Cultura e Spettacoli

Autumn Jazz Mondays

Dal 10 ottobre al 28 novembre, ogni lunedì sera, il jazz e le sue contaminazioni tornano ad animare lo storico locale in Piazza dei Signori – Autumn Jazz Mondays.

Ritornano i lunedì live al Borsa, storico locale vocato al jazz presente in Piazza dei Signori a Vicenza, sotto le volte maestose della Basilica Palladiana.

Una location esclusiva e senza tempo

che ben si presta ad ospitare la musica dal vivo, se non fosse perché il mood che si crea è la stessa presente in altri jazz club sparsi in giro per il pianeta.

L’atmosfera è intima ma informale, le luci sono soffuse, è possibile assistere ai concerti cenando o sorseggiando un drink, mentre davanti al pubblico si esibiscono artisti italiani e internazionali che insieme sul palco abbattono confini e barriere.

Sono otto i concerti di Autumn Jazz Mondays, diretti dal musicista Lorenzo Conte, in scena ogni lunedì sera dal 10 ottobre al 28 novembre.
“Il festival unisce affermati musicisti internazionali a giovani promesse del jazz, saranno preziose occasioni di sintonia musicale, dove il jazz crea unione perché va oltre alla provenienza geografica, alla lingua parlata e alla cultura”, racconta il Responsabile Borsa Alessandro Ferraro.

Il primo concerto del 10 ottobre vede sul palco il trombettista Mauro Ottolini in trio con Thomas Sinigaglia alla fisarmonica e Marco Bianchi alla chitarra. Presentano il nuovo progetto “In quell’angolo di strada”, dove risuonano tradizione italiana, blues, gipsy, rumbe esotiche, melodie e canzoni di Ellington, Fats Waller, Amalia Rodriguez, Tom Waits e Don Cherry.

La formazione coniuga ricerca sonora ed estro, conoscenza delle tradizioni e utilizzo di strumenti ancestrali come conchiglie, ottoni, fisarmonica e chitarra, con la sperimentazione e la sintesi dei nuovi linguaggi musicali, in un’avventura melodica e coinvolgente, che ripercorre quasi un secolo di storia del jazz.

Il 17 ottobre si esibisce il trio formato dal veneziano David Boato

alla tromba e filicorno, dall’italo- ghanese Blake Cory Sawyer Franchetto al basso e dall’australiano Adam Pache alla batteria. I tre musicisti riprendono alcuni brani divenuti icone del jazz, offrendone una rilettura personalizzata.

Allo stesso tempo ne esplorano altri che appartengono a contesti musicali diversi ed aggiungono al repertorio alcuni originali, dipingendo un’immagine minimalista della tradizione del jazz. Le diverse esperienze dei tre artisti confluiscono nel progetto e contribuiscono ad arricchirne la sonorità, mettendo in risalto aspetti e sfumature delle composizioni altrimenti meno evidenti in ensemble più ampi.

Lunedì 24 ottobre il sassofonista newyorkese Jim Snidero, di recente recensito con un voto a 5 stelle da Downbeat Magazine e definito come un musicista dotato di “incredibile abilità e delicata musicalità”, si esibisce in quartetto con Danilo Memoli, pianista partenopeo ma vicentino di adozione, il contrabbassista toscano Paolo Benedettini e il batterista americano Rick Hollander.

Chiude il mese di ottobre la voce carismatica e dalle mille sfumature della cantante vicentina Kicca Andriollo, sul palco del Borsa per presentare il suo nuovo album “Call me sugar”. Al suo fianco Oscar Marchiori, virtuoso delle testiere, Nicola Tamiozzo alla chitarra elettrica, Filippo Rinaldi al basso e Alessandro Lupatin alla batteria.

Il mese di novembre si inaugura lunedì 7 novembre

con un quartetto internazionale composto da due veterani del jazz, l’austriaco Joris Dudli alla batteria e Rosario Bonaccorso al contrabbasso, ai quali si affiancano due giovani astri nascenti, il sassofonista austriaco Gregor Storf e il trombettista americano figlio d’arte Wallace Roney Jr.

Lunedì 14 novembre il concerto di punta della rassegna, sul palco del Borsa la voce meravigliosa di Sharon Clark, vincitrice del Bistro Award di New York come Best Vocalist e solista di primo piano con la Smithsonian Jazz Masterworks Orchestra (l’orchestra jazz nazionale degli Stati Uniti). Americana di Washington, è stata apprezzata da figure storiche del jazz americano come Aretha Franklin, Cassandra Wilson, Buster Williams.

Nel corso della sua carriera si è esibita con grande successo in lunghi tour che hanno attraversato gli Stati Uniti, l’Asia e l’Europa. Il suo repertorio è composto da standard del jazz tra cui alcune perle di Burth Bucharach, Ethel Ennis e Nat King Cole, per un concerto che si preannuncia pieno di accattivanti armonie e carico di swing.

Ad accompagnarla nel suo primo tour italiano il trio del pianista Daniele Gorgone, con Marco Piccirillo al contrabbasso e Gaetano Fasano alla batteria.

Il 21 novembre è la volta di un altro ospite speciale:

il sassofonista americano Doug Lawrence, nato in Louisiana e cresciuto in New Mexico, ha poi trascorso più di venti anni a New York City, dove si è fatto conoscere.

Tra gli artisti con cui si è esibito e ha registrato ricordiamo Ella Fitzgerald, Benny Goodman, Aretha Franklin, Tony Bennett, Dizzy Gillespie, Ray Charles, Sarah Vaughan, Frank Sinatra, Nancy Wilson, Dee Dee Bridgewater, Lady Gaga, e tanti altri. Con lui sul palco il trio di Massimo Faraò, considerato uno dei migliori pianisti italiani, Nicola Barbon al contrabbasso e Byron Landham alla batteria.

Chiude la rassegna autunnale un quartetto formato da talentuosi musicisti che il pubblico del Borsa già conosce: Mauro Negri al sax alto e clarinetto, Dario Carnovale al pianoforte, Lorenzo Conte al contrabbasso e Sasha Mashin alla batteria; insieme danno vita agli Exit Four!, in scena il 28 novembre.

Il loro video promo è stato girato al Borsa ed è disponibile per la visione su YouTube.

Tutti i concerti iniziano alle 21.15. Dalle 20 è possibile cenare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button