Cronaca

CNSAS: deceduto alpinista

PRECIPITA DALLA FERRATA VIALI E PERDE LA VITA

Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino di Recoaro – Valdagno è stato attivato dalla Centrale del Suem di Vicenza, a seguito della chiamata di un gruppo di ragazzi, che avevano scorto un corpo inanimato in un canale sotto la Ferrata Angelo Viali al Monte Gramolon, sulle Piccole Dolomiti. Partiti dal Rifugio Bertagnoli un paio d’ore prima, gli amici si trovavano più o meno a metà itinerario, quando si erano accorti del corpo immobile. L’elicottero di Verona emergenza, dopo aver imbarcato un soccorritore in supporto alle operazioni, ha sorvolato il punto indicato, individuando l’escursionista privo di vita. Sbarcati con un verricello di 30 metri tecnico di elisoccorso e soccorritore hanno provveduto a ricomporre la salma dell’uomo, del quale al momento non sono note le generalità, poi recuperata e trasportata al Rifugio Bertagnoli. Perfettamente attrezzato da ferrata, per motivi ancora al vaglio l’escursionista deve essere ruzzolato un’ottantina di metri all’interno del canale riportando traumi fatali.

Michela Canova

sito www.cnsas.veneto.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button