Politica

Cisl Vicenza: quali alleanze per lo sviluppo

Cisl Vicenza: quali alleanze per lo sviluppo: IMPRESA E LAVORATORI

Questo il tema della tavola rotonda organizzata ieri da Cisl Vicenza con la partecipazione
di Elena Donazzan, Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro;
Alberto Favero, vicepresidente di Confindustria Vicenza con delega alle relazioni industriali;
e Gianluca Cavion, presidente di Confartigianato Imprese Vicenza

Rilanciare i distretti come strumento di confronto e alleanza tra le imprese e tra imprese e lavoratori, per affrontare uniti le grandi sfide che il contesto pone di fronte al nostro sistema produttivo: la digitalizzazione e l’innovazione in generale, la sostenibilità ambientale, l’utilizzo efficace dei fondi del PNRR. È questo l’appello lanciato da Cisl Vicenza in occasione di una tavola rotonda ospitata ieri pomeriggio a Villa Fabris, a Thiene, alla quale oltre al segretario generale provinciale Raffale Consiglio hanno preso Elena Donazzan, Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro; Alberto Favero, vicepresidente di Confindustria Vicenza con delega alle relazioni industriali; e Gianluca Cavion, presidente di Confartigianato Imprese Vicenza.

L’incontro, che era il primo dei due eventi pubblici organizzati da Cisl Vicenza in preparazione del proprio Congresso Generale Provinciale in programma il 7 e 8 febbraio 2022, si è aperto con la presentazione di una ricerca condotta dall’Ufficio Studi di Cisl Vicenza sui 4 distretti produttivi vicentini ufficialmente riconosciuti dalla Regione Veneto: la Ceramica artistica di Nove e Bassano, l’Orafo Vicentino, la Meccanica dell’Alto Vicentino e la Pelle della Valle del Chiampo.

«“Orientare il futuro” sarà lo slogan del nostro congresso provinciale – spiega Raffaele Consiglio -. In preparazione di questo fondamentale appuntamento abbiamo quindi voluto costruire due momenti di pubblico confronto su quelli che possono essere gli strumenti per riuscire davvero a “orientare il futuro”, coinvolgendo nel dibattito per la prima volta non solo la rappresentanza sindacale, ma anche i rappresentanti delle categorie economiche e delle istituzioni. Questo perché abbiamo di fronte grandi difficoltà, questo inizio d’anno lo sta evidenziando, ma anche grandi opportunità, non solo per i fondi del PNRR ma anche per i cambiamenti che stanno caratterizzando questa epoca. Per governare questo cambiamento occorre costruire una grande alleanza e i distretti possono essere sicuramente uno spazio importante di confronto, nei quali studiare accordi innovativi per rispondere alle richieste di un mercato che ormai è globale e che non controlliamo più, con la disponibilità delle imprese d’altra parte a distribuire una parte del reddito generato. I distretti possono essere uno spazio per dialogare sui temi concreti, facendo propri anche i problemi di quelle che tradizionalmente sono considerate le “controparti”, perché altrimenti non ci può essere una vera alleanza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button