanti al pesce (38%) e alla carne (37%).

Ma il carovita porta addirittura a ridurre gli acquisti di alimenti per bambini, con il 31% di persone che ne acquista di meno.

In situazione di difficoltà i meno colpiti sono alcuni prodotti base della dieta mediterranea come frutta (tagliata del 16% dei consumatori), verdura (dal 12%) e pasta (dall’11%).

“Le difficoltà delle famiglie si trasferiscono direttamente sulle imprese

– conclude Coldiretti Vicenza – dove l’aumento dei costi di produzione colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare. A partire dalle campagne, dove più di un’azienda agricola su 10 è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività, ma ben oltre 1/3 del totale si trova costretta a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari.

Occorre intervenire subito per contenere i costi di produzione con misure immediate per salvare le aziende agricole e la spesa degli italiani”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button