Lettere e Opinioni

Io non ci vado

Io non ci vado

Eutanasia, cannabis e responsabilità civile sono state le proposte referendarie bocciate dalla Consulta.

Al di là delle questioni tecniche a suo tempo sollevate, ci si domanda qual è il senso del rifiuto, insomma, se c’è un obiettivo politico nel provvedimento della Corte Costituzionale.

Pertanto senza affogare nella sfilza delle procedure e nello strepito delle malelingue, passiamo ai quesiti che invece sono stati accolti. I 5 referendum che ci approntiamo a votare sembrano avere tutti un obiettivo dichiarato: incatenare gli strumenti che ha la magistratura per condannare i ladri.

La differenza maggiore tra quelli bocciati e quelli accolti,

è che i primi erano quesiti semplici, immediatamente comprensibili dalla gente, mentre gli altri sollevano faccende tecniche che il popolo faticherà non poco a capire, e soprattutto ad interessarsene.

Quelli bocciati, che rischiavano di essere promossi dal voto popolare, si è detto che sono stati affidati alla “politica”, cioè alla discussione parlamentare, come se il ricorso alle urne non fosse il punto più alto dell’espressione politica e della democrazia.

Da più di un anno è insediato un governo che vanta di avere obiettivi specifici: la vaccinazione generale e l’attuazione del PNRR. Quello precedente stava procedendo sulla stessa via e persino con maggiore successo, tuttavia il cambio fu giudicato necessario.

Da allora,

ciò che è stato più rimarchevole nel governo di “alto profilo” a cui ci hanno condannato il PdR Mattarella assieme ai partiti coalizzati contro il M5S sconfitti il 4 marzo, è la totale assenza nella lotta alla mafia e al malaffare; così come ha detto Gratteri: “non sono pervenuti”.

Eppure questo governo ha ritenuto opportuno rimettere mano alla Giustizia che aveva appena virato con la riforma Bonafede, producendo quella Cartabia che è un’accozzaglia di norme con l’obiettivo di rendere impossibile giudicare la classe abbiente.

E vogliamo ancora pensare che la Corte Costituzionale non sia un organo politico?

Ecco allora il combinato disposto.

  • una Consulta che boccia gli interessi popolari, e a una riforma che non giudica i ricchi (e perciò i ladri), si affiancano quesiti referendari che imbrigliano la volontà della magistratura per poterli condannare.
  • l’uno-due alla democrazia, che impedisce al popolo di esprimersi su questioni di interesse generale, mentre lo si obbliga a firmare provvedimenti di interesse privato.

Ma noi i ladri non li vogliamo in parlamento, li vogliamo in galera.

E perciò non andremo a votare. Però terremo d’occhio le percentuali d’affluenza dei concittadini ottusi e collusi, pronti ad andare nel seggio per scrivere NO su tutte le schede.

Giuseppe Di Maio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button