Veneto

Programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori (GOL)

Lavoro-PNRR. Il 25 luglio al via il programma GOL nei Centri per l’Impiego veneti

Donazzan, “Finanziamo l’assegno per il lavoro per sostenerecon efficacia l’inserimento dei più fragili”

Dal 25 luglio in tutti i Centri per l’impiego del Veneto

è previsto l’avvio effettivo del Programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori (GOL). Si tratta dell’azione di riforma del sistema delle politiche attive del lavoro di cui alla Missione 5 “Inclusione e Coesione” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNNR), che sostiene la realizzazione di interventi per l’inserimento e reinserimento lavorativo delle persone disoccupate o in condizione occupazionale fragile, potenziando l’efficacia di tali misure su tutto il territorio nazionale.

“Questa è una parte del PNRR che riguarda le politiche del lavoro a cui attribuiamo particolare rilevanza – spiega Elena Donazzan, Assessore regionale al lavoro –.

Un elemento di criticità è che il programma manca di alcuni aspetti fondamentali. Per esempio, l’incentivo all’assunzione per le imprese, in particolare, dei lavoratori più fragili.

Mancano risorse per la costruzione ed il rafforzamento del sistema delle politiche attive, senza il quale si fa fatica a offrire le giuste risposte ai lavoratori disoccupati”.

“GOL è debole per quanto concerne le persone che non sono in grado di trovare lavoro da sole – precisa l’Assessore Donazzan -.

Chi resta fuori dal mercato del lavoro (disoccupati di lunga durata, lavoratori fragili, gli inattivi, quasi 100.000 giovani neet) che vanno in qualche modo seguiti e accompagnati al lavoro”.

“Noi useremo gli strumenti dell’assegno per il lavoro rafforzato dedicato a GOL – conclude -.

Si tratta di uno strumento che ha dato grandi risultati in Veneto. Dal 2017 abbiamo investito 81 milioni di euro che hanno garantito il rilascio da parte dei Centri per l’impiego di 73.270 assegni.

Di questi 60.616 sono stati conclusi e 51.956 si sono trasformati in contratti di lavoro.

Il nostro assegno per il lavoro all’interno del programma sarà uno strumento efficace perché è già operativo e potrà essere portato avanti con i finanziamenti di GOL”.

Dal punto di vista operativo,

la Regione del Veneto, con DGR nr. 248 del 15 marzo 2022 ha adottato il Piano Attuativo Regionale del Programma GOL, delineando le modalità di attuazione del Programma in Veneto, in seguito approvato da Anpal.

A seguire è stato emanato un Avviso pubblico (DGR nr. 600 del 20 maggio 2022) rivolto agli operatori accreditati ai Servizi al Lavoro per realizzare le misure afferenti al percorso 1 “Reinserimento occupazionale” e al percorso 2 “Aggiornamento (upskilling)”. Infine, con DGR n. 845 del 12 luglio 2022 è stata emanata la Direttiva per la gestione dei percorsi indicati.

I disoccupati, beneficiari del programma,

a partire dal 25 luglio presentandosi presso i Centri per l’Impiego riceveranno un servizio di accoglienza e valutazione (assessment) personalizzato che consiste in un’attività di informazione e analisi dei bisogni della persona, in termini di distanza dal mercato del lavoro, con l’obiettivo di individuare i servizi più adeguati rispetto al fabbisogno rilevato nonché l’assegnazione ad uno dei percorsi previsti.

Nel momento in cui il beneficiario è assegnato un determinato percorso potrà scegliere, con il supporto del case manager, l’operatore accreditato al quale affidarsi per l’erogazione delle misure e riceverà l’Assegno GOL, ovvero un documento che descrive le misure di politica attiva che potrà svolgere presso gli operatori accreditati.

In generale,

possono accedere alla misura i disoccupati, percettori di ammortizzatori sociali (in costanza e in assenza di rapporto di lavoro) e di reddito di cittadinanza, i lavoratori fragili o vulnerabili (giovani NEET con meno di 30 anni), donne in condizioni di svantaggio, persone con disabilità, i lavoratori maturi over 55 anni e altri lavoratori con minori chances occupazionali e con redditi molto bassi.

Nello specifico, il percorso 1 è rivolto a beneficiari più vicini al mercato del lavoro dotati di competenze immediatamente spendibili e, quindi, più facilmente ricollocabili.

A queste persone saranno offerte misure di orientamento specialistico, formazione per le competenze digitali finalizzate all’autonomia nella vita sociale e attività mirate al rapido inserimento lavorativo.

Ai beneficiari del percorso 2 per i quali è stata riconosciuta in sede di valutazione, la necessità di aggiornamento delle proprie competenze per avere maggiori chances occupazionali, sarà erogato un intervento formativo di breve durata a cui seguiranno misure di orientamento specialistico, accompagnamento al lavoro e incontro domanda e offerta.

Comunicato nr. 1568-2022 (LAVORO)

(AVN) – Venezia, 22 luglio 2022

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button