Bassano e dintorni

Le ceramiche dicono no alla violenza contro donne e minori

Le eredi delle Ceramiche artistiche Antonio Zen e figlio fondata a Nove (Vicenza) nel 1885 ( attiva fino al  1997) hanno deciso di lanciare il progetto: “ Il coraggio di dire No alla violenza contro Donne e Minori”.

Un progetto che prenderà il via

in occasione della 25° Festa della Ceramica di Nove e Portoni Aperti che si svolgerà il 9, 10 e 11 Settembre 2022 e che  prevede mostre di artisti internazionali, laboratori e dimostrazioni sulla creazione della ceramica. Si apriranno i luoghi caratteristici che hanno reso queste terre famose nel mondo.

Ovviamente non mancheranno esposizioni delle ceramiche lungo il centro e la possibilità di acquistare  prodotti artigianali (www.festadellaceramica.it).

Titolo della di questa 25° Festa è “il Coraggio”, Barbara Zen ha deciso di declinare in un’iniziativa contro la violenza su Donne e Minori d’intesa con il Comune di Nove da sempre attento a questo tema.

“Il coraggio di dire No alla violenza contro Donne e Minori”, proposto da Barbara Zen, si declina in vari modi: aiuto economico per chi lavora contro la violenza e sostegno alla divulgazione del problema.

Il 9 e il 10 settembre la corte della vecchia Fabrica Zen aprirà il cancello per mettere in vendita   dei lavamani in ceramica  interamente ricoperti di fiori fatti a mano negli anni ’50/60 dalle sapienti artigiane dell’antica fabbrica.

La metà dei proventi della vendita verrà donata al Centro Antiviolenza

“Spazio Donna” gestito dall’Associazione Questacittà odv e il resto a sostegno della salvaguardia di questo pezzo di storia della Terra della Ceramica, gli edifici delle ceramiche Zen.

La vendita avverrà In via Munari 1 a Nove nella corte dell’ex Fabbrica Zen dalle 11 alle 19 e per chi non potrà venire di persone potrà scrivere a: ilcoraggiodidirenoallaviolenza22@yahoo.com in qualunque momento.

All’interno della corte, avrete modo di ammirare dal vivo  come questi piccoli e delicati fiori prendano forma con il solo uso delle mani.

La scelta dei lavamani è ricca di simboli.

E’ il simbolo delle donne che lavorano per creare il bello nella vita di tutti i giorni.

E’ il simbolo di un lavaggio delle mani dall’uso della violenza. Le mani non dovranno mai più essere usate contro nessuna donna e minore. Mai.

E’ il simbolo del pulirsi le mani prima di “rimboccarsi le maniche” per combattere, ognuno nel proprio piccolo, la violenza, fisica, psicologica, economica ed istituzionale, senza mai girarsi dall’altra parte. Perché la violenza non è un problema del singolo ma un problema sociale.

E’ il simbolo del lavaggio da tutti gli stereotipi e preconcetti che alimentano la violenza.

Alle 16 del 10 settembre 2022 in Piazza De Fabris a Nove, su invito di Barbara  Zen e d’intesa  con il  Municipio, l’associazione Questacittà odv con il Centro Antiviolenza Spazio Donna, nella persona della Presidente  Maria Pia Mainardi, esporrà la problematica della violenza, una problematica che ha ormai raggiunto una tale portata da diventare oggetto di studi in tutto il mondo.

Studi che hanno dimostrato che per eliminare la violenza è essenziale eliminare alcune delle sue maggiori cause: gli stereotipi di genere, i pregiudizi culturali, la mancanza di conoscenza su temi come il ciclo della violenza, la ruota del potere, gli studi ACE (adversed childhood experiences) presenti a tutti i livelli e che rivittimizzano donne e minori.

Un dramma a cui dobbiamo porre la parola fine, informando il più possibile.

Le persone presenti saranno invitate a lavarsi le mani dentro un lavamano (  simbolicamente) per sugellare il loro impegno ad aderire al principio “il Coraggio di dire No alla violenza contro Donne e Minori” impegnandosi a mettere in pratica e promulgare i principi che questo simbolo, il lavamano, comunica.

Durante questi due giorni, la corte, circondata dagli edifici  dell’antica fabbrica Zen e delle statue create da uno degli antenati, diventerà anche una vetrina all’aperto, tempo permettendo.

Pezzi di ceramica appartenenti alla famiglia Zen prenderanno dimora in questa corte, permettendo ai visitatori di vedere alcuni manufatti che hanno reso questa fabbrica famosa a livello nazionale e internazionale tanto da essere scelta da Tiffany  dal 1980 al 1995, per la creazione delle proprie ceramiche e diventare l’unica fabbrica a poter firmare Ceramiche Zen exclusively for Tiffany su ogni pezzo creato specialmente per Tiffany.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button