Cultura e Spettacoli

Vicenza: il Museo del Risorgimento e della Resistenza aderisce al MuDRi

Il Comune di Vicenza aderisce al MuDRi, il Museo Diffuso del Risorgimento, progetto interregionale che mette in rete il patrimonio culturale dei luoghi protagonisti degli eventi risorgimentali, coinvolgendo i territori interessati in Veneto, Lombardia e Trentino. Con la creazione del Museo Diffuso del Risorgimento i Comuni costituenti si propongono di valorizzare il loro patrimonio storico e paesistico legato agli avvenimenti del Risorgimento.
L’amministrazione comunale di Vicenza ha approvato la delibera che individua il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Villa Guiccioli come partner alla realizzazione del progetto del MuDRi e ha sottoscritto un “Protocollo d’intesa per la definizione e la finalizzazione di azioni condivise per la costituzione del Museo Diffuso del Risorgimento” tra gli enti aderenti.

“Quando si dice che un museo è un universo di relazioni non si pensa solo al rapporto che si crea con il suo variegato pubblico di visitatori, ma anche alle forme di collaborazione e di condivisione che vengono attuate con altri soggetti allo scopo di potenziare la valorizzazione del proprio patrimonio culturale – dichiara l’assessore alla cultura Simona Siotto -. È questo un modo per organizzare la conoscenza e la fruizione del nostro patrimonio culturale proponendo una sua visione più ampia e arricchita”.

La finalità prioritaria del Museo Diffuso del Risorgimento è di conservare, conoscere, interpretare, valorizzare e promuovere il complesso dei beni culturali (musei, monumenti, ville, ossari, cippi, targhe) dei luoghi interessati dalle campagne militari del Risorgimento.
Il MuDRi è stato costituito nei mesi scorsi presso la Provincia di Mantova, che sta curando le fasi attuative e costitutive del progetto e che ha inviato al Comune di Vicenza una proposta perché il Museo del Risorgimento di Villa Guiccioli entri a far parte del MuDRi, aderendo al protocollo d’intesa sottoscritto il 22 giugno 2021 dalla Provincia di Mantova, da amministrazioni comunali di Veneto e Lombardia – tra cui Curtatone, Goito, Legnago, Desenzano del Garda, Valeggio sul Mincio – e da importanti Istituti storici dell’età contemporanea.
Il progetto, suddiviso in dieci aree tra le quali quella dei “Colli Berici” comprensiva inizialmente dei Comuni di Vicenza, Gambellara, Lonigo e Montebello Vicentino, prevede la realizzazione in forma integrata di un programma di azioni condivise per la valorizzazione e la promozione dei musei italiani risorgimentali e l’organizzazione di attività culturali finalizzate a riconoscere il valore delle testimonianze e delle tracce del passato risorgimentale in Italia, in particolare nell’area geografica collocata tra le regioni Veneto, Lombardia e la provincia di Trento.
La prima azione intrapresa è stata quella di avviare nello scorso mese di maggio, grazie alla collaborazione degli aderenti, un censimento dei beni materiali e immateriali del Museo Diffuso del Risorgimento, i cui dati saranno utilizzati per la costruzione del sito del MuDRi e della mappa interattiva, attività entrambe a cura della Provincia di Mantova. L’obiettivo è quello di mettere a disposizione una banca dati del patrimonio monumentale e delle memorie del periodo risorgimentale che dia conto dell’entità, della condizione di conservazione e della disponibilità al pubblico delle testimonianze e dei beni del Risorgimento, per programmare in seconda battuta la progettualità di percorsi di visita con la consapevolezza delle potenzialità culturali e turistiche del MuDRi.
Le schede della banca dati dei beni risorgimentali verranno implementate dagli aderenti, e caricate nel sito del MuDRi: www.museodiffusodelrisorgimento.it. Una sezione del sito, denominata “invito alla lettura”, collega il patrimonio monumentale con il patrimonio librario delle biblioteche civiche delle province di Mantova, Brescia e Verona, relativo al tema del Risorgimento.
La Provincia di Mantova intende programmare per le prossime settimane un’assemblea generale del MuDRi, in attesa della costituzione del Comitato di coordinamento per il quale sono in corso di individuazione i rappresentanti.

O. Faccioli Licata: Vittorio Emanuele II che si mostra al popolo dal prospetto del Civico Museo_1869
O. Faccioli Licata: Vittorio Emanuele II che si mostra al popolo dal prospetto del Civico Museo 1869
Pietro Negrisolo - Storia Vicentina, Barricate in città 1855-60
Pietro Negrisolo – Storia Vicentina, Barricate in città 1855-60
Barricate a Vicenza - litografia 1848
Barricate a Vicenza – litografia 1848

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button