Cultura e Spettacoli

Lusiana: Zelda Teatro e Filippo Tognazzo

Martedì 9 agosto ore 21.00, in Piazza IV Novembre.

Un viaggio nei racconti dell’Altopiano con Filippo Tognazzo e Zelda Teatro

Racconti, filastrocche, poesia e musica sono i protagonisti di una serata alla scoperta dei paesaggi dell’Altopiano e del patrimonio delle sue comunità

Anche quest’anno Operaestate Festival

rinnova le relazioni con le comunità vicine e valorizza il patrimonio culturale popolare del territorio attraverso molteplici spettacoli.

Tra questi Cantame, contame, fame contento – racconti dell’Altipiano, di Zelda Teatro e Filippo Tognazzo, in coproduzione con il festival, che andrà in scena martedì 9 agosto ore 21 in Piazza IV Novembre a Lusiana.

Storie, poesie e filastrocche tramandate nel tempo e narrate insieme alla voce delle comunità di Lusiana Conco. Un evento inserito nel cartellone di Operaestate Festival –  il ricco programma estivo promosso dalla Città di Bassano del Grappa.

Filippo Tognazzo e Zelda Teatro

presentano un viaggio nei racconti dell’Altopiano, filtrato dalla voce delle comunità di Lusiana Conco, dove si ambienta lo spettacolo di teatro e musica.

Uno spettacolo adatto a tutti, anche ai passanti che vorranno fermarsi solo per pochi minuti, per scoprire storie e miti di un territorio incorniciato da paesaggi di rara bellezza, intrecciato alla letteratura e alla poesia che ha ispirato nel tempo.

In tutte le culture troviamo il cantastorie, in Europa era il menestrello, in Africa il griot.

Assumendo le vesti di cantore della tradizione Filippo Tognazzo rivisita storie e aneddoti popolari, mettendo in racconto e musica l’immaginario e la storia di un territorio.

I temi toccati sono i più vari e portano con sé quella saggezza ancestrale tipica dei racconti popolari, depositari di insegnamenti e di esperienze di memoria collettiva di una comunità.

Lo spettacolo si apre

con la vicenda di un cacciatore che in “ El Sojo de le anguane ” sfida la natura per poi esserne ingannato e annichilito, si continua con “ Il lupo baruffo ”, metafora della miseria vissuta dai giovani nei secoli scorsi e della loro ribellione.

In “ Soldati di nebbia ” Tognazzo fa luce su una pagina dolorosa della storia, ricordando i soldati caduti e mai più tornati.

Si continua poi con la storia della ricerca della felicità  che non risiede nei beni materiali in “ La camicia dell’uomo contento ” per finire con la storia di un vecchio scorbutico e fannullone che pensa solo a se stesso narrata in “ Il mulino di dio ” e un gran finale con una storia d’amore di due giovani di “Amor nascosto ”.

Sono queste le storie di

Cantame, contame, fame contento, un omaggio che Filippo Tognazzo dedica a Lusiana Conco, alle sue tradizioni e alla sua storia, accompagnato dalla musica di Enrico Milani al violoncello, Francesco Socal al clarinetto e percussioni e Ivan Tibolla con fisarmonica e fiati.

Uno spettacolo che coinvolgerà il pubblico nella narrazione, adatto a tutte le età, ricco di poesia, leggende, musica e divertimento per stupire e incantare attraverso un teatro genuinamente popolare.

Un percorso immaginario fra fiumi, grotte, cave e vallate, per  far conoscere storie e miti del territorio e per tornare a divertirsi, emozionarsi, stupirsi e sognare assieme.

Prezzo: €15, ridotto: €12

Info: Biglietteria Operaestate Festival, via Vendramini, 35 tel. 0424 524214 – www.operaestate.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button