Vicenza

Vicenza: anagrafe, diritti di segreteria aboliti dall’1 dicembre

Comune di Vicenza assessore Porelli: “Nell’ottica della semplificazione delle procedure per migliorare il servizio al cittadino”

Dal primo dicembre saranno aboliti i diritti di segreteria dal valore di 25 o 52 centesimi per il rilascio di certificazioni e certificati di anagrafe e di autentiche di copia e firma.

“Semplifichiamo le procedure e miglioriamo quindi il servizio al cittadino nell’ottica di una modernizzazione della pubblica amministrazione – spiega l’assessore all’innovazione tecnologica, semplificazione amministrativa e servizi demografici del Comune di Vicenza, Valeria Porelli –.

Alla richiesta via e-mail di cittadini e studi del certificato, per ottemperare al pagamento dei diritti di segreteria segue lo scambio di almeno quattro comunicazioni. Oltre poi alla necessità di procedere con il bonifico, con possibili costi, o al corrispettivo in contanti.

Nel caso dello sportello, inoltre, l’operatore deve dare il resto, con evidenti difficoltà, per cifre di 0,25 o 0,52 euro.

L’abolizione di tali diritti di segreteria

punta quindi alla semplificazione delle procedure che riguarderebbero circa 2.800 certificazioni all’anno. E altrettanti rapporti con gli utenti, a fronte di un mancato introito minimo per il Comune, di circa 210 euro per dicembre 2022 e di 2.500 euro all’anno”.

Sempre nell’ottica della semplificazione, dal primo dicembre verranno arrotondati i diritti per i certificati storici in carta semplice da 2,58 a 2,50 euro e per i certificati storici in bollo da 5,16 a 5 euro.

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button