Cronaca

Questura di Vicenza Controlli interforze

Il Questore dispone:

2 AVVISI ORALI
4 FOGLI DI VIA OBBLIGATORI
2 ORDINI di ALLONTANAMENTO dal TERRITORIO NAZIONALE
4 Revoche di Permessi di Soggiorno

Nel corso della giornata di mercoledì 17 agosto,

sono state effettuati mirati controlli straordinarie di Polizia interforze che hanno riguardato il territorio del Capoluogo, e che si sono protratte sino a sera inoltrata, disposti con Ordinanza del Questore della Provincia di Vicenza, Paolo Sartori.

Le operazioni hanno interessato, in particolare, alcune aree urbane che gli stessi cittadini hanno segnalato essere state teatro di specifici episodi di illegalità di tipo predatorio e di fenomeni di degrado urbano, sia nel Centro storico che in determinati quartieri periferici della Città.

Alle attività operative hanno concorso pattuglie della Questura di Vicenza, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Locale di Vicenza e del Reparto Prevenzione del Crimine della Polizia di Stato, con un impiego di circa 30 uomini e donne appartenenti alle Forze dell’Ordine.

Tutte le attività sono state integrate

anche con la predisposizione di 3 posti di controllo lungo le principali arterie stradali in ingresso ed in uscita dal territorio comunale.

Il dispositivo ha inoltre effettuato verifiche, estese agli avventori, presso vari esercizi pubblici per verificarne la situazione. In particolare, sono state controllate le zone di Campo Marzo, del Quadrilatero, Viale San Lazzaro, Via Santi Felice e Fortunato, San Pio X, l’area dei Giardini Salvi, il Parco Fornaci e le aree del Centro urbano.

Le operazioni di Polizia si sono concentrate per lo più nelle aree del Capoluogo segnalate dai cittadini come maggiormente “a rischio”, con pattugliamenti mirati in Campo Marzio, nel del c.d. quadrilatero e zono limitrofe.

Nelle ore serali e notturne, inoltre, è stato attentamente monitorato il Centro storico cittadino, luogo di aggregazione particolarmente frequentato soprattutto nelle giornate di sabato e domenica.

Lo scopo di queste attività di Polizia è stato essenzialmente quello di contrastare, con un’ampia presenza e visibilità delle Forze dell’Ordine, i fenomeni di illegalità che causano una diffusa percezione di “insicurezza” nei cittadini, quali lo spaccio di stupefacenti, i reati contro il patrimonio ed in generale i fenomeni di microcriminalità connessi ai reati di tipo predatorio.

L’intensificazione dei servizi

specie nelle ore pomeridiane e serali – ha consentito di contrastare efficacemente la presenza ingiustificata e, talvolta, illecita di soggetti che, con i loro comportamenti molesti, infastidiscono i residenti ed i passanti, ed arrecano danno ai commercianti della zona.

Costoro sono stati identificati ed allontanati dal Capoluogo con Misure di Prevenzione Personali ed altri provvedimenti analoghi disposti dal Questore.

Nel corso delle varie Operazioni di Polizia sono stati controllati 3 Esercizi Pubblici, 28 autoveicoli e 98 persone, di cui 48 stranieri e 33 con precedenti penali e/o di Polizia.

Al termine delle attività operative il Questore SARTORI ha adottato i seguenti Provvedimenti:

2 Avvisi Orali (Misura di Prevenzione prevista dal Codice delle Leggi Antimafia) nei confronti di cittadini italiani e stranieri con precedenti penali e/o di Polizia per reati di varia natura, in particolare contro il patrimonio, contro la persona ovvero inerenti agli stupefacenti, i quali denotano una spiccata pericolosità sociale;

4 Fogli di Via nei confronti di altrettanti soggetti socialmente pericolosi e che, per di più, non hanno alcun legame con il territorio nel quale sono stati rintracciati; per questi motivi sono stati diffidati a lasciare il Comune di Vicenza con obbligo di non farvi rientro per un periodo di tre anni.

2 Decreti di allontanamento dal Territorio Nazionale nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari che, durante i controlli, sono risultati irregolari in Italia e con a proprio carico pregiudizi Penali e/o di Polizia.

A seguito degli accertamenti esperiti da parte dell’Ufficio Immigrazione, il Questore ha emesso altrettanti Decreti di allontanamento, ordinando a queste persone di lasciare il territorio entro 7 giorni; in caso non ottemperassero, costoro verranno denunciati alla Procura della Repubblica ed accompagnati coattivamente verso il Paese di origine;

4 REVOCHE di Permesso di Soggiorno nei confronti di cittadini extracomunitari già in possesso di validi Titoli di soggiorno ma che, per vari motivi – tra i quali quello di aver commesso reati di diversa tipologia, ostativi al proseguo della loro regolare permanenza in Italia – ha imposto la revoca dei Permessi di Soggiorno, con intimazione a lasciare entro 14 giorni il nostro Territorio Nazionale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button