Cronaca

Questura di Vicenza: Servizi Straordinari di Controllo del Territorio

Questura di Vicenza: Servizi Straordinari di Controllo del Territorio nelle aree a rischio della Città
Emessi dal Questore 3 Divieti d’Accesso agli Esercizi Pubblici di Vicenza,
4 Ordini di Allontanamento dall’ Italia,
7 Fogli di Via ed altre Misure di Prevenzione
2 clandestini pluripregiudicati espulsi ed accompagnati alla Frontiera
Dall’alba di martedì 18 gennaio e fino alla scorsa notte sono state effettuate operazioni di controllo straordinario del territorio, disposte con Ordinanza dal Questore della Provincia di Vicenza Paolo SARTORI a seguito delle indicazioni emerse in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica al fine di prevenire lo spaccio di sostanze stupefacenti, i reati contro il patrimonio e tutte quelle forme di micro-criminalità che destano particolare allarme sociale nella popolazione, nonché finalizzate al controllo della posizione di soggiorno di cittadini stranieri ed al rispetto della normativa di contenimento pandemico sia all’interno di esercizi commerciali che su strada.
Le attività operative – effettuate con l’impiego di circa 35 uomini appartenenti alla Questura di Vicenza, al Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, al Comando Provinciale della Guardia di Finanza, alla Polizia Locale di Vicenza ed al Reparto Prevenzione del Crimine della Polizia di Stato – si sono concentrate prevalentemente nella zona di Campo Marzo e nei dintorni della Stazione Ferroviaria, nel quadrilatero di Viale Milano, Viale Firenze, Viale Torino e Viale Verona, nell’area del c.d. Park Verdi, in Piazzale Bologna e Via Battaglione
Monte Berico, Via Gorizia e Via San Lazzaro, nonché nelle principali piazze e strade del Centro cittadino, in zona Contrà Pescherie Vecchie. Speciale attenzione è stata riservata, nel corso dei predetti servizi, a quelle aree ove è stata segnalata la presenza di immigrati irregolari ovvero soggetti dediti allo spaccio al dettaglio di stupefacenti, nonché a quei contesti urbani in cui, nelle ultime settimane, è stata segnalata una potenziale recrudescenza di dinamiche legate alla criminalità diffusa (risse, aggressioni, furti e quant’altro).
Controlli specifici sono stati inoltre effettuati presso Sale Scommesse e V.L.T. (4) nonché in Bar e Locali Pubblici (11) oggetto di segnalazioni e lamentele da parte di cittadini per problematiche di ordine e sicurezza pubblica, con identificazione delle persone presenti, anche al fine di prevenire e reprimere il fenomeno del gioco illegale e di garantire la tutela dei minori.
Complessivamente – anche durante l’effettuazione dei 4 Posti di Controllo predisposti lungo le arterie che conducono in Città – sono stati controllati 132 persone (di cui 47 con precedenti penali e/o di Polizia) e 29 autoveicoli.
Al termine delle operazioni di Polizia, ed a seguito delle verifiche e degli accertamenti investigativi effettuati nei confronti delle 47 persone risultate avere a proprio carico precedenti penali e/o di Polizia di vario genere e gravità, il Questore Sartori ha adottato i seguenti Provvedimenti:
 2 Divieti di Accesso in tutti gli Esercizi Pubblici del Comune di Vicenza (c.d. DASPO URBANO) per il periodo di 2 anni emessi a carico di altrettanti individui coinvolti in episodi di turbativa dell’ordine pubblico;
 Nei confronti di un cittadino nigeriano del 1990, da poco scarcerato dalla locale Casa Circondariale, con precedenti per resistenza, lesioni personali, stupefacenti e furto, il Questore ha emesso 1 Decreto di accompagnamento immediato e trattenimento presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Gradisca d’Isonzo (Gorizia), ove è stato tradotto dagli Agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura e da dove, quanto prima, verrà trasferito nel Paese d’origine. Allo stesso modo, il Questore ha emesso 1 Decreto di accompagnamento immediato e trattenimento presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Torino, in attesa di essere trasferito al più presto in Serbia, nei confronti di un cittadino serbo di 36 anni, pluripregiudicato per furti e rapine ed anch’esso da poco scarcerato dalla locale Casa Circondariale;
 4 Ordini di Allontanamento immediato dal Territorio nazionale nei confronti di cittadini extracomunitari pluripregiudicati non più in possesso dei requisiti richiesti per risiedere in Italia;
 3 Revoche di Permesso di Soggiorno nei confronti di cittadini extracomunitari che, per motivi diversi, quasi sempre dovuti alla commissione di reati, non posseggono più alcun titolo per soggiornare nel nostro Paese. A tutti è stato intimato di lasciare il Territorio Nazionale entro 15 giorni;
 7 Fogli di Via Obbligatori – Misura di Prevenzione Personale prevista dal Codice delle Leggi Antimafia – a carico di altrettanti cittadini italiani gravati da precedenti penali e di
Polizia, residenti in Comuni di altra Provincia e senza alcun titolo per permanere sul nostro territorio;
 2 Avvisi Orali – Misura di Prevenzione Personale prevista dal Codice delle Leggi Antimafia – nei confronti di pluripregiudicati sorpresi in atteggiamenti e luoghi sospetti, in relazione ai quali si ha fondato motivo di ritenere che vivano con i proventi dei reati commessi.
 1 Revoca di Porto d’Armi nei confronti di un soggetto che, per essere stato coinvolto in situazioni non compatibili con i requisiti obbligatoriamente previsti per essere possessore di questo tipo di Autorizzazioni di Polizia, non ne possedeva più il titolo.
“La sicurezza è un bene irrinunciabile per una Comunità, e tutte le persone che ne fanno parte si aspettano che le Autorità preposte e le Forze dell’Ordine vigilino costantemente ed utilizzino in maniera efficace tutti gli strumenti che la legge consente – ha evidenziato il Questore Paolo Sartori al termine dell’operazione –. In questo contesto una costante e capillare attività di intervento in fase preventiva, oltre a rendere concreta la percezione di sicurezza da parte dei cittadini, ci consente di far fronte e di tenere sotto controllo le diverse espressioni di illegalità che si manifestano sul territorio della nostra Provincia, evitando che possano qui radicarsi fenomeni delinquenziali e soggetti dediti ad attività criminali che non hanno titolo per permanervi, spesso commettendo reati che infondono particolare allarme sociale e compromettono la civile convivenza”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button