Cibo & Vino

Bottega: 300mila api nel vigneto

BOTTEGA IMMETTE 300.000 API NEL PROPRIO VIGNETO SULLE COLLINE DEL PROSECCO

In occasione del 20 maggio, giornata mondiale delle api

In occasione del 20 maggio, giornata mondiale delle api, la cantina Bottega ha deciso di immettere 300.000 di questi preziosi insetti nella natura incontaminata delle colline del Prosecco. È una scelta nel segno della sostenibilità, che l’azienda trevigiana ha sempre perseguito a 360° nella propria attività d’impresa.

Bottega: 300mila api nel vigneto
Sandro Bottega

Le api hanno un ruolo importantissimo

nel mantenimento della biodiversità. Sono insetti che agevolano l’impollinazione e di conseguenza la formazione dei frutti, trasportando il polline da un fiore all’altro e contribuendo alla conservazione della natura. La loro presenza è un termometro per misurare la salubrità di un territorio.

Il vigneto in questione è parte di un appezzamento di proprietà Bottega, situato sulle alture di Vittorio Veneto, in un’area in parte boschiva e caratterizzata da una grande bellezza paesaggistica.

In questo contesto le api sono state liberate da 6 arnie diverse e hanno trovato ad accoglierle un habitat naturale pienamente compatibile alle loro esigenze. Qui vengono coltivate esclusivamente uve Glera, da cui ha origine il Prosecco.

Il 20 maggio, giornata mondiale delle api, Bottega brinda a questi insetti e al loro importante contributo alla nostra salute.

Bottega spa: LA NOSTRA ISPIRAZIONE

L’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha indicato 17 principi di sviluppo sostenibile da attuare entro il 2030. Si tratta di un cambio di visione totale in cui la sostenibilità passa da un concetto puramente ambientale ad una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo.

Noi, come azienda e quindi come realtà dalla dimensione e rilevanza sociale, ci ispiriamo ogni giorno a questi principi rendendoli il nostro faro nella notte, la nostra guida nel momento in cui dobbiamo prendere ogni singola decisione.

I 17 principi sono:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button